AQP: 30 milioni per ridurre i fanghi di depurazione

Servirà a garantire l’ulteriore potenziamento dei depuratori gestiti l’investimento di 30 milioni di euro appena deliberato dal Consiglio di amministrazione di Acquedotto Pugliese (AQP). Più nello specifico, le risorse serviranno per installare presso gli impianti 60 stazioni di disidratazione dei fanghi di ultima generazione. «Una scelta per la sostenibilità e per la riduzione dei costi di esercizio a beneficio dell’ambiente e delle comunità servite – ha commentato Nicola De Sanctis, amministratore delegato di AQP. L’investimento si inserisce in un ben più vasto piano di interventi e di sperimentazioni promosso da Regione Puglia e che vede coinvolti attivamente Autorità idrica pugliese e l’Agenzia regionale per i rifiuti».
Le nuove stazioni di disidratazione dei fanghi, delle gigantesche centrifughe, saranno dotate di sistema di telecontrollo e garantiranno una sostanziale riduzione del volume dei fanghi. A regime, secondo i calcoli della società, saranno circa 35.000 le tonnellate all’anno in meno. Un risultato che sarà ottenuto grazie alla drastica riduzione della frazione umida. Il risparmio all’anno, calcolato in termini di minori spese per l’allontanamento dei fanghi dagli impianti di depurazione, sarà di circa 5 milioni di euro.
E proprio questo è uno degli altri obiettivi cui mira il progetto. Il costo relativo allo smaltimento dei fanghi della depurazione, il volume dei quali è pari a 244.000 tonnellate l’anno, è tra le voci più significative del bilancio dell’azienda e, di conseguenza, della bolletta idrica a carico dei cittadini: ben 29 milioni di euro. Costi che Acquedotto Pugliese è impegnato a contenere, congiuntamente a Regione Puglia, Autorità idrica pugliese e Agenzia regionale per i rifiuti. L’obiettivo è ridurre i fanghi e puntare sul loro miglior riutilizzo in agricoltura, grazie a tecnologie innovative e a cicli lavorativi rispettosi dell’ambiente. Un passo significativo sulla strada dell’ottimizzazione delle spese a tutto beneficio anche dell’ambiente.


Leggi anche

Ammonta a 1,2 milioni di euro l’investimento del gestore sul sistema acquedottistico del comune in provincia di Verona. Il progetto prevede l’ottimizzazione degli impianti di potabilizzazione a servizio delle reti di distribuzione, con la sostituzione dei vecchi sistemi con apparecchiature di nuova generazione. I lavori, al via, saranno conclusi entro 4 mesi…

Leggi tutto…

L’intervento, appena partito, prevede la costruzione di un’adduttrice, che partendo dal sistema acquedottistico del comune del mantovano porterà l’acqua alle sue frazioni di Sailetto e Torricella, e di una rete di distribuzione alla quale saranno allacciate circa 250 utenze. In totale saranno posati 12,5 chilometri di nuove tubazioni per un investimento di 1,4 milioni di euro…

Leggi tutto…

È quanto deliberato dal cda del gestore idrico della Puglia per interventi che riguarderanno in primo luogo la progettazione di serre per l’essiccamento del fango residuale dei processi di depurazione, la cui costruzione sarà avviata il prossimo anno, di sistemi di trattamento dell’aria dei depuratori e il potenziamento della rete idrica e fognaria di alcuni comuni …

Leggi tutto…

Conclusi i lavori sull’impianto a servizio del comune del frusinate, sottoposto a un radicale intervento di potenziamento e ammodernamento. I lavori, realizzati dalla società del gruppo Acea che gestisce il servizio idrico nell’Ato 5 Lazio meridionale con un investimento di 740.000 euro, si sono concentrati in particolare, ma non solo, sul comparto terziario. Il sistema è stato anche dotato di telecontrollo …

Leggi tutto…

Approvato all’unanimità dai soci di tutte le società coinvolte il progetto di fusione che ha come obiettivo la riunificazione in unico soggetto della gestione del servizio idrico integrato e della proprietà delle reti e degli impianti del territorio della provincia di Lecco. Progetto in precedenza già approvato dalle amministrazioni comunali e il cui iter sarà concluso entro dicembre…

Leggi tutto…