Arriva NexMeter, il contatore gas 4.0 di Hera

È appena nato, ma guarda già al futuro NexMeter, il nuovo contatore gas 4.0 ideato da Gruppo Hera. Dotato di tecnologia e funzioni all’avanguardia, soprattutto nell’ambito della sicurezza, e “amico dell’ambiente”, vanta caratteristiche uniche nel panorama internazionale.

Un dispositivo per una maggiore sicurezza dei cittadini

Presentato in anteprima a Parigi, durante la prestigiosa vetrina dell’European Utility Week 2019, il nuovo dispositivo smart è dotato di un’evoluta tecnologia, per la prima volta racchiusa all’interno dello stesso apparecchio e basata su algoritmi, sensori e ultrasuoni, con caratteristiche di assoluta precisione, in grado di offrire funzioni avanzate di sicurezza. Gli appositi dispositivi di monitoraggio e allerta dei quali è dotato consentono, infatti, di prevenire incidenti in numerose condizioni, fornendo maggiori tutele a edifici e cittadini, sulla falsariga del funzionamento dei dispositivi “salvavita” elettrici.

Le funzionalità: non solo fuoriuscite di gas, ma rilevamento anche delle scosse sismiche

La regolarità dell’impianto, per esempio, è controllata attraverso la verifica costante della pressione di fornitura e di rete, segnalandone immediatamente eccessi o cadute. L’apparecchio è in grado di rilevare tutte le fuoriuscite di gas, anche le fughe piccole e continuative, e quindi interrompere la fornitura in caso di irregolarità, mettendo in sicurezza il sistema. Inoltre, è capace di intercettare in tempo reale le scosse in caso di eventi sismici, anche in questo caso sospendendo l’erogazione del gas a tutela della massima sicurezza.

Oltre a inviare le ordinarie e periodiche segnalazioni sui consumi effettuati, poi, in caso di emergenze NexMeter si attiva per contattare immediatamente il telecontrollo centralizzato del Gruppo a Forlì, un polo tecnologico all’avanguardia che monitora in tempo reale reti e impianti della multiutility su tutto il territorio. A sua volta il telecontrollo, se dispone di un recapito certo dell’utente, provvede a inviargli una segnalazione di allerta. In ogni caso lo stato può essere visualizzato e tenuto sotto controllo dagli stessi clienti attraverso il display del contatore, grazie a un’interfaccia semplice e immediata.

Riduzione dei consumi

Ma il nuovo dispositivo garantisce anche un taglio alla spesa per i consumi. Grazie alla capacità di intercettare e segnalare agli utenti anche le piccole fughe di gas, NexMeter aiuta infatti a contenere i costi in bolletta. Azione che ha benefici importanti anche sull’ambiente: l’eliminazione delle perdite, infatti, riduce le dispersioni di metano, mentre l’intero processo di ottimizzazione della gestione della rete gas incide positivamente sul rendimento e sulle emissioni degli apparecchi utilizzatori, a partire dalle caldaie.

Compatibile con tutti i tipi di reti e impianti, il nuovo misuratore è già predisposto anche per i sistemi del futuro a “clean gas”, come il biometano, ed è il primo dispositivo del suo genere realizzato con materiali che contengono plastica riciclata, in linea con l’attenzione di Hera verso il tema dell’ambiente e dell’economia circolare.

NexMeter è un dispositivo già proiettato nel futuro, con caratteristiche che vanno ben al di là degli obblighi di legge. Nei prossimi mesi il misuratore 4.0 sarà installato in alcuni territori serviti: sarà l’inizio di una campagna per la quale la multutility ha già stanziato circa 45 milioni di euro per collocare i primi 300.000 contatori prevalentemente in Friuli-Venezia Giulia e in Emilia-Romagna, nelle province di Modena e Ferrara, ovvero aree classificate a rischio sismico o dove si sono verificati recentemente fenomeni tellurici.


Leggi anche

Un investimento complessivo di 637 milioni di euro da destinare a interventi per la realizzazione dei distretti, il controllo delle pressioni e il monitoraggio delle grandezze idrauliche nelle reti idriche del territorio servito da Acquedotto Pugliese e per la sostituzione dei tronchi vetusti e in cattive condizioni…

Leggi tutto…

È un intervento del valore di 1,9 milioni di euro quello che il gestore del ciclo idrico del Basso Valdarno sta portando avanti per dotare la frazione di Massa Macinaia di una rete di raccolta dei reflui. Suddivisi in tre lotti, i lavori hanno già visto la posa di oltre un chilometro di condotte e la costruzione di una stazione di sollevamento. Ora si procede con l’ultima fase che prevede la realizzazione delle ultime due tratte di rete dell’estensione di un altro chilometro…

Leggi tutto…

Il gestore idrico della Basilicata ha approvato il progetto di ammodernamento dei due impianti a servizio del comune del potentino, ora sotto infrazione comunitaria. Gli interventi, del valore di un milione di euro, permetteranno di dotare i depuratori anche di sistema di telecontrollo e telegestione, garantendo una maggior efficienza nel trattamento dei reflui e una riduzione dei costi di esercizio e gestione…

Leggi tutto…

I lavori, che interessano le frazioni di Prata e Niccioleta, prevedono la posa di circa 8 chilometri di condotte in PE. Una volta in funzione, 7,5 chilometri di rete saranno gestiti a media pressione, mentre la parte restante a bassa pressione. L’intervento che sarà concluso entro la prossima estate, permetterà agli abitanti delle due località di usufruire dei vantaggi legati all’utilizzo del metano, in sostituzione del Gpl attualmente impiegato…

Leggi tutto…

 
Gruppo CAP, Città Metropolitana di Milano, ATO e Kyoto Club ne parlano in un convegno in via Vivaio il 3 dicembre….

Leggi tutto…