Allarme di Fiper sul futuro del teleriscaldamento a biomasse

C’è allarme sul futuro della filiera bosco-legno-energia. A lanciarlo è Fiper, la Federazione Italiana produttori di energia da fonti rinnovabili, nel cui mirino è finito l’articolo 18 della Legge Europea, approvata dalla Camera e ora in discussione al Senato, che prevede l’abrogazione delle disposizioni relative all’estensione del periodo di incentivazione per gli impianti a biomasse, biogas e bioliquidi. Ad essere tagliati sono gli incentivi previsti dalla Legge di Stabilità 2016 che riconoscevano ad alcuni impianti un ulteriore nuovo incentivo rispetto a quello fornito dalla vecchia disciplina di sostegno alle fonti rinnovabili. L’articolo si riferisce alla produzione elettrica, ma ha pesanti ricadute anche sui sistemi di teleriscaldamento alimentati a biomassa. «Il punto – spiega Walter Righini, presidente Fiper, in una nota – è che per il Governo non c’è differenza tra i grandi impianti di sola produzione elettrica che acquisiscono biomassa con le navi dai piccoli impianti cogenerativi abbinati a reti di teleriscaldamento a biomassa, che si approvvigionano di biomassa legnosa proveniente dalla manutenzione dei boschi circostanti nelle aree alpine e appenniniche del Bel Paese». Una scelta, sottolinea la Federazione, che non riconosce il ruolo strategico della filiera bosco-legno-energia per l’economia del Paese e che mostra una grave disattenzione alla questione delle “aree interne e montane”.

Ma c’è di più, in quanto, secondo Fiper, il provvedimento non rappresenta purtroppo un caso isolato. Già sul fondo di efficienza energetica, si spiega nella nota, Fiper aveva denunciato al Ministero dello Sviluppo Economico l’impossibilità di accedere per le reti di teleriscaldamento a biomassa a causa del requisito di cogenerazione ad alto rendimento, così come l’assenza delle linee guida del GSE (Gestore dei Servizi Energetici) riguardo il riconoscimento dei titoli di efficienza energetica e l’attesa da quasi due anni del Decreto Fer 2 per la produzione di energia elettrica da biomasse/biogas. «A conferma di questa “disaffezione” l’assenza del teleriscaldamento efficiente all’interno del progetto Incentivi.gov.it, che raccoglie le opportunità di finanziamento per imprese, startup e cittadini, presentato lo scorso 12 marzo 2019».

E proprio in vista del recepimento della Direttiva Red 2 e della Consultazione pubblica sul Piano Clima Energia, la Federazione «auspica che il Governo faccia chiarezza sul tema biomasse e favorisca l’avvio e il consolidamento di questi impianti, delle comunità energetiche rinnovabili proprio in questi territori ai “confini dell’Impero” che già sono per la maggior parte rinnovabili al 100% e forniscono energia pulita alle aree urbane e centrali».


Leggi anche

Teleriscaldamento Piancastagnaio

Dopo il blocco dovuto all’emergenza sanitaria, sono ripresi a pieno ritmo i lavori per realizzare la rete di distribuzione del calore a servizio del comune dell’Amiata. La nuova rete è destinata ad alimentare il nucleo principale del comune e si aggiunge alle due già realizzate e in servizio che teleriscaldano l’area artigianale de “La Rota” e il centro abitato di Casa del Corto…

Leggi tutto…

Abbiamo intervistato Alessandro Vistoli, Amminsitratore Delegato di Terranova che ci ha raccontato come l’azienda affianca le utility per una migliore gestione della trasformazione tecnologica….

Leggi tutto…

Linee guida teleriscaldamento

Fino al 9 giugno la possibilità di inviare le proprie osservazioni sui nuovi documenti Uni in materia di teleriscaldamento e teleraffrescamento elaborati su mandato di Arera. Il primo definisce le modalità di esecuzione del servizio di pronto intervento e della gestione delle emergenze. Il secondo definisce le caratteristiche e la qualità del fluido termovettore da utilizzare nei sistemi …

Leggi tutto…

I capitali raccolti, concessi da un pool di banche, saranno utilizzati per sostenere le attività nel campo del teleriscaldamento delle varie società di scopo che fanno parte di TlrNet, società controllata da Egea e dal fondo britannico iCon Infrastructure. Buona parte delle risorse è destinata al progetto del sistema di Alessandria, portato avanti da Telenergia, partecipata da Egea e dalla multiutility alessandrina Amag….

Leggi tutto…

Iren

Iren Energia ha concluso l’acquisizione del ramo d’azienda di Sei Energia che riguarda i sistemi di teleriscaldamento di Collegno, Rivoli e del 49% del capitale azionario di Nove, che gestisce il servizio a Grugliasco. Un’operazione strategica, del valore di 24,4 milioni di euro, che consentirà alla società di estendere la rete integrandola con quella già esistente a servizio dell’area della Città metropolitana di Torino …

Leggi tutto…