ATS: pronto il progetto per la rete fognaria del quartiere San Giuseppe a Treviso

Partiranno l’estate del prossimo anno i lavori per costruire il collettore fognario a servizio del quartiere San Giuseppe, a Treviso. Il progetto, realizzato da Alto Trevigiano Servizi (ATS), il gestore del ciclo idrico del territorio a “destra del Piave”, prevede la posa del collettore lungo la strada Noalese, in modo da far defluire i reflui raccolti nel quartiere verso il depuratore principale di via Cesare Pavese. Al collettore verrà collegata anche la rete fognaria esistente nel quartiere di Sant’Angelo-Santa Maria del Sile, mediante una dorsale che si svilupperà in direttrice nord-sud, posata lungo il percorso ciclopedonale esistente fino al fiume Sile. Il fiume sarà attraversato da una condotta in pressione sostenuta dalla passerella pedonale esistente. Grazie a tali interventi saranno dismessi numerosi piccoli impianti di trattamento locali, sia privati sia gestiti dalla stessa ATS, con un vantaggio per l’ambiente e una maggiore efficienza di sistema.

Finanziati con un investimento di 2,8 milioni di euro, nel complesso i lavori vedranno la posa di circa 2,3 chilometri di condotte in gravità e 400 metri di condotte a pressione e la realizzazione di due stazioni di sollevamento. Inoltre, insieme al collettore, ATS predisporrà anche gli allacciamenti privati per le utenze frontiste, estesi fino al confine di proprietà con pozzetto di ispezione accessibile in area pubblica. Saranno poi predisposti i collegamenti alle viabilità secondarie, dalle quali procedere in seguito alle future estensioni della rete. I lavori prevedono migliorie anche alla rete idrica, come alcuni interventi di estensione dell’infrastruttura e la sostituzione dei contatori dei consumi. La conclusione dei lavori è prevista per l’estate del 2021. «Il quartiere San Giuseppe e, più in generale, la zona ovest del territorio comunale di Treviso è quasi totalmente sprovvisto di rete fognaria separata – ha spiegato Pierpaolo Florian, amministratore delegato di Alto Trevigiano Servizi -. Esistono solo brevi tratte confluenti a impianti di trattamento locali ma nella maggior parte dei casi nel quartiere la depurazione avviene tramite fosse Imhoff o impianti di depurazione per piccole comunità, la cui gestione è affidata a soggetti privati autorizzati. A pieno sviluppo la rete servirà circa 5200 nuovi utenti».


Leggi anche

Pubblicato sulla Gazzetta ufficiale il bando per il primo lotto dei lavori per completare la rete di raccolta dei reflui a servizio del comune del salernitano. L’intervento riguarda il centro cittadino e verrà assegnato con il criterio del minor prezzo partendo da una base di 2,5 milioni di euro. Fa parte di un piano più grande che comprende altri due lotti per un valore totale di 15 milioni di euro…

Leggi tutto…

È un intervento del valore di 1,9 milioni di euro quello che il gestore del ciclo idrico del Basso Valdarno sta portando avanti per dotare la frazione di Massa Macinaia di una rete di raccolta dei reflui. Suddivisi in tre lotti, i lavori hanno già visto la posa di oltre un chilometro di condotte e la costruzione di una stazione di sollevamento. Ora si procede con l’ultima fase che prevede la realizzazione delle ultime due tratte di rete dell’estensione di un altro chilometro…

Leggi tutto…

Inaugurato l’impianto di depurazione di Via Panizze a servizio della frazione di Centenaro di Lonato del Garda e della frazione San Pietro del Comune di Desenzano del Garda. Acque Bresciane ha rinnovato l’impianto costruito a fine anni ’80, adeguando alle esigenze della popolazione attuale…

Leggi tutto…

L’intervento interessa la frazione di Santa Loja del comune potentino, che negli ultimi anni ha visto un imponente sviluppo di insediamenti produttivi e residenziali. Sostenuto con un investimento di 3,5 milioni di euro, prevede la posa di 8 chilometri di condotte, l’adeguamento dei serbatoi e la realizzazione di un nuovo tratto fognario…

Leggi tutto…

Il gestore del servizio idrico della provincia di Monza Brianza ha concluso il maxi-intervento per dotare di rete di raccolta dei reflui un’area urbanizzata al confine tra i due comuni. I lavori partiti l’estate dello scorso anno, e sostenuti da un investimento di 3 milioni di euro, hanno visto la posa di 4,5 chilometri di nuove condotte, che consentiranno di convogliare i reflui al depuratore di Monza San Rocco …

Leggi tutto…