ATS dichiara guerra alle perdite idriche

È lotta dura alle perdite idriche sulle infrastrutture di Alto Trevigiano Servizi (ATS). L’amministratore delegato della società, che gestisce il ciclo idrico integrato in 52 comuni del Veneto, PierPaolo Florian, ha presentato l’ambizioso piano messo a punto per ridurre drasticamente lo spreco di acqua dalle sue reti di distribuzione.

Piano che prevede una fitta campagna di ricerca perdite attraverso metodologie ad alta intensità di tecnologia innovativa e dieci milioni di investimenti annui destinati ai lavori infrastrutturali per arrivare a una riduzione delle perdite lungo la rete acquedottistica del 3% all’anno.

«Eliminare lo spreco derivante dalle perdite lungo la rete degli acquedotti non è solo una questione di efficienza del servizio pubblico, ma un imperativo morale e civico, nell’ottica di un uso consapevolmente sostenibile della risorsa acqua che non è, come in tanti erroneamente pensano, una fonte rinnovabile», ha commentato l’amministratore delegato di ATS intervenendo al convegno Utilis Italian Innovation Summit: il futuro nell’individuazione delle perdite, organizzato da ATS e Piave Servizi insieme a IWS (Integrated Watercare Solutions) e alla nostra rivista.

Centrale in questo percorso l’ausilio offerto dalle tecnologie più evolute. A questo proposito l’azienda lo scorso anno ha sperimentato il sistema di ricerca perdite satellitare della società israeliana Utilis, che ha permesso di effettuare un check up dettagliatissimo su 5.000 chilometri di rete acquedottistica, aumentando in maniera esponenziale la capacità di intervenire per l’eliminazione delle falle. Un impegno che verrà ulteriormente rafforzato nei prossimi anni, in linea con gli sforzi compiuti negli ultimi due, che hanno visto ATS investire nella ricerca delle perdite oltre 1,5 milioni di euro, con piani annuali da 10 milioni per gli interventi di ripristino delle condotte.


Leggi anche

Il gestore idrico della provincia di Brescia ha presentato il progetto messo a punto per potenziare le infrastrutture della capitale della Franciacorta: 7 milioni di investimenti e due anni di lavoro per estendere la rete fognaria in tutte le frazioni, dove vive circa un terzo dei residenti, e rinnovare l’acquedotto nel centro storico…

Leggi tutto…

I bandi riguardano il potenziamento delle reti idriche e fognarie e degli impianti di depurazione; prevedono, inoltre, investimenti in innovazione. Tra gli interventi più significativi il progetto Smart Meter, con i primi 240.000 misuratori da installare nelle province di Taranto e Brindisi, per un importo a base d’asta di 21,2 milioni di euro, e i lavori di manutenzione straordinaria all’impianto di sollevamento fogna di Torre del Diavolo, alla periferia Sud di Bari …

Leggi tutto…

Cinque incontri organizzati da Water Alliance-Acque di Lombardia e ANCI Lombardia, per tracciare una strategia condivisa sul futuro dell’oro blu insieme ad ARERA, Regione Lombardia, Istituto Superiore di Sanità e tutti i principali stakeholder del settore…

Leggi tutto…

La tecnica, di origine israeliana, consente di sigillare le perdite nelle reti idriche evitando scavi, attraverso l’inserimento nelle tubazioni di un Pig Train, un sistema brevettato e composto da due elementi semi-fluidi: un gel (il Pig) e una sostanza sigillante di origine alimentare che può chiudere perdite fino a 3000 litri/ora. L’intervento è stato eseguito a Introbio, su un tratto di oltre 300 m …

Leggi tutto…

Suddivisa in quattro lotti, l’opera interessa una condotta di 11 chilometri che sorge nella frazione di Grosseto e ha subito rotture frequenti per la sua vetustà. Il primo lotto, già concluso, ha visto il rinnovo di 4,3 chilometri di rete, mentre ora è andato in gara il secondo stralcio, del valore di 1,7 milioni relativo a una tratta di oltre 3,3 chilometri…

Leggi tutto…