AMAP: una rete smart per il quartiere Boccadifalco di Palermo

Circa 8.000 cittadini di Palermo saranno serviti da una rete idrica completamente nuova. In più, dotata di dotata di sistemi avanzati di telecontrollo e monitoraggio della qualità. Ciò grazie al finanziamento ottenuto da AMAP da Regione Sicilia, dopo un lungo iter progettuale iniziato nel 2019. In quell’anno, infatti, la Regione aveva approvato le richieste arrivate dai Comuni e dai gestori idrici per l’utilizzo di alcuni fondi CIPE risalenti al 2012 e ancora non spesi.
 

Da rifare oltre 21 chilometri di condotte

La rete sarà realizzata nel quartiere Boccadifalco e rappresenta il primo dei tre progetti presentati da AMAP e ammessi al finanziamento. Nel caso specifico, la somma ammonta a 7 milioni di euro.  Il progetto prevede il totale rifacimento della rete esistente di circa 21 chilometri, dai punti di approvvigionamento principali alle condutture lungo gli assi viari fino ai punti di presa delle singole utenze, queste ultime pari a circa 1800. La nuova rete si aggancerà ai due serbatoi “Alto” e “Basso” già presenti nel quartiere, oltre che alla rete già esistente. L’eleborazione del progetto si è rivelata particolarmente complessa a causa della particolare configurazione collinare della zona. Ma anche per la programmazione e progettazione dei singoli cantieri, in quanto le strade interessate dai lavori sono molto anguste.
 

Una rete smart

L’intervento permetterà al gestore di compiere un ulteriore passo nell’ammodernamento della rete cittadina, sia dal punto di vista infrastrutturale sia tecnologico. La nuova rete sarà infatti smart: sarà dotata di telecontrollo e di sensori IoT (Internet delle Cose), che ne consentiranno il monitoraggio costante a distanza della qualità del servizio.

Ottenuto il finanziamento, con l’approvazione dell’apposito decreto della Regione, lo scorso gennaio, AMAP sta ora provvedendo ad adeguare il progetto al recente prezzario regionale dei lavori pubblici. Subito dopo sarà bandita la gara, per dare immediato via ai lavori che dureranno circa 15 mesi.
 

Finanziati altri 2 progeti

Gli altri due progetti presentati da AMAP e ammessi al finanziamento riguardano, rispettivamente, altri piccoli interventi di ampliamento della rete idrica cittadina, per un valore di 1,2 milioni di euro, e alcune opere per la cittadina di Bagheria. Per quanto riguarda queste ultime, si tratta della sostituzione di un tratto di rete, dei serbatoi e delle condotte di adduzione, per un costo totale dei lavori di 8,2 milioni di euro. Per entrambi i progetti i decreti sono in fase di emissione.

 


Leggi anche

L’Assemblea Ordinaria dei Soci di Pavia Acque, riunita in seconda convocazione oggi, 19 luglio 2022, ha approvato il bilancio dell’esercizio 2021, il piano industriale 2022 e ha deliberato la nomina dell’Organo Amministrativo della società…

Leggi tutto…

Nel gennaio 2022, AMNU SpA, Azienda nota nel mondo dei Rifiuti in quanto premiata diverse volte negli ultimi 10 anni da Lega Ambiente come 1° Classificata in termini di % differenziata > 80% nella sua Categoria < = 100.000 ab, ha ufficializzato la sua fusione in STET SpA (Ente che gestisce l’Idrico) facendo nascere una unica società denominata AmAmbiente SpA. ...

Leggi tutto…

10 i comuni della provincia di Arezzo interessati dai nuovi interventi finalizzati alla riduzione delle perdite idriche per un investimento che sfiora il mezzo milione di euro. Obiettivo che il gestore idrico sta perseguendo, innanzitutto, attraverso la distrettualizzazione delle infrastrutture di distribuzione e l’ottimizzazione delle pressioni delle reti…

Leggi tutto…

Un sistema di itinerari che, seguendo i percorsi delle acque, tra sorgenti, fiumi e ruscelli, borghi, paesaggi, permettono di scoprire il patrimonio ambientale e culturale del territorio. È il nuovo progetto di Uniacque per valorizzare la risorsa idrica e farne il perno anche di un turismo slow e sostenibile. Già mappati i due primi percorsi: il Cammino dei Fontanili e il Cammino Borlezza…

Leggi tutto…

Il gestore idrico del lodigiano ha candidato progetti per oltre 16 milioni, dei quali 7 già finanziati, al bando del Ministero delle Infrastrutture per accedere ai fondi del PNRR. I progetti, finalizzati a ridurre le perdite, coinvolgeranno 922 km di infrastruttura, equivalente al 65% delle tubazioni che distribuiscono acqua alla popolazione, puntando su digitalizzazione e monitoraggio delle reti …

Leggi tutto…