AQP investe 22 milioni nella rete fognaria di Bari


Sono ben due i progetti di manutenzione straordinaria delle reti fognarie di Bari dei quali Acquedotto Pugliese ha avviato l’iter di realizzazione. Entrambi sono finalizzati a eliminare le interferenze di fognatura nera con le condotte all’altezza dell’estramurale Capruzzi e, di conseguenza, a limitare la quantità di inquinanti negli sversamenti a mare che si verificano in occasione di precipitazioni abbondanti.
Il primo progetto, già in fase di gara, i cui lavori partiranno a febbraio del prossimo anno per concludersi alla fine del 2017, interesserà circa 2.000 pozzetti nei quartieri Picone, Carrassi, Madonella e Japigia, oltre a diversi punti in corrispondenza dell’estramurale Capruzzi. Prevede la riduzione degli sversamenti della fogna nera nei canali Picone e Matteotti, al momento recettori di fogna mista, ristabilendo così il corretto percorso separato di alcuni tratti significativi delle due reti fognarie di bianca e nera. Le interferenze che verranno eliminate sono quelle dovute alla rottura dei setti di separazione all’interno dei pozzetti di fognatura mista che creano così una commistione continua tra i due sistemi, anche in assenza di precipitazioni piovose. L’importo dei lavori, già finanziati e appaltati è di circa 2,2 milioni di euro a carico dell’Acquedotto Pugliese.
Il secondo progetto riguarda invece la realizzazione di un nuovo canale collettore di fognatura nera in via Capruzzi, parallelo agli attuali, che sarà eseguito a un livello sottostante rispetto alle tubature esistenti, raggiungendo profondità che vanno da 4 a 8 metri sotto il livello stradale. Servirà a raccogliere tutta la fogna nera proveniente da Carrassi e Picone per trasportarla fino a un nuovo impianto di sollevamento da realizzarsi in un’area già individuata. Da questo impianto, a sua volta, partirà una nuova condotta in pressione diretta all’impianto di Torre del Diavolo, che permetterà di utilizzare un tratto di condotta già esistente, ma mai entrata in esercizio. Per questo progetto, del quale AQP intende completare tutte le fasi autorizzative, i diversi livelli di progettazione e le procedure di appalto entro il 2017, consentirà di eliminare completamente gli afflussi di fogna nera nelle condotte Picone e Matteotti, mettendo definitivamente fine agli sversamenti di fognatura nera in mare. La spesa stimata è di oltre 20 milioni di euro e la durata dei lavori prevista è di circa tre anni.


Leggi anche

Approvato l’accordo di programma con Comune e Aertre per la realizzazione del collettore fognario che raccoglierà i reflui del quartiere San Giuseppe e quelli provenienti dall’area dell’aeroporto per convogliarli al depuratore principale. L’opera, dal costo di 2,8 milioni di euro, vedrà la posa di oltre 1600 metri di condotte in gravità e 400 metri di condotte in pressione…

Leggi tutto…

Infrastrutture, sostenibilità e innovazione al centro del documento, presentato a Grosseto nella sede del gestore idrico dell’Ato 6 Toscana. Insieme al potenziamento di reti e impianti previsto un forte impegno nella digitalizzazione dei servizi, alla quale è destinato l’11% del budget, con l’installazione di 130.000 smart meter, nella riduzione dei fanghi di depurazione e nello sviluppo di progetti di economia circolare…

Leggi tutto…

Ammonta a 6 milioni di euro l’investimento previsto per potenziare la rete di raccolta dei reflui a servizio della località balneare toscana. Un progetto che consentirà di evitare i potenziali rischi di sversamento delle acque nere nella Gora, il piccolo fiume che attraversa la cittadina il cui mare si fregia della Bandiera Blu. A marzo la pubblicazione del bando…

Leggi tutto…

L’azienda che gestisce il servizio idrico nella città di Messina ha presentato al ministero dell’Ambiente il piano di opere, con la richiesta di finanziamento. Questo prevede interventi per oltre 50 milioni per le reti di approvvigionamento e distribuzione dell’acqua potabile e il resto per fognature e depurazione. Tra questi ultimi la realizzazione dell’impianto Tono, da 40 milioni di euro…

Leggi tutto…

Gli interventi del valore complessivo di 3,2 milioni di euro interesseranno i comuni di Martignano e Nardò, in provincia di Lecce. A Martignano saranno posati 7,5 chilometri di nuovi tronchi fognari e sarà prolungata una condotta di distribuzione dell’acqua. A Nardò saranno completate le reti idriche e fognarie a servizio della frazione di Pagani, con la realizzazione di, rispettivamente, 3,5 e 3 chilometri di tubazioni …

Leggi tutto…