Arera: in consultazione il documento sulle connessioni del biometano alla rete

È in fase di consultazione il documento 361/2018/R/gas dell’Autorità di regolazione per energia reti e ambiente (Arera). Documento nel quale l’Autorità illustra i propri orientamenti in merito all’aggiornamento delle direttive per le connessioni degli impianti di produzione di biometano alle reti del gas naturale, in relazione al venir meno della condizione di standstill a seguito del recepimento a livello nazionale della norma Cen En 16723-1, con la pubblicazione della norma Uni En 16723-1.
Un’altra parte del documento, invece, illustra gli orientamenti di Arera per ciò che riguarda l’attuazione delle disposizioni del Dm 2 marzo 2018 relativo all’incentivazione del biometano, del biometano avanzato e degli altri biocarburanti diversi. Su questo secondo aspetto, nel documento sono illustrati in particolare gli orientamenti per le modalità di misurazione del biometano e di determinazione della data di entrata in esercizio e di misurazione del biometano immesso in consumo, e altre eventuali disposizioni ritenute necessarie dall’Autorità per assicurare la corretta determinazione dei certificati di immissione in consumo.
Obiettivi dell’intervento è favorire lo sviluppo della produzione di biometano e la sua immissione nelle reti del gas naturale, tassello del più ampio processo di riforma del sistema energetico europeo orientato verso assetti eco-sostenibili. Sviluppo che deve avvenire nel rispetto di vincoli di economicità, sicurezza ed efficienza.
I soggetti interessati hanno tempo fino al 30 luglio per inviare all’Autorità di regolazione per energia reti e ambiente le proprie osservazioni sul documento. Osservazioni e proposte vanno inviate in forma scritta, compilando l’apposito modulo interattivo disponibile sul sito di Arera o tramite posta elettronica.


Leggi anche

Anche quest’anno Gruppo CAP sarà presente a Ecomondo, per presentare i progetti e le sperimentazioni più recenti e per rendere trasparenti e tangibili i risultati che si possono raggiungere in termini di innovazione per la tutela dell’ambiente. Alla fiera leader della circular e green economy, lo stand di Gruppo CAP è nel padiglione D1 – Global Water Expo – corsia 2, stand 34

Leggi tutto…

Sorge a Rende, comune del cosentino, nel sito di Calabra Maceri, azienda specializzata nel recupero e smaltimento dei rifiuti urbani. Cuore dell’impianto è il biodigestore, frutto di due anni di ricerca, in grado di trasformare 40.000 tonnellate annue di rifiuti provenienti dalla raccolta differenziata in 4,5 milioni di metri cubi di biometano …

Leggi tutto…

Alla 22a edizione di Ecomondo, l’evento leader in Europa per l’economia circolare organizzato da Italian Exhibition Group (6-9 novembre alla Fiera di Rimini), riflettori sul biometano: un mercato dal forte potenziale di sviluppo grazie anche agli incentivi messi sul tavolo – 4,7 milioni di euro – dopo l’approvazione, lo scorso 2 marzo, del decreto ministeriale che ha posto le basi per favorire l’utilizzo delle fonti rinnovabili (biocarburanti) nel settore dei trasporti, ulteriore step di una transizione energetica dai combustibili fossili ormai inarrestabile.

Leggi tutto…

Ieri è ricorso il primo anniversario della sperimentazione sulla Panda a metano alimentata esclusivamente con il biometano prodotto dall’impianto per la depurazione delle acque reflue del Gruppo CAP a Bresso-Niguarda (Milano). Infatti, il 14 marzo 2017 al Mirafiori Motor Village di Torino, Elisa Boscherini (responsabile di Institutional Relations di FCA per l’area EMEA) consegnò la vettura ad Alessandro Russo, presidente di Gruppo CAP. …

Leggi tutto…

Partite le opere per dotare la cittadina in provincia di Salerno di una rete di distribuzione del metano. A occuparsi del progetto, finanziato interamente con fondi Cipe e di Regione Campania per oltre 10 milioni di euro, è la società avellinese che già gestisce il servizio in altri 16 centri campani…

Leggi tutto…