Ascopiave ed Hera: partnership su gas ed energia

I due rispettivi consigli di amministrazione hanno dato l’ok all’accordo vincolante sottoscritto tra Ascopiave e Hera per lo sviluppo di una nuova realtà nel campo dell’energia nei territori del Nord-Est, che potrà contare su oltre un milione di clienti energy, e per il riassetto delle rispettive attività di distribuzione gas.

L’intesa, che sarà finalizzata in un accordo quadro entro il prossimo 31 luglio, definisce i perimetri coinvolti, i termini economici dell’accordo e i relativi elementi di governance, e rappresenta un importante passaggio strategico nella evoluzione dei portafogli di attività dei due gruppi.

Per quanto riguarda le attività della distribuzione gas, l’intesa prevede l’acquisto da parte di Ascopiave dal Gruppo Hera di un perimetro di concessioni che comprende 188.000 punti di riconsegna distribuiti in Veneto e Friuli-Venezia Giulia a un valore di investimento pari a 171 milioni di euro e un Ebitda pro forma di 15,9 milioni di euro, entrambi riferiti al 31 dicembre scorso. Attraverso tale operazione Ascopiave gestirà circa 775.000 utenti e oltre 12.000 km di rete, diventando così il primo operatore del Triveneto per dimensioni e consolidando la sua posizione nel ranking nazionale.

Sul fronte della commercializzazione di gas ed energia elettrica, invece, è prevista la creazione di un unico operatore per le rispettive attività commerciali nelle regioni del Veneto, Friuli-Venezia Giulia e Lombardia, attraverso EstEnergy già oggi controllata insieme da Ascopiave e Hera Comm (la società commerciale di Gruppo Hera). Nella joint venture confluirà il business commerciale del Gruppo Ascopiave relativo alle società controllate Ascotrade, Ascopiave Energie, Blue Meta, e alle joint venture Asm Set, Etra Energia e Sinergie Italiane (in liquidazione) ed Energia Base Trieste, e i clienti del Veneto e Friuli di Hera Comm (96.000 contratti gas e 68.000 contratti elettrici). In questo modo sorgerà un operatore primario radicato nel territorio del Nord-Est con un portafoglio di oltre 795.000 contratti gas e 265.000 contratti elettrici, per un totale di oltre un milione di contratti. Il capitale sociale di EstEnergy sarà detenuto per il 52% dal Gruppo Hera e per il 48% da Ascopiave. Le parti hanno condiviso che l’equity value della nuova EstEnergy sia pari complessivamente a 864,5 milioni di euro.

Un accordo che fa falici entrambe le realtà. Ascopiave, grazie a questa operazione, dà corso al piano di riposizionamento strategico, stringendo un accordo sulle aree commerciali con uno dei principali attori nazionali e rafforzando la propria presenza nel core business della distribuzione gas. Il Gruppo Hera, per parte sua, anticipa il raggiungimento dell’obiettivo dei 3 milioni di clienti nelle attività commerciali energy fissato nel piano industriale al 2022 e dà seguito al percorso di crescita in queste attività che negli ultimi 10 anni gli hanno consentito di raddoppiare la propria base clienti energia in un percorso fatto di crescita organica e acquisizioni.


Leggi anche

A realizzarla sarà l’associazione temporanea di imprese, costituita da Varese Risorse, A2A Illuminazione Pubblica e Di Bella Costruzioni, che si è aggiudicata il bando da 30 milioni di euro e della durata di 6 anni. Questo prevede l’installazione di oltre 28.000 nuovi punti luce a Led, gestiti da remoto, che garantiranno un risparmio sui consumi energetici del 65% e la mancata emissione di 2400 tonnellate di CO2…

Leggi tutto…

La collaborazione ha l’obiettivo di promuovere la ricerca nel campo della sicurezza per accompagnare la transizione energetica in atto. Parte della partnership sarà focalizzata sulla sperimentazione di prototipi di Smart military district, distretti energetici intelligenti dove si può massimizzare l’efficienza, l’approvvigionamento da fonti sostenibili, l’autoconsumo e la gestione dei flussi energetici in tempo reale in un ambiente totalmente sicuro…

Leggi tutto…

La società ha completato il Pan, Puglia active network, il grande progetto per rendere smart la rete di distribuzione pugliese. Avviato nel 2014 con un investimento di 170 milioni di euro cofinanziato al 50% dalla Commissione europea, il programma ha reso l’infrastruttura regionale intelligente e flessibile: oggi è pronta ad accogliere l’energia prodotta da oltre 44.000 impianti rinnovabili e dispone di una rete per la ricarica dei veicoli elettrici …

Leggi tutto…

Entra nella fase operativa il Cluster tecnologico nazionale “Energia”, che riunisce 72 realtà, tra imprese università, centri di ricerca ed enti territoriali, con l’obiettivo di sviluppare nuove soluzioni per il sistema energetico nazionale. Smart grid e sistemi di accumulo da una parte e produzione di elettricità ed energia termica con il solare a concentrazione dall’altra, i primi due progetti-pilota avviati…

Leggi tutto…

Di fronte alla sfida imposta dai cambiamenti climatici e dalla trasformazione sempre più veloce delle città, la tecnologia e la digitalizzazione svolgeranno un ruolo centrale. Negli interventi istituzionali gli specialisti di enti e utilities mostreranno come le nuove tecnologie siano indispensabili per garantire la continuità dei servizi erogati, riprogettarli e migliorarne la gestione e la qualità in funzione delle nuove esigenze e in un’ottica di sostenibilità ambientale, anche grazie a una più efficiente e capillare raccolta dati….

Leggi tutto…