Approvato il budget 2017 di Lario Reti Holding


L’assemblea dei soci di Lario Reti Holding ha approvato il budget 2017. Il documento di previsione e pianificazione del Gestore unico del Servizio Idrico Integrato lecchese – approvato in settimana anche dal Consiglio di Amministrazione e dal Comitato di Indirizzo e Controllo – conferma il trend positivo che ha caratterizzato l’esercizio precedente.
Confermata la previsione dei volumi di acqua potabile distribuita (circa 26 milioni di metri cubi, pari al dato del precedente esercizio) e – per il secondo anno consecutivo – rimangono invariate le tariffe idriche, di fognatura e depurazione.
Le tariffe – stabilite dall’Ente di Governo d’Ambito della Provincia di Lecco e in accordo con la delibera 664/2015 dell’AEEGSI – risultano in media con il resto della Lombardia e di circa un terzo inferiori rispetto al dato nazionale (fonte: Cittadinanzattiva – Osservatorio prezzi e tariffe 2016).
Crescono gli investimenti, la cui previsione supera i 20 milioni di euro e sfiora i 68€ per abitante della Provincia. La quota pro-capite risulta di gran lunga superiore ai dati nazionali e del Nord Italia che, secondo il recente Blue Book di Utilitalia, si attestano rispettivamente a 31€ e 33,8€ per abitante nel 2017.
Tale crescita è inoltre confermata dal confronto con il valore degli investimenti realizzati nel 2016 – circa 12 milioni di euro – e nel periodo 2014-2015, dove il valore medio annuo è stato di 6 milioni di euro.
Gli investimenti principali si avranno nel settore della depurazione, seguito dalle manutenzioni straordinarie e dagli investimenti per il potenziamento di acquedotti e fognature.
Per far fronte a questa importante crescita degli investimenti, nel 2016 è iniziato il rafforzamento delle strutture dell’Azienda grazie all’integrazione di Idrolario Srl e all’assunzione di 14 nuove risorse.
Per l’anno 2017 è prevista l’assunzione di altre 27 figure professionali, a fronte di un ulteriore potenziamento della struttura e all’internalizzazione di numerosi servizi. Ciò consentirà di ridurre i costi di gestione e manutenzione degli impianti, innalzando al contempo il livello di qualità del servizio erogato.
Il 2017 sarà inoltre caratterizzato dall’avvio di numerosi progetti sperimentali quali la telelettura dei contatori e l’utilizzo della rete acquedottistica ai fini della produzione di energia elettrica. Queste misure consentiranno di ridurre ulteriormente i costi, garantendo maggiori risorse per futuri investimenti.
Gli azionisti della Società esprimono la propria soddisfazione, come riferisce Antonio Rusconi, Presidente del Comitato di Indirizzo e Controllo: “Lario Reti Holding è un’azienda sana, che garantisce un servizio pubblico di qualità e fornisce risposte concrete ai bisogni dei Comuni e dei cittadini, come testimoniato dalla recente introduzione del bonus idrico, un aiuto alle fasce più deboli della popolazione”.


Leggi anche

Il secondo lotto dei lavori che consentiranno di dotare le località Ronchi e Poveromo di una rete di raccolta dei reflui sarà completato entro l’estate. L’intervento, partito lo scorso ottobre, prevede la posa di 9,5 km di condotte in PVC per una spesa di 2,5 milioni di euro, e completa i lavori del primo lotto, già conclusi, con i quali sono stati realizzati 7 chilometri di rete e 3 stazioni di sollevamento…

Leggi tutto…

La cifra rappresenta un nuovo record per il gestore del servizio idrico dei comuni della provincia di Monza e Brianza. La maggior parte, 20 milioni, è destinata al comparto fognatura, per interventi strategici di estensione della rete e opere di prevenzione di potenziali effetti legati ai cambiamenti climatici. Circa 12 i milioni dedicati al settore acquedotto, per dare il via a un importante piano di sostituzione di misuratori e condotte …

Leggi tutto…

Il gestore idrico della Puglia ha presentato il progetto di un impianto di sollevamento da realizzare nella città di Bari. Il nuovo impianto sorgerà sul lungomare sud della città, nei pressi di quello esistente, che raccoglie i reflui di diversi quartieri cittadini per convogliarli al depuratore Bari Est, e potenziarne le performance. L’investimento previsto è di 20,4 milioni di euro…

Leggi tutto…

Approvato l’accordo di programma con Comune e Aertre per la realizzazione del collettore fognario che raccoglierà i reflui del quartiere San Giuseppe e quelli provenienti dall’area dell’aeroporto per convogliarli al depuratore principale. L’opera, dal costo di 2,8 milioni di euro, vedrà la posa di oltre 1600 metri di condotte in gravità e 400 metri di condotte in pressione…

Leggi tutto…

Infrastrutture, sostenibilità e innovazione al centro del documento, presentato a Grosseto nella sede del gestore idrico dell’Ato 6 Toscana. Insieme al potenziamento di reti e impianti previsto un forte impegno nella digitalizzazione dei servizi, alla quale è destinato l’11% del budget, con l’installazione di 130.000 smart meter, nella riduzione dei fanghi di depurazione e nello sviluppo di progetti di economia circolare…

Leggi tutto…