ATS avvia il progetto di risanamento fognature in tutto il territorio dei 52 comuni soci

L’investimento previsto è di 750 mila euro. Non verranno effettuati scavi e si opterà per soluzioni di intervento innovative e non impattanti. I lavori dureranno un anno e mezzo a partire già da novembre 2021. Il progetto di risanamento partirà da Carbonera, ma si estenderà anche ad altre aree del territorio che le analisi in corso stanno individuando come le più critiche. Nel corso dei lavori non verranno effettuati scavi, questo per minimizzare i disagi causati alla cittadinanza. Tale scelta operativa permette inoltre di:

  1. mantenere inalterato il funzionamento della rete fognaria
  2. non usare mezzi ingombranti di cantiere
  3. evitare movimento di terra

Si prevede di impiegare mezzi tecnologici all’avanguardia come il “canal jet” (ossia una moderna e avanzata metodologia di spurgo per pozzi neri, fogne, tubi e condotte, che sfrutta il sistema idrico ad altissima pressione), video ispezioni e robot. Si procederà, inoltre, con interventi di pulizia radicale e completa delle condotte, il loro risanamento tramite “relining” o “metodo della calza” (ossia la posa all’interno della condotta da rivestire di una guaina flessibile in feltro impregnata con resina), per arrivare alla sistemazione delle tubature di fognatura in cui ci sia la presenza di crepe, buchi e tagli.
 

Obiettivo del progetto:

Eliminare la presenza di acque parassite nei collettori fognari che presentano criticità. Con il termine “acque parassite” si intende acque sostanzialmente pulite, di natura varia (meteorica, superficiale, di falda o antropica), che non hanno necessità di essere depurate ma che possono infiltrarsi nelle reti fognarie attraverso buchi o crepe.
 

Il Presidente di ATS Fabio Vettori spiega

“È importante far sì che questo non avvenga. Eliminando o limitando tale afflusso si consente di recuperare capacità depurativa e, di conseguenza, aumentare il numero di utenze che possono usufruire del servizio depurazione. Ciò produce benefici in termini di tutela dell’ambiente e risparmio di energia impiegata dai depuratori per il loro funzionamento”.

Per questo si provvederà anche all’estirpo delle radici arboree, che rallentano il flusso dei reflui; anche per tale ultimo tipo di intervento verrà utilizzata un’attrezzatura robotizzata dotata di frese rotanti. La rete fognaria del bacino territoriale servito da ATS conta 1.600 chilometri, 37 depuratori e 27 vasche imhoff, in un bacino territoriale di 1.376 Kmq.

 

 


Leggi anche

Al via a marzo i lavori, della durata di quattro anni, per la costruzione del nuovo grande collettore fognario, che convoglierà reflui e acque meteoriche al depuratore di Castiglione Torinese. Una mega opera, fondamentale per la città e 20 comuni metropolitani, che sarà composta da condotte di 3,2 metri di diametro e si estenderà per 14 chilometri. Per la sua costruzione è stato previsto un investimento di 140 milioni di euro…

Leggi tutto…

Partirà a breve il primo stralcio dei lavori per la costruzione del nuovo impianto che servirà i comuni di Follina, Cison di Valmarino e Miane, in provincia di Treviso. Il depuratore avrà inizialmente una capacità di trattamento pari a 2500 abitanti equivalenti, che sarà portata poi a 5000 e infine a 7500. Il costo complessivo dell’opera è di 2,1 milioni di euro …

Leggi tutto…

I lavori di ammodernamento e potenziamento hanno riguardato l’intero impianto, la cui capacità di trattamento è stata portata a 116.000 abitanti equivalenti e dotato di tecnologie all’avanguardia. Cuore dell’intervento il rifacimento del trattamento biologico. Un’opera del valore di 25 milioni di euro che pone fine alla procedura comunitaria in atto dal 2009

Leggi tutto…

Il gestore idrico della provincia di Monza e Brianza ha ottenuto un green loan di 55 milioni di euro dalla Banca Europea per gli Investimenti. Le risorse saranno impiegate per realizzare 85 chilometri di reti acquedottistiche e 16 chilometri di nuove condutture fognarie, oltre a diversi altri interventi per mettere il territorio in sicurezza dagli effetti dei cambiamenti climatici…

Leggi tutto…

AqA – nata il primo aprile del 2021 dalla fusione di Tea Acque e AqA Mantova, è il nuovo gestore del servizio idrico integrato di oltre 300mila abitanti in 40 comuni della provincia di Mantova. Una società giovane, con radici solide, che vede nel 2022 la realizzazione di numerosi progetti nati negli scorsi anni, con la vocazione, fortissima, all’efficienza ambientale e all’efficienza operativa….

Leggi tutto…