ARERA pubblica la prima graduatoria dei gestori idrici

Pubblicata la graduatoria dell’Autorità per l’energia, le reti e l’ambiente sui gestori del servizio idrico. Si tratta della prima misurazione, con l’attribuzione di premi e penalità, degli operatori del settore per risultati raggiunti in merito alla qualità tecnica del servizio fornito. La graduatoria è stata pubblicata da ARERA con la delibera 183/2022/R/idr, che conclude il primo biennio di applicazione del meccanismo incentivante. Meccanismo che risponde a un complesso sistema di analisi dei dati, avviato nel 2018 da ARERA con la delibera sulla Regolazione della Qualità Tecnica del servizio idrico integrato (RQTI).

Nello specifico, sono stati analizzati i dati, pervenuti fino al 17 luglio 2020, di 203 gestori, che complessivamente coprono l’84% della popolazione nazionale, misurandone i risultati raggiunti nel biennio precedente.
 

I 6 macro-indicatori

Le performance degli operatori sono state analizzate e classificate sulla base di 6 macro-indicatori. Questi sono:

  1. perdite idriche
  2. interruzioni di servizio
  3. qualità dell’acqua erogata
  4. adeguatezza del sistema fognario
  5. qualità dell’acqua depurata
  6. smaltimento dei fanghi

(per il primo biennio il tema delle interruzioni è stato escluso dal meccanismo incentivante). Valutando questi dati, l’Autorità ha così assegnato un premio a chi ha raggiunto, mantenuto e migliorato gli obiettivi prefissati e una penalità agli altri.
 

Si conferma il water divide tra Nord e Sud

Le 66 posizioni più importanti, ovvero i primi 3 classificati per ogni indicatore e complessivamente, negli anni 2018 e 2019, per i livelli di valutazione Avanzato ed Eccellenza sono occupate complessivamente da 26 gestori. I risultati di questa prima graduatoria riflettono però il forte water divide tra Nord e Sud della Penisola.

Le premiazioni sono infatti concentrate al Nord del Paese, con 21 podi per il Nord Ovest e 24 per il Nord Est. Segue il Centro con 18 podi. Mentre sono solo 3 le posizioni sul podio occupate da gestioni collocate nel Sud e nelle isole.
 

Come funziona

Il meccanismo di analisi dei dati dei gestori opera per stadi di valutazione. A questi gli operatori accedono in funzione della loro classe di appartenenza per ciascun macro-indicatore, articolati nei livelli:

  • Base: che prevede l’attribuzione di premialità e penalità in funzione del raggiungimento o meno degli obiettivi da parte di ciascun gestore;
  • Avanzato: che prevede la definizione di graduatorie che danno evidenza dei gestori che hanno raggiunto le migliori performance e conseguito i miglioramenti più ampi per ogni macro indicatore;
  • Eccellenza: che mette in evidenza i migliori operatori, valutati complessivamente in tutte le fasi del servizio.

L’ammontare di risorse dedicate alle premialità viene stabilito anno per anno dalla raccolta in bolletta della componente UI2 (componente perequativa destinata alla promozione della qualità dei servizi di acquedotto, fognatura e depurazione). Questa per il 2018 ammonta complessivamente a circa 63,2 milioni di euro e per il 2019 a circa 72,16 milioni di euro. Le penalità sono 3,9 milioni per il 2018 e 5,9 milioni per il 2019.

 


Leggi anche

L’appuntamento di riferimento per il Settore Idrico, giunge alla sua sesta edizione. Organizzato da Terranova in collaborazione con Istituzioni, Utility e imprese, l’iniziativa si rivolge alla Filiera Idrica e rende protagonista l’acqua, per finalizzare strategie sostenibili rivolte a preservarne la sua natura….

Leggi tutto…

Gruppo CAP ha lanciato una open innovation challenge per individuare le proposte più innovative ed efficaci contro le infiltrazioni nella rete fognaria. L’iniziativa si rivolge a startup, università, istituti di ricerca e ricercatori di tutto il mondo e si avvale della piattaforma di crowdsourcing Open Innovability® di Enel. I migliori verranno sviluppati nei laboratori e impianti di Gruppo CAP…

Leggi tutto…

rifiuti

Il ciclo di webinar progettato da Utiliteam approfondirà i temi più caldi nelle agende dei settori idrico e rifiuti. Con la convinzione che la compliance alla regolazione sia un’occasione da cogliere dalle aziende soggette alla potestà ARERA, gli interventi che si susseguiranno offriranno punti di attenzione sulla visione di business e sulla strategia delle società operanti nel comparto ambiente….

Leggi tutto…

Le installazioni di sensori e dispositivi intelligenti si stanno sviluppando all’interno di moltissimi impianti: sono gli elementi costitutivi di base di qualsiasi iniziativa di Industrial Internet of Things (IIoT). L’applicazione IoT in ambito industriale può essere un modo utile per monitorare le apparecchiature di processo e i macchinari preservando salute e sicurezza non solo dei sistemi, ma anche delle persone e dell’ambiente circostante…

Leggi tutto…

La Banca Europea per gli Investimenti (BEI) sosterrà il piano industriale 2022-2025 del Gruppo CAP, che prevede interventi per circa €450 milioni in 5 anni. Il finanziamento, che si inserisce nelle politiche ambientali e nel Green New Deal della Regione Lombardia, contribuirà al miglioramento della copertura, della qualità e della resilienza dei servizi idrici del territorio servito da Gruppo CAP. …

Leggi tutto…