Apm e Atac Civitanova concludono il collettore di fondovalle

Stop ai reflui nel Chienti con il ripristino del collettore di fondovalle

Conclusi i lavori di ripristino del collettore fognario di fondovalle, che convoglierà le acque reflue raccolte dalle reti fognarie dei comuni di Morrovalle, Montecosaro e parte di Civitanova Marche, in provincia di Macerata, al depuratore che sorge in località Fontanelle della stessa Civitanova. Un’opera attesa da tempo che finalmente interrompe lo scarico diretto dei reflui nel fiume Chienti, con le inevitabili conseguenze in termini di potenziale contaminazione e rischi di compromissione della qualità delle acque superficiali del fiume e delle acque di balneazione, in prossimità dello sbocco del fiume sul litorale adriatico.   

Apm e Atac Civitanova ripristinano il depuratore, dopo anni di stasi

Il collettore esistente era stato realizzato dalla Provincia di Macerata tra il 1998 e il 2002, ma non è mai entrato in esercizio. Prima della sua attivazione infatti si era dovuto procedere con una serie di interventi di adeguamento e potenziamento del depuratore, completati solo nel luglio 2006. Nell’estate 2007, poi, una video-ispezione della rete, aveva rivelato diversi difetti di costruzione, con conseguenti strascichi giudiziari ancora in corso. Nel 2011 Provincia di Macerata e AAto 3 Marche hanno stipulato un apposito Accordo di programma per attivare le procedure di progettazione e realizzazione degli interventi di ripristino e garantire la piena efficienza dell’opera. Nell’ambito della generale pianificazione degli interventi inerenti al servizio idrico integrato, i lavori sono stati affidati ai gestori competenti per territorio: Apm (Azienda pluriservizi Macerata) per i comuni di Morrovalle e Montecosaro, e Atac Civitanova per il comune di Civitanova.

Un intervento da 2 milioni di euro

Nell’estate del 2017 le due multiutility hanno approvato i progetti esecutivi, dando il via ai lavori. Lavori che hanno comportato la realizzazione di un nuovo tratto di condotta nel territorio di Montecosaro, dell’estensione di 1550 m, il recupero di un tratto esistente di 500 m nello stesso territorio e, nel tratto più a valle, tra Montecosaro e Civitanova, la costruzione di una stazione di sollevamento con relativi collegamenti e la posa in opera di una nuova condotta a gravità che si sviluppa per 2200 m circa, fino a congiungersi con l’ultimo tratto di collettore, esistente e già in esercizio.

Le nuove tubazioni installate in sostituzione di quelle ammalorate sono realizzate in PVC, con diametro esterno di 500 mm, mentre sempre in PVC è anche la nuova condotta, di diametro di 315 mm e lunghezza di 600 m circa, che consente di recapitare al depuratore, convogliandoli nel collettore principale, anche i reflui provenienti dagli insediamenti abitativi e produttivi della lottizzazione Ex Sadam di Montecosaro.

L’opera è stata portata avanti con una spesa complessiva di 2 milioni di euro, sostenuta dai gestori con un cofinanziamento dei Fondi dell’Apq Stato-Regioni del 2004, messo a disposizione dalla Provincia di Macerata. Il collettore serve una popolazione complessiva di 12.000 abitanti equivalenti. A regime, a seguito di ulteriori collegamenti fognari in corso di realizzazione e delle previsioni di sviluppo delle aree, arriverà a complessivi 22.000 abitanti equivalenti, per una portata di acque reflue corrispondente a 5300 m3/giorno.


Leggi anche

Hanno preso il via i due interventi progettati dal gestore idrico sulle adduttrici del comune di Fivizzano. Il primo, del valore di oltre 400.000 euro, riguarda la sostituzione delle due condotte esistenti, ormai in stato di avanzato degrado, con una nuova tubazione unica. Il secondo, del valore di un milione, la realizzazione dell’interconnessione con il sistema acquedottistico di Aulla e il rinnovo della rete di distribuzione…

Leggi tutto…

I lavori riguardano il rifacimento della condotta acquedottistica situata in località Agugliana. Il progetto iniziale interessava un tratto di 2,5 chilometri, che è stato esteso di ulteriori 1,5 chilometri, grazie al risparmio sui costi dell’intervento in fase di gara. Compreso nell’opera, per un costo complessivo di 750.000 euro, anche l’ampliamento di un serbatoio …

Leggi tutto…

La tecnica, di origine israeliana, consente di sigillare le perdite nelle reti idriche evitando scavi, attraverso l’inserimento nelle tubazioni di un Pig Train, un sistema brevettato e composto da due elementi semi-fluidi: un gel (il Pig) e una sostanza sigillante di origine alimentare che può chiudere perdite fino a 3000 litri/ora. L’intervento è stato eseguito a Introbio, su un tratto di oltre 300 m …

Leggi tutto…

Suddivisa in quattro lotti, l’opera interessa una condotta di 11 chilometri che sorge nella frazione di Grosseto e ha subito rotture frequenti per la sua vetustà. Il primo lotto, già concluso, ha visto il rinnovo di 4,3 chilometri di rete, mentre ora è andato in gara il secondo stralcio, del valore di 1,7 milioni relativo a una tratta di oltre 3,3 chilometri…

Leggi tutto…

La multiutility che gestisce il servizio idrico nei comuni del bacino del Brenta ha dato il via all’estensione della rete di distribuzione nelle aree di 7 comuni che ancora ne sono privi e che sono approvvigionate da pozzi privati. L’intervento prevede la posa di 4 chilometri di condotte, per una spesa di un milione di euro, e ha come obiettivo garantire sicurezza igienica alle utenze e la tutela della falda…

Leggi tutto…