Alia Servizi Ambientali investe nella produzione di biometano

Un nuovo bell’esempio di economia circolare arriva dalla Toscana

Alia Servizi Ambientali, il gestore unico dei servizi di igiene urbana dell’ATO Toscana Centro, ha appena avviato i lavori per la realizzazione della nuova sezione di digestione anaerobica presso il Polo di Casa Sartori a Montespertoli, in provincia di Firenze.

Il nuovo sistema, insieme al rinnovamento tecnologico dell’impianto di compostaggio, sarà realizzato con un investimento di 30 milioni di euro e consentirà di ottenere biometano dai rifiuti organici.

Il progetto del biodigestore anaerobico

Il progetto è nato per valorizzare la frazione organica dei rifiuti proveniente da raccolta differenziata. Avrà luogo in un polo impiantistico che si autosostiene con l’energia green prodotta dai moduli fotovoltaici. Nello specifico la frazione organica dei rifiuti, che rappresenta la quota più rilevante, sarà trasformata in combustibile pulito e completamente rinnovabile. Il combustibile potrà essere utilizzato per alimentare il parco mezzi dell’azienda o essere immesso direttamente nella Rete Gas Nazionale. 

In questo modo Alia Servizi Ambientali raggiungerà l’autosufficienza per il recupero della frazione organica, in previsione delle trasformazioni dei servizi di raccolta nei comuni gestiti. Così facendo si risponderà in maniera ecologicamente sostenibile al problema della gestione dei rifiuti. Per non parlare dei vantaggi che si avranno creando nuovi posti di lavoro sul territorio.

L’azienda indica il Polo di Casa Sartori come il più grande in Italia per questo tipo di tecnologia. Attraverso il processo biologico naturale di digestione anaerobica, sarà possibile ottenere ogni anno 11 milioni di metri cubi di biometano. Il potenziale energetico è di 100 milioni di kWh/anno, e 25.000 t di compost, grazie al trattamento di circa 160.000 t di rifiuti organici

Tutto il processo di digestione anaerobica avverrà al chiuso, in ambiente sigillato, senza quindi produrre emissioni in atmosfera. I lavori di costruzione dell’impianto saranno completati nel 2022.


Leggi anche

È al vaglio della Conferenza dei servizi il progetto per la realizzazione del nuovo digestore anaerobico della multiutility nella frazione Fossoli di Carpi. L’impianto produrrà gas rinnovabile da immettere nella rete dalla frazione organica dei rifiuti e sarà abbinato a un sistema per il recupero della CO2, evitandone l’immissione in atmosfera e rendendola disponibile per altri usi…

Leggi tutto…

Attraverso la controllata Snam4Environment, il gruppo ha sottoscritto un accordo con Asja per acquisire un portafoglio di impianti esistenti e progetti di sviluppo nel campo del trattamento della FORSU e produzione del gas rinnovabile. L’operazione, del valore di 100 milioni di euro, rientra nella strategia di crescita di Snam nel biometano per contribuire allo sviluppo di una filiera chiave nel percorso di transizione ecologica del Paese…

Leggi tutto…

L’intervento di abbattimento è l’atto simbolico che dà il via alla transizione ecologica del vecchio impianto, che verrà sostituito da quello totalmente carbon neutral e di nuova concezione che entrerà in funzione nella primavera del 2023. L’intera operazione è stata realizzata da Gruppo CAP, gestore del servizio idrico integrato della Città metropolitana di Milano e da ZEROC, la nuova società che gestirà le attività della Biopiattaforma…

Leggi tutto…

Completare la trasformazione digitale delle infrastrutture e guidare la transizione energetica dando impulso allo sviluppo dei gas rinnovabili e all’efficienza energetica: questi sono i principali obiettivi del nuovo Piano strategico che aggiorna quello presentato lo scorso ottobre. Importanti risorse sono poi destinate alle acquisizioni e alle gare Atem per proseguire il programma di crescita …

Leggi tutto…

Prosegue spedito il piano di conversione al metano delle reti che in precedenza distribuivano GPL nell’isola. A breve saranno raggiunti dal gas naturale anche Ossi, Muros, Cargeghe, Uri, Usini e Villagrande Strisaili. Nei prossimi mesi sarà la volta di altri 23 comuni. Intanto, la società prosegue anche con la posa di nuove reti di distribuzione, native digital: già realizzati 815 km sui 1100 pianificati….

Leggi tutto…