Alleanza sul teleriscaldamento in provincia di Bolzano


Il consiglio comunale di Varna (Bolzano) ha dato il via libera all’acquisizione della rete di teleriscaldamento di Sciaves attraverso la Società consortile a responsabilità limitata Teleriscaldamento Varna-Bressanone. In tal modo l’attività della società consortile verrà ampliata a un comune limitrofo, con la possibilità di futuri sviluppi. A Sciaves è attiva la cooperativa Teleriscaldamento Sciaves, il cui consiglio direttivo ha preso contatti con la società di Varna-Bressanone, al fine di valutare una possibile cessione degli impianti di Sciaves. La società consortile bressinese ha espresso una posizione fondamentalmente non negativa nei confronti di questa ipotesi, tenendo conto sia dei vantaggi derivanti da una collaborazione tra comuni limitrofi sia dei positivi effetti sinergici derivanti da una conduzione comune delle reti di teleriscaldamento di tutti i comuni partecipanti. L’azienda municipalizzata di Bressanone dispone soprattutto di un profilo tecnico di rilievo e le strutture adatte alla conduzione efficace di una rete di teleriscaldamento, peculiarità estensibili anche alla conduzione di impianti in altri comuni limitrofi. In collaborazione con l’istituto bancario finanziatore, è stato redatto un piano imprenditoriale in modo da mantenere in funzione la rete di teleriscaldamento di Sciaves con piena copertura dei costi. Questo consente che la rete si autofinanzi, senza la necessità di disporre di ulteriori mezzi. Per la conduzione degli impianti e il loro sviluppo è stata fondata una nuova società, denominata Teleriscaldamento Naz-Sciaves Srl. In un secondo momento è prevista la partecipazione alla società del comune di Naz-Sciaves con una quota del 20%.


Leggi anche

Linee guida teleriscaldamento

Fino al 9 giugno la possibilità di inviare le proprie osservazioni sui nuovi documenti Uni in materia di teleriscaldamento e teleraffrescamento elaborati su mandato di Arera. Il primo definisce le modalità di esecuzione del servizio di pronto intervento e della gestione delle emergenze. Il secondo definisce le caratteristiche e la qualità del fluido termovettore da utilizzare nei sistemi …

Leggi tutto…

I capitali raccolti, concessi da un pool di banche, saranno utilizzati per sostenere le attività nel campo del teleriscaldamento delle varie società di scopo che fanno parte di TlrNet, società controllata da Egea e dal fondo britannico iCon Infrastructure. Buona parte delle risorse è destinata al progetto del sistema di Alessandria, portato avanti da Telenergia, partecipata da Egea e dalla multiutility alessandrina Amag….

Leggi tutto…

Iren

Iren Energia ha concluso l’acquisizione del ramo d’azienda di Sei Energia che riguarda i sistemi di teleriscaldamento di Collegno, Rivoli e del 49% del capitale azionario di Nove, che gestisce il servizio a Grugliasco. Un’operazione strategica, del valore di 24,4 milioni di euro, che consentirà alla società di estendere la rete integrandola con quella già esistente a servizio dell’area della Città metropolitana di Torino …

Leggi tutto…

Centrale Lamarmora

La prossima stagione termica a Brescia sarà ancora più green. La multiutility ha deciso di eliminare l’utilizzo di carbone nella centrale Lamarmora, che rappresenta la seconda fonte di generazione di calore per la rete di teleriscaldamento cittadino, contribuendo al 30% del fabbisogno. Una scelta che segna una decisa accelerata sul programma di decarbonizzazione annunciato da A2A…

Leggi tutto…

Il sistema sviluppato e gestito da Hera ha appena ottenuto la certificazione Carbon Footprint rilasciata da Sgs per il suo basso impatto ambientale. Alimentato per il 90% con energia termica da fonte geotermica e con il recupero di calore del termovalorizzatore cittadino, il sistema, come rilevato da uno studio condotto da Ergo, emette solo 122 g di CO2 per ogni kWh termico immesso in rete…

Leggi tutto…