Ascopiave studia un’alleanza con Italgas


Valorizzare le proprie attività nel settore della vendita del gas e rafforzare e consolidare la presenza in quello della distribuzione, anche attraverso una o più partnership strategiche. È il piano al quale sta lavorando Ascopiave, attiva nella distribuzione gas in 90 comuni veneti, che guarda a potenziali alleanze per garantirsi un futuro di stabilità dal punto di vista finanziario, assicurare un adeguato flusso di dividendi ai comuni soci e un servizio sempre migliore agli utenti.
Potenziale alleato della multiutility potrebbe essere Italgas, dando vita così a una realtà locale dal valore superiore al miliardo di euro. La riorganizzazione potrebbe incrementare il margine operativo loro (Mol) annuo da 15 a 20 milioni di euro, aumentando anche i margini legati alle attività regolate dal 50% all’80%.
La strategia alla quale si lavora prevede l’uscita dalla vendita diretta di energia elettrica e gas, dove il gruppo con circa 700.000 clienti non ha la dimensione critica sufficiente per affrontare le crescenti sfide del mercato, a partire dalla completa liberalizzazione del mercato dal 2020. L’idea è dunque di focalizzarsi sulla distribuzione gas, settore più regolato e quindi più sicuro, caratterizzato da rendimenti importanti.
In linea con tale strategia, il gruppo per il business della vendita retail, attualmente valutato sui 400-450 milioni di euro, privilegerà le offerte che prevedono uno scambio con asset della distribuzione gas, se possibile attigui al territorio veneto. Secondo indiscrezioni, a tal proposito Edison avrebbe già fatto pervenire una proposta informale di swap, con conguaglio cash, tra i clienti Ascopiave e Infrastrutture Distribuzione Gas, che ha reti in Veneto, Umbria e Lazio. Questa, al momento, appare la strada maestra ma è logico che in questa fase vengano sondati, seppur in modo informale, tutti i potenziali partner. Tra questi, ad esempio, la toscana Estra, che potrebbe mettere sul piatto reti in Centro Italia, ma anche altre multiutility come Hera, Iren e A2A. Ascopiave, in ogni caso, prevede di mantenere una quota di minoranza sul segmento retail anche perché difficilmente si potranno individuare reti gas da scambiare di pari valore.
E qui entra in gioco l’ipotesi Italgas. La liquidità generata dalla vendita potrebbe infatti essere utilizzata per chiudere un’alleanza con Italgas a livello delle reti, con reciproco scambio di azioni, generando un soggetto in grado di agire su scala maggiore. Ascopiave cederebbe una quota di minoranza delle proprie reti che hanno una Rab (il valore del capitale investito netto ai fini regolatori) di circa 460 milioni, a Italgas, che a sua volta scorporerebbe gli asset detenuti in Veneto (Rab stimata di 650 milioni) inserendoli in una nuova società, vendendone una minoranza ad Ascopiave. Una simile operazione genererebbe oltre 1 miliardo di Rab, consentendo di generare sinergie per entrambi gli operatori con Ascopiave leader sul territorio affiancato ad Italgas con il suo ruolo di leader italiano.


Leggi anche

Annunciata a giugno, l’operazione riguarda l’acquisizione da Cpl Concordia del 60% European Gas Network, alla quale fanno capo indirettamente 37 concessioni in Sicilia, Calabria e Campania, e del 100% di Fontenergia, concessionaria della distribuzione nel Bacino 22 della regione Sardegna, e di Naturgas, attiva a San Giuseppe Vesuviano (Napoli)…

Leggi tutto…

La società del gruppo Gas Plus, quarto produttore nazionale di gas, si è aggiudicata la gara bandita dal Comune per la vendita di Rete Gas Fidenza, la municipalizzata che si occupa della distribuzione gas nella cittadina e proprietaria della rete. Gp Infrastrutture ha vinto il bando con un’offerta di 14 milioni di euro, accompagnata da un programma di espansione dell’infrastruttura …

Leggi tutto…

All’incontro con gli stakeholder, la società ha presentato tre iniziative sui temi dell’innovazione e transizione energetica e dell’impresa sociale: il progetto Snamtec, nel quale investirà 850 milioni di euro entro il 2022 per costruire l’azienda energetica del futuro, rinnovabile, tecnologica e digitale; la Social Supply Chain, per coinvolgere le imprese sociali nella catena di fornitura; la piattaforma Snam Up, che consentirà a ognuno di proporre nuovi progetti e sviluppare imprenditorialità…

Leggi tutto…

I risultati consolidati al 30 settembre vedono l’utile netto crescere del 6,1% a 226,4 milioni, e di quasi il 9% l’utile operativo. Sui ricavi, che ammontano a 880,7 milioni, generati soprattutto dalle attività di distribuzione gas. Nello stesso periodo sono stati investiti 349 milioni di euro, dei quali la quota maggiore per l’installazione degli smart meter: 1.386 milioni quelli posati nei 9 mesi, portando il totale a 4.283 milioni, pari al 53,2% dell’intero parco contatori …

Leggi tutto…

È arrivato il via libera di Bruxelles alla creazione della joint-venture tra Snam e Società gasdotti Italia, che si occuperà della costruzione e gestione della Dorsale sarda, il grande gasdotto che garantirà l’approvvigionamento di metano a tutta l’isola. L’operazione, è il giudizio dei tecnici europei, non pone problemi sotto il profilo della concorrenza…

Leggi tutto…