Amam: opere per 141 milioni nel Piano operativo triennale

Prevede opere per 141 milioni di euro il Piano operativo triennale presentato da Amam, il gestore del ciclo idrico di Messina, al ministero dell’Ambiente. Opere indispensabili a garantire all’intera città la disponibilità di acqua 24 ore al giorno, tutta la settimana, e assicurare il corretto smaltimento dei reflui.

Settore idrico

Nel settore idrico, gli interventi previsti dal Piano operativo ammontano a 53 milioni, dei quali quasi 5 già impegnati per la realizzazione, in corso, della nuova condotta in località Forza d’Agrò, dove una frana aveva messo in pericolo la tenuta dell’acquedotto Fiumefreddo che approvvigiona la città. Circa 3 milioni sono invece destinati alla manutenzione straordinaria di alcuni impianti finalizzata al recupero delle perdite idriche. Il programma prevede anche due progetti, già esecutivi e cantierabili, per un totale di oltre 6 milioni: uno per garantire la sicurezza strutturale dell’acquedotto Fiumefreddo e l’altro per il recupero e il ripristino di una delle quattro vasche del serbatoio Montesanto.

42 milioni sono invece stanziati per opere per le quali non sono però ancora pronti i progetti. Si tratta della realizzazione della nuova rete di distribuzione, un intervento da 35 milioni (20 dei quali per la zona sud e 15 per la zona nord della città), del quale si sta completando la progettazione esecutiva, e del rifacimento della rete costiera, un intervento da oltre 6 milioni di euro.

Rete fognaria e depurazione

Ammonta a 70 milioni, invece, la spesa destinata alla rete fognaria e alla depurazione delle acque reflue. In questo ambito l’opera maggiore è la costruzione di un depuratore in località Tono, per una spesa, già finanziata, di 40 milioni. Finanziata, con 3 milioni, anche la manutenzione del depuratore di Mili e i tre interventi, già partiti, che riguardano la manutenzione straordinaria degli impianti fognari (2,2 milioni di euro), l’adeguamento delle pompe di sollevamento di riserva (450.000 euro) e l’ottimizzazione ambientale-normativa della rete fognaria di via del Carmine e di piazza d’Armi (410.000 euro).

Nel Piano rientra anche il grande progetto di risanamento dei bacini dei torrenti cittadini, opera da 16,5 milioni, la costruzione del collettore fognario Cassina, per una spesa di 1,1 milioni, e un intervento da 6 milioni per i depuratori di Mili e San Saba. Completano l’elenco i progetti per la ricerca di nuove fonti di approvvigionamenti idrico, del valore di 4,5 milioni, per realizzare un collegamento tra le reti, opera da 10 milioni, e per la ricerca perdite sull’infrastruttura (oltre 1,1 milioni). Infine, i due appalti, già in corso, per la costruzione del sistema informativo aziendale, da 800.000 euro, e la fornitura di strumenti tecnologici e sensori, da un milione di euro.


Leggi anche

Identificare le soluzioni più sostenibili per il recupero dei fanghi di depurazione è l’obiettivo del progetto F.A.N.G.H.I, vincitore del bando Call Hub Ricerca e Innovazione di Regione Lombardia. Progetto che sarà portato avanti nei prossimi 30 mesi da A2A Ambiente, che ne è capofila, con BrianzAcque, MM, l’Istituto Mario Negri di Milano, Lariana Depur e Tcr Tecora…

Leggi tutto…

Il progetto, per un importo di 450 mila euro, porterà alla realizzazione della condotta a 6,5 km dalla costa. Approvata anche la procedura di gara per il potenziamento delle reti a Talsano (Ta) per 9,4 mln…

Leggi tutto…

Approvato dal Consiglio di amministrazione, il documento al 2023 destina la maggior parte delle risorse, circa 1,9 miliardi, all’estensione, ammodernamento ed evoluzione tecnologica delle reti, con una quota significativa stanziata per il rinnovo dei misuratori. A fine quinquennio previsto un margine operativo lordo di 1,25 miliardi, in aumento di 219 milioni rispetto al 2018…

Leggi tutto…

Delle risorse, parte delle quali provenienti dal ministero dell’Ambiente, che saranno investite in un arco di 5 anni, beneficeranno 105 comuni della regione per portare avanti interventi di efficientamento della rete di distribuzione, con particolare attenzione alla lotta alle perdite idriche, potenziamento delle fognature e realizzazione di depuratori …

Leggi tutto…

I lavori, durati un anno e realizzati con un investimento di 600.0000 euro, hanno permesso di migliorare le prestazioni ambientali dell’impianto, incrementando l’efficienza e le performance del comparto biologico e della linea fanghi. Adesso il gestore si appresta a bandire la gara, da oltre 300.000 euro, per la realizzazione di un impianto di potabilizzazione per rimuovere arsenico e fluoruri dall’acqua proveniente da un campo pozzi utilizzata durante i mesi estivi…

Leggi tutto…