Alleanza sul teleriscaldamento in provincia di Bolzano


Il consiglio comunale di Varna (Bolzano) ha dato il via libera all’acquisizione della rete di teleriscaldamento di Sciaves attraverso la Società consortile a responsabilità limitata Teleriscaldamento Varna-Bressanone. In tal modo l’attività della società consortile verrà ampliata a un comune limitrofo, con la possibilità di futuri sviluppi. A Sciaves è attiva la cooperativa Teleriscaldamento Sciaves, il cui consiglio direttivo ha preso contatti con la società di Varna-Bressanone, al fine di valutare una possibile cessione degli impianti di Sciaves. La società consortile bressinese ha espresso una posizione fondamentalmente non negativa nei confronti di questa ipotesi, tenendo conto sia dei vantaggi derivanti da una collaborazione tra comuni limitrofi sia dei positivi effetti sinergici derivanti da una conduzione comune delle reti di teleriscaldamento di tutti i comuni partecipanti. L’azienda municipalizzata di Bressanone dispone soprattutto di un profilo tecnico di rilievo e le strutture adatte alla conduzione efficace di una rete di teleriscaldamento, peculiarità estensibili anche alla conduzione di impianti in altri comuni limitrofi. In collaborazione con l’istituto bancario finanziatore, è stato redatto un piano imprenditoriale in modo da mantenere in funzione la rete di teleriscaldamento di Sciaves con piena copertura dei costi. Questo consente che la rete si autofinanzi, senza la necessità di disporre di ulteriori mezzi. Per la conduzione degli impianti e il loro sviluppo è stata fondata una nuova società, denominata Teleriscaldamento Naz-Sciaves Srl. In un secondo momento è prevista la partecipazione alla società del comune di Naz-Sciaves con una quota del 20%.


Leggi anche

Con la Legge di Bilancio 2021 viene confermato il Bonus pubblicità anche per i prossimi due anni. Attraverso il credito di imposta si potrà recuperare il 50% di quanto investito in campagne pubblicitarie su quotidiani e riviste, anche online.
Prenota entro il 31 marzo la tua pianificazione per usufruire del credito d’imposta….

Leggi tutto…

Nel bilancio previsionale l’amministrazione comunale ha previsto un investimento tra i 2 e 3 milioni di euro per la realizzazione del secondo lotto dell’opera. La rete raggiungerà così le nuove aree del borgo senese e la frazione di Belforte. Entrata in esercizio nell’autunno del 2019, l’infrastruttura gestita da Geo Energy Service è alimentata da un pozzo geotermico di Enel Green Power e serve al momento oltre 150 utenze. …

Leggi tutto…

L’amministrazione del comune del milanese ha dato l’ok al progetto di revamping della centrale a metano a servizio della rete di teleriscaldamento di Engie. Il progetto prevede la costruzione di due serbatoi di accumulo e di una caldaia di backup. In questo modo sarà possibile sfruttare l’energia termica che arriverà dal termovalorizzatore di BEA a Desio e ridurre così il consumo di gas per alimentare l’infrastruttura …

Leggi tutto…

È quanto prevede il nuovo piano industriale 2021-2030 Life is our Duty, focalizzato sull’economia circolare e sulla transizione energetica, con investimenti, rispettivamente, per 6 e 10 miliardi di euro, per contribuire al conseguimento degli obiettivi di sostenibilità dell’ONU e al rilancio economico del Paese. Tra i target, ridurre del 20% delle perdite idriche, portare la capacità installata di rinnovabili a 5,7 GW, e recuperare ulteriori 4,4 milioni di tonnellate di rifiuti …

Leggi tutto…

L’azienda sta sperimentando nella città, dove è stata realizzata la prima rete di teleriscaldamento d’Italia, l’uso della termografia con droni per l’ispezione dell’infrastruttura. Una soluzione che si affianca alle tecniche di controllo già in uso, come la termografia a terra con automezzo, le prove di tenuta in pressione e i sistemi di misura estivi, e che permette di raggiungere le tratte di rete difficilmente accessibili dai mezzi a terra…

Leggi tutto…