Amam: opere per 141 milioni nel Piano operativo triennale

Prevede opere per 141 milioni di euro il Piano operativo triennale presentato da Amam, il gestore del ciclo idrico di Messina, al ministero dell’Ambiente. Opere indispensabili a garantire all’intera città la disponibilità di acqua 24 ore al giorno, tutta la settimana, e assicurare il corretto smaltimento dei reflui.

Settore idrico

Nel settore idrico, gli interventi previsti dal Piano operativo ammontano a 53 milioni, dei quali quasi 5 già impegnati per la realizzazione, in corso, della nuova condotta in località Forza d’Agrò, dove una frana aveva messo in pericolo la tenuta dell’acquedotto Fiumefreddo che approvvigiona la città. Circa 3 milioni sono invece destinati alla manutenzione straordinaria di alcuni impianti finalizzata al recupero delle perdite idriche. Il programma prevede anche due progetti, già esecutivi e cantierabili, per un totale di oltre 6 milioni: uno per garantire la sicurezza strutturale dell’acquedotto Fiumefreddo e l’altro per il recupero e il ripristino di una delle quattro vasche del serbatoio Montesanto.

42 milioni sono invece stanziati per opere per le quali non sono però ancora pronti i progetti. Si tratta della realizzazione della nuova rete di distribuzione, un intervento da 35 milioni (20 dei quali per la zona sud e 15 per la zona nord della città), del quale si sta completando la progettazione esecutiva, e del rifacimento della rete costiera, un intervento da oltre 6 milioni di euro.

Rete fognaria e depurazione

Ammonta a 70 milioni, invece, la spesa destinata alla rete fognaria e alla depurazione delle acque reflue. In questo ambito l’opera maggiore è la costruzione di un depuratore in località Tono, per una spesa, già finanziata, di 40 milioni. Finanziata, con 3 milioni, anche la manutenzione del depuratore di Mili e i tre interventi, già partiti, che riguardano la manutenzione straordinaria degli impianti fognari (2,2 milioni di euro), l’adeguamento delle pompe di sollevamento di riserva (450.000 euro) e l’ottimizzazione ambientale-normativa della rete fognaria di via del Carmine e di piazza d’Armi (410.000 euro).

Nel Piano rientra anche il grande progetto di risanamento dei bacini dei torrenti cittadini, opera da 16,5 milioni, la costruzione del collettore fognario Cassina, per una spesa di 1,1 milioni, e un intervento da 6 milioni per i depuratori di Mili e San Saba. Completano l’elenco i progetti per la ricerca di nuove fonti di approvvigionamenti idrico, del valore di 4,5 milioni, per realizzare un collegamento tra le reti, opera da 10 milioni, e per la ricerca perdite sull’infrastruttura (oltre 1,1 milioni). Infine, i due appalti, già in corso, per la costruzione del sistema informativo aziendale, da 800.000 euro, e la fornitura di strumenti tecnologici e sensori, da un milione di euro.


Leggi anche

Smat Torino - Bilancio 2019

Ottimi numeri quelli del bilancio relativo all’esercizio 2019 della società che gestisce il ciclo idrico a Torino e nei comuni della sua provincia. Il fatturato è salito a 442,9 milioni di euro, con gli utili pari a 54,7 milioni di euro e l’indebitamento finanziario lordo ridottosi di oltre il 14% rispetto al dato del 2018. Notevole il dato sugli investimenti, pari a 121 milioni, cresciuti del 34% sul 2018…

Leggi tutto…

Cantiere depuratore Castagnaro di acquevenete

Partiti i lavori di ristrutturazione dell’impianto, con l’obiettivo di rendere più efficiente il processo di trattamento dei reflui e migliorare la qualità dell’acqua in uscita. Tutto ciò attraverso la costruzione di un sistema di trattamento biologico a fanghi attivi a ossidazione totale e di alcune opere accessorie, che saranno concluse entro il prossimo settembre …

Leggi tutto…

Acque Bresciane Bilancio sostenibilità

Il gestore idrico di 93 comuni della provincia di Brescia ha presentato il Bilancio di sostenibilità relativo allo scorso anno, che riassume l’attività dell’azienda e il suo impegno in favore della tutela dell’ambiente. Azienda che lo scorso anno ha fatto investimento per 24 milioni di euro, rispetto ai 18 dell’anno precedente, riducendo le perdite di rete, azzerando quasi la quota di fanghi smaltiti in discarica, inferiore all’1%, e abbattendo i consumi della sua flotta del 27%…

Leggi tutto…

Acquedotto Pugliese tubazioni in gres

Il Consiglio di amministrazione del gestore idrico pugliese ha approvato una nuova serie di bandi che interessano la conduzione e manutenzione delle reti idriche e fognarie, per un valore di 240 milioni di euro. A questi si aggiungono i bandi per l’adeguamento dei depuratori delle province di Bari e Barletta Andria Trani, di Brindisi, di Taranto e di Foggia per un importo di 47,5 milioni, e la fornitura di un gruppo elettrogeno per il sistema di sollevamento idrico di Manfredonia…

Leggi tutto…

Posa prima pietra dei lavori di potenziamento da parte di Hera del sistema fognario della Darsena di Ravenna

L’opera del valore complessivo di 8 milioni di euro ha come obiettivo di garantire la sicurezza dell’area della Darsena e il miglioramento ambientale del Candiano, il canale navigabile che collega la città al mare. Suddiviso i tre stralci, prevede la realizzazione di un nuovo collettore, di diverse tratte di fognatura, di impianti di sollevamento e di due vasche di prima pioggia. Parte dei lavori saranno realizzati con la tecnologia senza scavo della trivellazione orizzontale controllata …

Leggi tutto…