Astea: al via il progetto sperimentale su teleriscaldamento e rete idrica

Tagliare gli sprechi energetici e idrici, monitorare i consumi, ridurre le emissioni di CO2, attraverso un sistema energetico intelligente in grado di interagire con la comunità. È quanto si propone Astea, multiutility marchigiana attiva nella distribuzione gas, acqua, energia elettrica, calore e nei servizi di igiene ambientale, con il progetto sperimentale per l’efficientamento della rete energetica e idrica a Osimo, in provincia di Ancona.

Progetto per il quale la società ha ottenuto un finanziamento europeo da un milione di euro nell’ambito del Muse Grids (Multi Utilities Smart Energy), sostenuto dall’Unione Europea per promuovere la sperimentazione di soluzioni innovative per l’interazione delle reti locali con l’obiettivo di massimizzare la produzione di energia rinnovabile, riducendo il ricorso al petrolio.

A questo scopo la multiutility effettuerà una serie di interventi migliorativi sulla centrale di cogenerazione alimentata a gas, sulla rete di teleriscaldamento e sul distretto idrico del centro storico di Osimo e saranno oltre 3.000 gli utenti interessati, dei quali 1250 nell’ambito del teleriscaldamento e 1850 per il distretto idrico. La sperimentazione durerà 4 anni e l’Europa finanzia il progetto con 6 milioni di euro complessivi.

La sperimentazione interesserà la centrale di cogenerazione, l’intera rete di teleriscaldamento e un terzo della rete idrica. Gli obiettivi ai quali si punta sono, rispettivamente, l’ottimizzazione della produzione di calore, il controllo costante della rete e la sua interazione con l’utenza, creando una sorta di domanda-risposta energetica, e la riduzione delle perdite di acqua del 50%.

Coinvolti in Muse Grids in totale 18 partner, provenienti da 7 paesi europei differenti, nell’ambito di un progetto che sarà esportato anche in India e Israele. Nei quattro anni di sperimentazione Astea lavorerà anche per l’integrazione e la gestione intelligente di una piccola flotta di veicoli elettrici.


Leggi anche

La società, specializzata nei servizi energetici integrati, dopo un momento di difficoltà, è ora diventata CogenInfra, gruppo che vede la partecipazione di un fondo infrastrutturale lussemburghese e che controlla al 100% le due realtà Cogenpower Borgaro, proprietaria e gestore del sistema di teleriscaldamento di Borgaro, e CogenSave, che si occupa di efficienza energetica. L’operazione ha dato solidità finanziaria all’azienda che ora ha importanti risorse da investire nelle reti di distribuzione del calore e in progetti di efficienza energetica …

Leggi tutto…

È entrato in funzione il sistema di teleriscaldamento solare a servizio della città di Langkazi, che sorge a oltre 4600 metri di altezza sull’altipiano del Tibet. A realizzare il sistema Arcon-Sunmark Large-Scale Solar Systems Integration, joint-venture tra la cinese Jiangsu Sunrain e la danese Arcon-Sunmark, che ha completato l’opera in 9 mesi …

Leggi tutto…

Soddisfatta della tecnologia e dei risparmi ottenuti, che ha raccolto il gradimento anche dei cittadini, l’amministrazione comunale ha in progetto un’estensione del sistema di distribuzione del calore, per il quale però necessita di un sostegno da parte di Regione Lombardia. Realizzato a partire dalla fine del 2014, la rete esistente, alimentata da una centrale a biomasse, serve tutti gli edifici pubblici e 72 utenze private …

Leggi tutto…

Nella città lombarda nel corso del 2017 oltre 800 le nuove utenze allacciate alla rete con 250.000 metri cubi teleriscaldati in più rispetto all’anno precedente. Un incremento che ha portato notevoli benefici al miglioramento della qualità dell’aria, evitando l’emissione di 14.000 tonnellate di CO2, 0,5 tonnellate di polveri sottili, 14 tonnellate di ossido di azoto e 4 di anidride solforosa…

Leggi tutto…

Il Consiglio di amministrazione della multiutility ha approvato il nuovo Piano industriale che prevede un margine operativo lordo al 2022 pari a circa 1,2 miliardi e oltre 3,1 miliardi di investimenti. Questi ultimi saranno concentrati per tre quarti nelle attività regolate, con il 70% destinato alla filiera delle reti e il 6% alle attività di raccolta dei rifiuti urbani…

Leggi tutto…