ATS realizzerà un nuovo depuratore a Follina

Servirà i comuni di Follina, Cison di Valmarino e Miane, l’impianto di depurazione che Alto Trevigiano Servizi realizzerà in un’area a sud-est del territorio del primo comune. La costruzione del depuratore avverrà contestualmente alla posa della rete fognaria nella stessa zona, che ne è ancora priva. In questo inizio di anno verrà dato il via al primo stralcio dell’opera, che prevede la realizzazione di un impianto in grado di servire inizialmente 2.500 abitanti equivalenti. La durata di questo primo cantiere è stimata in circa un anno.
 

Investimento di oltre 2 milioni

L’impianto, il cui costo complessivo è di circa 2,1 milioni di euro, tratterà le acque reflue urbane attualmente convogliate al depuratore di Cison di Valmarino e quelle provenienti dal capoluogo di Follina e dalle sue frazioni Valmareno, Labella, Farrò, Pedeguarda e Premaor. Le acque depurate scaricheranno nel fosso Fontane, affluente del Torrente Soligo, a sua volta affluente del Piave.
 

La capacità di trattamento crescerà nel tempo

La capacità depurativa dell’impianto sarà ampliata nel corso degli anni. Il progetto messo a punto dal gestore idrico del Veneto Orientale prevede infatti altri due stralci di lavori. Con il secondo lotto la capacità sarà portata a 5.000 abitanti, mentre con il terzo si arriverà alla capacità definitiva pari a 7.500. L’area dell’impianto, che si estenderà per 4400 metri quadri, sarà circondata da un argine lungo il lato nord del depuratore, per proteggerla ulteriormente da eventuali esondazioni dei corsi d’acqua che si trovano nelle vicinanze.
 

Un impianto green

L’impianto è stato progettato e costruito tutto in ottica green. Sarà infatti dotato di comparto biologico che garantirà la rimozione di carbonio, azoto e fosforo, e capace di garantire notevoli risparmi energetici.

«Il depuratore di Follina è un’opera attesa da anni dai cittadini di questa zona – ha spiegato il presidente di ATS, Fabio Vettori –. Attualmente gli agglomerati di Follina, Cison e Miane fanno confluire i loro scarichi in impianti diversi, con soluzioni private. La scelta di costruire l’impianto è dettata sia da motivi di economicità di gestione sia di tutela dell’ambiente».

Attualmente ATS conta 66 impianti di depurazione nel bacino territoriale dei 52 comuni serviti. 28 sono impianti Imhoff e 38 i depuratori di diversa grandezza e capacità. Il nuovo impianto di Follina si aggiungerà a questi ultimi.

 


Leggi anche

Con un decreto del dipartimento Ambiente e Territorio, la Regione ha finanziato 151 interventi su reti idriche e sul sistema depurativo-fognario. A quest’ultimo è destinata la maggior parte delle risorse: ben 53,2 milioni per 94 interventi. Il nuovo provvedimento è importante anche perché permette ai comuni di programmare le opere da realizzare nei prossimi mesi per ammodernare le infrastrutture, superando la semplice gestione dell’emergenza…

Leggi tutto…

calcestruzzo

Il calcestruzzo è un ottimo materiale da costruzione, ogni anno ne vengono utilizzati circa 10 miliardi di tonnellate, quasi il doppio rispetto al totale degli altri materiali equivalenti. Con il tempo, tuttavia, il calcestruzzo degrada e la sua corrosione determina ogni anno 2,5 trilioni di dollari di perdite economiche, pari al 3,4% del prodotto interno lordo mondiale. Come rendere le strutture in calcestruzzo “durabili”?…

Leggi tutto…

Saranno realizzati con un investimento di 2,3 milioni di euro i lavori per l’adeguamento dell’impianto, il principale dei due, a servizio del comune in provincia di Pisa. Lavori indispensabili per superare alcune carenze impiantistiche e per aumentare la capacità di trattamento del depuratore in vista di nuovi allacciamenti alla rete fognaria. Tra le principali opere che saranno realizzate un nuovo comparto di ossidazione e una nuova vasca di sedimentazione biologica…

Leggi tutto…

Molto positivi i risultati del bilancio di esercizio relativo al 2021, con il valore economico generato pari a 650,8 milioni di euro, con un incremento dell’8% rispetto all’anno precedente e investimenti per circa 223,8 milioni. La quota maggiore di risorse, circa 79,3 milioni, è andata all’acquedotto, seguito da depurazione, 63,7 milioni, e fognature, 62,4 milioni…

Leggi tutto…

Efficientamento dei processi, sostenibilità ambientale ed elevate performance nel trattamento dei reflui. Hanno tutti questi obiettivi gli interventi di ammodernamento e potenziamento che il gestore idrico sta portando avanti sull’impianto degli Orti, realizzato negli anni Settanta. L’azienda ha già realizzato sul depuratore opere per quasi 6 milioni di euro, con importanti risultati, ma diversi lavori sono ancora in corso e altri in programma …

Leggi tutto…