Astea: al via il progetto sperimentale su teleriscaldamento e rete idrica

Tagliare gli sprechi energetici e idrici, monitorare i consumi, ridurre le emissioni di CO2, attraverso un sistema energetico intelligente in grado di interagire con la comunità. È quanto si propone Astea, multiutility marchigiana attiva nella distribuzione gas, acqua, energia elettrica, calore e nei servizi di igiene ambientale, con il progetto sperimentale per l’efficientamento della rete energetica e idrica a Osimo, in provincia di Ancona.

Progetto per il quale la società ha ottenuto un finanziamento europeo da un milione di euro nell’ambito del Muse Grids (Multi Utilities Smart Energy), sostenuto dall’Unione Europea per promuovere la sperimentazione di soluzioni innovative per l’interazione delle reti locali con l’obiettivo di massimizzare la produzione di energia rinnovabile, riducendo il ricorso al petrolio.

A questo scopo la multiutility effettuerà una serie di interventi migliorativi sulla centrale di cogenerazione alimentata a gas, sulla rete di teleriscaldamento e sul distretto idrico del centro storico di Osimo e saranno oltre 3.000 gli utenti interessati, dei quali 1250 nell’ambito del teleriscaldamento e 1850 per il distretto idrico. La sperimentazione durerà 4 anni e l’Europa finanzia il progetto con 6 milioni di euro complessivi.

La sperimentazione interesserà la centrale di cogenerazione, l’intera rete di teleriscaldamento e un terzo della rete idrica. Gli obiettivi ai quali si punta sono, rispettivamente, l’ottimizzazione della produzione di calore, il controllo costante della rete e la sua interazione con l’utenza, creando una sorta di domanda-risposta energetica, e la riduzione delle perdite di acqua del 50%.

Coinvolti in Muse Grids in totale 18 partner, provenienti da 7 paesi europei differenti, nell’ambito di un progetto che sarà esportato anche in India e Israele. Nei quattro anni di sperimentazione Astea lavorerà anche per l’integrazione e la gestione intelligente di una piccola flotta di veicoli elettrici.


Leggi anche

La multinazionale francese dell’energia si è aggiudicata la progettazione e realizzazione di un sistema di teleraffrescamento, della potenza di 105 MW, a servizio del Distretto digitale di Punggol in costruzione nella città-stato. La società, inoltre, realizzerà sempre a Singapore un suo centro di competenze dedicato allo sviluppo di progetti nella regione Asia-Pacifico…

Leggi tutto…

Nel mirino della Federazione Italiana produttori di energia da fonti rinnovabili l’articolo 18 della Legge Europea, che abroga l’estensione del periodo di incentivazione per la produzione elettrica da biomasse. Una misura che penalizza anche i piccoli impianti di cogenerazione alimentati con la stessa fonte proveniente dalla manutenzione dei boschi e collegati a reti di teleriscaldamento…

Leggi tutto…

Importante accordo siglato tra le quattro realtà: E.ON e CPL Concordia realizzeranno e gestiranno per 15 anni un nuovo cogeneratore presso il depuratore di Gruppo CAP a Pero. L’impianto, in esercizio per la fine del prossimo anno, fornirà annualmente circa 13 GWh elettrici, da utilizzare presso lo stesso depuratore, e 13 GWh termici che saranno immessi nella rete di teleriscaldamento di NET…

Leggi tutto…

Completata e collaudata la rete di distribuzione del calore a servizio del borgo che sorge sulle colline metallifere senesi. Ad alimentarla un pozzo geotermico di Enel Green Power che garantisce una potenza di 5 MW termici sufficiente a fornire calore alle 400 utenze del centro storico. Realizzata con un investimento di 5,6 milioni di euro, l’infrastruttura è gestita da Geo Energy Service

Leggi tutto…

La società veneta, specializzata nella produzione di energia da biomasse, ha acquistato da Engie il sistema di teleriscaldamento a servizio di Sellero, Novelle e Cedegolo, in provincia di Brescia. Il sistema è costituito da una centrale di cogenerazione alimentata con legno vergine da filiera corta e da una rete che si estende per 21 chilometri…

Leggi tutto…