Aperta l’asta per le reti di distribuzione gas di Evre e Carenno

Si è aperta l’asta pubblica degli impianti per la distribuzione di gas naturale nei comuni di Erve e Carenno, in provincia di Lecco. Si tratta degli impianti di proprietà di Ausm, l’azienda municipalizzata del Comune di Calolziocorte.

La cessione degli impianti rappresenta la tappa finale del percorso verso la definitiva cessazione dell’azienda. Passaggio che era stato deliberato con il provvedimento n. 1 del 21 febbraio 2020 dall’Amministratore unico della società. La tappa successiva è stata la deliberazione del Consiglio comunale di Calolziocorte, che ha quindi autorizzato l’alienazione dei beni, che comprendono tratti di rete, impianti e strumentazioni accessorie per distribuzione del gas naturale nei due comuni.

Al termine di questa operazione, Ausm continuerà a essere proprietaria della rete di distribuzione di Calolziocorte, per la quale il Consiglio comunale ha già deliberato la messa in vendita, ma che non rientra in questo bando.

 

Il servizio gestito da Lereti

La gestione del servizio di distribuzione e l’attività di manutenzione sulle reti è attualmente svolta da Lereti, società di distribuzione acqua e gas del gruppo Acsm-Agam, nata dalla fusione tra Acsm-Agam reti gas acqua e Lario reti gas. La società continuerà a occuparsi della gestione delle infrastrutture fino al subentro del nuovo concessionario del servizio che sarà affidato tramite la gara.

L’acquirente aggiudicatario dovrà acquisire gli impianti nel rispetto delle condizioni contrattuali disciplinate nel Contratto di servizio, subentrando nei rapporti giuridici in capo ad Ausm.

 

Il bando

Bando di gara che prevede per l’assegnazione delle infrastrutture una base di asta di 774.000 euro. L’offerta, che non può essere a ribasso rispetto al valore a base d’asta, e la documentazione richiesta per prendere parte alla gara deve pervenire al Comune di Calolziocorte entro le ore 12.30 del prossimo 20 luglio. L’asta si terrà in seduta pubblica presso il Palazzo Comunale venerdì 22 luglio alle ore 9. Tutti i riferimenti e le informazioni sul bando si possono trovare sul sito del Comune di Calolziocorte e di Ausm.

 


Leggi anche

Sviluppato con un investimento di 10 milioni di euro e installato presso il depuratore di Bologna Corticella, l’impianto permette di convertire energia elettrica rinnovabile e acque reflue in idrogeno verde e, poi, quest’ultimo in biometano da immettere in rete. L’entrata in esercizio è prevista entro il prossimo anno e una volta a regime permetterà di coprire i consumi di 1200 famiglie, evitando l’emissione in atmosfera di circa 50 Nm3/h di CO2….

Leggi tutto…

La società del Gruppo Italgas, partecipata dal fondo Marguerite II, ha stipulato un accordo con Energetica per acquisire il 49% del capitale azionario dell’azienda attiva nel trasporto gas. Medea conferirà a Energie Rete Gas le sue infrastrutture di trasporto gas in Sardegna, valutate 53 milioni di euro. Così potrà razionalizzare i suoi asset sull’isola, separando anche sotto il profilo societario le attività di distribuzione da quelle di trasporto…

Leggi tutto…

Il finanziamento di Cassa Depositi e Prestiti permetterà alla società attiva nella distribuzione e vendita di gas naturale ed elettricità di proseguire il suo percorso di espansione. Le risorse verranno utilizzate per acquisire aziende specializzate nelle attività di impiantistica avanzata, nell’efficientamento energetico e nella produzione di biometano, con benefici anche sul piano occupazionale…

Leggi tutto…

Dopo la Golar Tundra, il gestore della rete di trasporto gas ha concluso un nuovo contratto del valore di 400 milioni di dollari per rilevare una seconda FSRU (unità di stoccaggio e rigassificazione galleggiante). Si tratta della BW Singapore, con una capacità di stoccaggio di circa 170.000 metri cubi di gas naturale liquefatto e una capacità di rigassificazione continua di circa 5 miliardi di metri cubi l’anno…

Leggi tutto…

Realizzato da Snam4Environment, l’impianto è il primo di questo tipo in Sicilia e a pieno regime consentirà di recuperare circa 36.000 tonnellate/anno di FORSU, producendo 3,6 milioni di metri cubi di biometano e 10.000 tonnellate di digestato da usare come concime. Permetterà così di migliorare la gestione dei rifiuti nella provincia e di evitare l’immissione in atmosfera di 7.000 tonnellate di CO₂…

Leggi tutto…