AMAP affida la progettazione per il rinnovo del potabilizzatore Jato

È stata affidata a un gruppo di professionisti, selezionati mediante gara pubblica, la progettazione per il rinnovo del potabilizzatore Jato. Un’opera importante che segna l’avvio del Piano di opere strategiche di AMAP per il rinnovo tecnologico delle infrastrutture del sistema idrico palermitano. Sistema che nel complesso fornisce oltre i due terzi della domanda di acqua di tutta la provincia di Palermo.   

L’adeguamento ed il rinnovo del potabilizzatore Jato

La progettazione è finalizzata all’adeguamento e al rinnovo funzionale del potabilizzatore di AMAP che sorge in località Cicala nel comune di Partinico. Un impianto, costruito negli anni Settanta, che provvede alla potabilizzazione delle acque dell’invaso Poma, sul fiume Jato. Acqua che, una volta potabilizzata, soddisfa il fabbisogno della parte nord occidentale del capoluogo siciliano e di sei comuni della sua provincia: 

  • Balestrate
  • Capaci
  • Carini
  • Cinisi
  • Isola delle Femmine
  • Terrasini Trappeto

oltre che dell’Aeroporto Falcone e Borsellino.

L’adeguamento dell’impianto si è reso necessario perché la preziosa risorsa idrica raccolta nell’invaso Poma negli anni ha subito un progressivo decadimento qualitativo. Da qui la scelta di rinnovare il potabilizzatore dotandolo di sistemi all’avanguardia che consentano di fare fronte a qualsiasi condizione qualitativa dell’acqua.

Ora il team di progettisti avrà 180 giorni di tempo per eseguire le indagini e sviluppare il progetto definitivo dell’intervento. Dopo di che si potrà procedere con le gare per i lavori. Lavori che richiedono un investimento importante. La stima prevede un totale di 21 milioni di euro, mentre il costo per la progettazione è di un milione.

 

Iscriviti ora alla newsletter bimestrale
di Servizi a Rete per essere il primo a conoscere le attività

 


Leggi anche

Via libera dal gestore idrico pugliese a un nuovo mega pacchetto di bandi, che include il potenziamento della rete fognaria idrica di alcuni quartieri di Bari, per un valore di 23,8 milioni di euro, e la progettazione esecutiva del prolungamento della condotta sottomarina a servizio del depuratore Bari Est. Approvate anche le gare per la fornitura di elettricità, ben 112 milioni, e l’ampliamento del SIT aziendale….

Leggi tutto…

L’operazione, che ha coinvolto 6 gestori consorziati, contribuirà a finanziare investimenti per 700 milioni di euro nei prossimi 4 anni nelle infrastrutture del Servizio Idrico Veneto. A sottoscrivere le nuove obbligazioni la BEI con 124 milioni di euro, Cassa Depositi e Prestiti con 30 milioni, Kommunalkredit Austria con 74 milioni, e altri investitori di mercato per i restanti 20 milioni. …

Leggi tutto…

I lavori, finanziati da Regione Puglia e dall’Autorità Idrica Pugliese, con un investimento di ben 35 milioni di euro, hanno riguardato il rifacimento e il potenziamento della linea acque, della linea fanghi e della combustione del biogas e il miglioramento del trattamento dell’aria, portando la capacità di trattamento dell’impianto da 241.000 a 360.000 abitanti equivalenti…

Leggi tutto…

L’attività di ricerca videoispettiva in ambito archeologico, che si svolgerà il prossimo 12 settembre a Vasto, riguarda alcuni dei nostri argomenti: videoispezioni e acquedotti. Per questo motivo ne diamo notizia nella speranza che questa iniziativa possa essere di “spunto” per un utilizzo sempre maggiore di questa attività in ogni campo, soprattutto per ciò che riguarda il sottosuolo …

Leggi tutto…

L’azienda ha provveduto allo spostamento di un tratto di 450 m dell’adduttrice che approvvigiona Pisa. Un’operazione estremamente complessa, propedeutica ai lavori di rafforzamento degli argini del fiume Serchio, che ha avuto il suo passaggio più delicato nel collegamento tra la nuova e la vecchia condotta: in una notta posati due pezzi speciali in ghisa dal peso complessivo di 100 quintali per ciascun lato…

Leggi tutto…