APS Rieti: il percorso della digitalizzazione del ciclo idrico

Paolo Gaglioli
Responsabile Telecontrollo e Manutenzione
Elettromeccanica, Acqua Pubblica Sabina
Luca Berardi
Innovation Manager, ID&A

 

APS Rieti, costituita nel settembre 2015, ha ereditato una infrastruttura con molti problemi sia tecnici che strutturali (quasi 3.000 interventi in un anno sulla rete) e per effettuare una totale inversione di rotta ha intrapreso un importante percorso in investimenti sulla innovazione tecnologica atti a migliorare le performance dell’azienda e il servizio all’utente.

Un moderno ed efficiente sistema di telecontrollo degli impianti e rete a cui hanno fatto seguito uno dei maggiori investimenti in Smart Meter in Italia (oltre 55.000) e, non ultimo, l’utilizzo di un Water Management System che potrà gestire tutti i dati di impianti, meter, gestione operativa, analisi di laboratorio, amministrazione.

Cittaducale è il primo comune tra quelli gestiti da APS dove il percorso di digitalizzazione sta completandosi grazie anche alla messa in servizio di una moderna ed efficiente rete LoRaWAN: un ecosistema che ha reso Cittaducale il primo comune della multiutility dove verranno utilizzati bilanci sincroni della rete al fine di ridurre le perdite e aumentare l’efficienza.

APS società a totale capitale pubblico, è stata costituita il 15 settembre 2015, tra la Provincia di Rieti e 48 Comuni ricadenti in ATO3, ai fini dell’affidamento della gestione del Servizio Idrico Integrato di ATO3.

Ad oggi il perimetro gestionale e di operatività di APS riguarda 70 Comuni, 62 ricadenti nella provincia di Rieti e 8 nella provincia di Roma per complessivi 177.258 abitanti residenti, pari a 123.186 utenti.

APS gestisce per il settore acqua potabile:

  • 376 fonti approvvigionamento
  • 492 serbatoi
  • 1.110 km di rete adduzione
  • 2.213 km di rete di distribuzione.

I numeri del settore fognatura e depurazione sono 1.194 km di rete, 97 stazioni di sollevamento, 130 depuratori. L’elevato numero di interventi a campo (quasi 3000 nel 2021) ha evidenziato la fatiscenza delle infrastrutture ereditate dalle precedenti gestioni comunali sulle quale la Società ha intrapreso un importante percorso di investimenti al fine di digitalizzare tutto il servizio del ciclo idrico.

Dal 2021 sono in atto un serie di investimenti e interventi di innovazione tecnologica che migliorerà l’operatività aziendale e il servizio offerto agli utenti.

Il percorso intrapreso da APS prevede utilizzo di smart meter (contatori intelligenti) che permetteranno di registrare il consumo di acqua da remoto comunicando le informazioni per il monitoraggio e la fatturazione. Grazie allo smart metering, l’utente potrà sperimentare una serie di vantaggi tra cui: letture tempestive, riconoscimento di perdite o consumi anomali, questo è il primo grande intervento di innovazione tecnologica di APS.

Altro importante intervento di innovazione tecnologica riguarda il sistema di Telecontrollo di tutti gli impianti e delle reti gestite. L’intervento è centrato su la creazione di una sala di controllo (control room) che diventerà la parte centrale e cruciale di tutta la gestione operativa. Al sistema di telecontrollo (SCADA) verranno inviati tutti i dati sugli stati delle macchine in campo e dei flussi idrici, nonché lo stato di funzionamento dei sollevamenti fognari e dei depuratori. Da qui partiranno le richieste di intervento del personale operatore e delle imprese, per riparare guasti o effettuare le manutenzioni.

Questo enorme quantità di dati, impossibile da gestire manualmente, rappresenta un valore eccezionale per APS in ottica di migliorare le proprie performance e il servizio all’utente.

È già partito l’investimento di dotarsi di un sistema che possa gestire tutti questi dati fornendo ad APS informazioni sulle quali si possono intraprendere decisioni e azioni. Al sistema di Water Management System arriveranno tutti i dati e da qui regolati i flussi idrici, con l’ausilio di modelli matematici caricati e calibrati, che attraverso un sistema di Intelligenza Artificiale, potranno dare un supporto alle decisioni, per regolare i flussi di acqua, le pressioni in rete, le fonti di approvvigionamento, l’apertura e la chiusura di valvole, l’accensione e lo spegnimento di macchine.

Sempre da qui verranno preparati i report giornalieri dei bilanci idrici, inserendo anche i dati provenienti dagli smart meter e dai distretti di rete. Il progetto, già partito, presso Cittaducale è il banco di prova per questo percorso di innovazione tecnologica verso la digitalizzazione del servizio idrico. Sono stati già installati i nuovi contatori Smart, realizzata infrastruttura di rete LoRaWAN per la lettura degli stessi.

Contemporaneamente è stato installato il sistema di telecontrollo, composto da PLC di ultima generazione che inviano i dati al sistema SCADA aziendale. Il territorio di Cittaducale sarà il primo comune in Italia dove verranno realizzati bilanci sincroni della rete idrica. Smart Meter, SCADA e Water Mangement System tutti insieme creano un ecosistema che permetterà di aumentare l’efficienza della rete idrica, dell’azienda e migliorare il servizio.

 


 

 

 

 

 


Leggi anche

Quest’anno l’inflazione è all’11,9% e il gasolio è costato il 38% in più rispetto al 2020. Chiudere il bilancio 2022 non sarà facile, ma il bilancio 2023 sarà ancora più critico. Se non si interviene la TARI 2023 sarà stabilita sulla base del PEF già approvato, con entrate tariffarie che riflettono i costi 2021. Qualcosa può essere ancora fatto per tutelare l’equilibrio economico finanziario?…

Leggi tutto…

Si stima che solo l’1% dei dati provenienti dalle reti idriche venga utilizzato in modo efficace. Software specifici permettono di sbloccare le potenzialità del flusso di dati dall’impianto di distribuzione idrica ed effettuare l’analisi in modo da ottenere una panoramica complessiva dell’intera infrastruttura della rete….

Leggi tutto…

È un bilancio importante quello dei progetti presentati nel semestre maggio-ottobre dal gestore idrico per beneficiare dei fondi PNRR e FSC finalizzati a migliorare l’intero ciclo idrico in tutta la città. 13 i progetti proposti, che comprendono opere per la riduzione delle perdite, il completamento della distrettualizzazione delle reti, l’ammodernamento dei serbatoi, il potenziamento del sistema fognario e la risoluzione dei problemi di inquinamento dei torrenti…

Leggi tutto…

Rivolta a startup, spin off universitari e PMI, A WAve of innovation è la call internazionale lanciata dalla rete dei 13 gestori idrici della Lombardia per trovare soluzioni innovative in alcune aree nevralgiche per il servizio idrico. Si concluderà a fine novembre e per i vincitori sarà valutata l’implementazione di un progetto pilota in collaborazione con una delle società di Water Alliance …

Leggi tutto…

Saranno messi in gara entro fine anno, per procedere con la consegna per febbraio, i lavori per la sostituzione di un tratto di 3 km della dorsale Fiora che serve il comune del Grossetano. L’intervento, del valore di 1,5 milioni, prevede la posa di nuove condotte in acciaio rivestito che scorreranno in parallelo al tratto da dismettere. Un’opera fondamentale per un territorio alimentato da sorgenti locali che risentono fortemente della siccità…

Leggi tutto…