Aperta la gara per la gestione del servizio idrico a Siracusa

In gara il servizio idrico di Siracusa. Il comune siciliano ha infatti pubblicato il bando europeo per l’affidamento del servizio idrico integrato della città (consultabile sul sito www.comune.siracusa.it).

Frutto di lunghi mesi di studio, il bando prevede l’affidamento per una durata di due anni con due possibilità di proroga: una di un anno, allo scadere dei primi due e una successiva di sei mesi. L’importo complessivo della gara è di 57 milioni di euro e il servizio verrà assegnato secondo il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa. Nella valutazione, però, la proposta tecnica inciderà per il 75% e quella economica per il 25%.
 

I requisiti

Vi possono partecipare tutte le aziende del settore che hanno un fatturato medio di 12 milioni di euro, soglia rivista al ribasso per allargare il bacino dei possibili partecipanti, includendo anche i più piccoli, a vantaggio della concorrenza. In quest’ottica, come requisito di capacità tecnica viene richiesto che i partecipanti abbiano già svolto il servizio per una popolazione totale di 100.000 abitanti. Quota che può essere distribuita anche su più comuni, uno dei quali però con almeno 50.000 residenti.
 

Un riassetto del sistema cittadino

Diverse le novità previste, a cominciare dall’accento posto sulla qualità dell’acqua distribuita e sulla mitigazione ambientale. Il bando mira infatti al riassetto totale del servizio idrico, anticipando i tempi del piano d’ambito e inserendo un vero e proprio programma di interventi.

Per quanto riguarda la qualità dell’acqua, al gestore viene richiesta la progettazione esecutiva per la captazione dell’acqua potabile direttamente dal bacino del fiume Anapo. Mentre per quanto riguarda la destinazione dei reflui, la progettazione è finalizzata al riuso della condotta Ciane. Questo secondo progetto ha come obiettivo di mettere fine allo scarico delle acque depurate nel Porto grande di Siracusa, per rilanciarle, invece, in mare aperto a nord della città.
 

Altri servizi

In ambito distribuzione, viene richiesta poi l’estensione della rete idrica di località Fontane Bianche. A questa si aggiunge l’ammodernamento degli impianti e dell’infrastruttura cittadina e un programma di interventi per la riduzione delle perdite.

Anche in ambito fognario sono previsti alcuni ampliamenti di rete e la realizzazione di un tratto di collettore fognario per risolvere i problemi di allagamento che affliggono i rioni delle case popolari.

Altri servizi riguardano l’installazione di nuove casette dell’acqua, a osmosi inversa, nelle zone più periferiche e balneari, e il ripristino e la gestione di tutte le fontane e fontanelle cittadine.

Completano l’elenco una campagna di sensibilizzazione sul risparmio idrico rivolta a cittadini e scuole e la previsione di nuovi sportelli distaccati per l’assistenza al cliente.

 

Iscriviti ora alla newsletter bimestrale
di Servizi a Rete per essere il primo a conoscere le attività

 


Leggi anche

Nell’industria dell’acqua e delle acque reflue, un’elevata precisione di misura è indispensabile per un controllo ottimale della distribuzione. Per garantire la precisione dei misuratori di portata l’installazione prevede che vengano rispettati diversi tratti di tubazione rettilinea a monte e a valle del misuratore stesso. Promag W di Endress+Hauser dispone dell’opzione “0 x DN full bore”, una soluzione unica al mondo: massime prestazioni di misura anche in assenza di tratti rettilinei con sezione di misura completamente libera, senza restrizioni….

Leggi tutto…

reti idriche

Nel secondo incontro dell’IWS Italian Water Tour 2021, ciclo di webinar dedicato alla divulgazione di buone pratiche sulla digitalizzazione del sistema Idrico Integrato, tratteremo il tema riguardante l’orientamento degli investimenti nelle reti idriche previsti dal PNRR, mentre con le case history vedremo come ACEA ATO2 e la Regione Calabria hanno risposto alla necessità di ottimizzazione delle reti idriche attraverso attività di modellazione, monitoraggio e distrettualizzazione….

Leggi tutto…

L’infrastruttura si stende per circa 800 metri e raccoglie gli scarichi civili e industriali tra l’area di Tosco-Romagnola e il Parco di Serravalle. La sua realizzazione ha permesso di separare i reflui dalle acque meteoriche a beneficio di tutto il sistema di raccolta e depurazione. Inoltre, consente di eliminare gli scarichi diretti nel Rio Romito, un piccolo corso d’acqua che scorre nel territorio a est della città….

Leggi tutto…

Con un investimento di 16 milioni di euro, il gestore idrico ha ammodernato l’impianto che, oltre al capoluogo, serve le frazioni di Casalecci e Principina a Terra. Focus del progetto l’upgrade della linea fanghi, in modo da ridurne la quantità da smaltire in discarica. Inoltre, grazie alle altre tecnologie implementate, il sistema è stato reso autosufficiente sul piano energetico….

Leggi tutto…

È ad ampio raggio il piano di opere quadriennale messo in campo dal gestore per migliorare il servizio nel capoluogo umbro. Il programma in ambito acquedotto prevede la sostituzione di alcuni tratti di rete di distribuzione, per ridurre le perdite di acqua, il potenziamento dell’infrastruttura e la realizzazione di nuove interconnessioni. Rilevante anche l’impegno in ambito fognario, dove verranno realizzati diversi collegamenti per ottimizzare il trattamento dei reflui…

Leggi tutto…