ATS usa il no-dig per il collettore di Moriago e Sernaglia della Battaglia

Quasi 1 chilometro di condotte da realizzare con una tecnica di posa no-dig. È quanto prevede il progetto di Alto Trevigiano Servizi (ATS) per concludere il collettore di Moriago e Sernaglia della Battaglia.

Il tratto di collegamento

I lavori, per l’esattezza, riguardano la realizzazione del tratto di collegamento tra le reti fognarie dei comuni di Moriago e di Sernaglia della Battaglia e la parte di collettore già esistente. Collegamento che consentirà di collettare i reflui raccolti nei due comuni del trevigiano all’impianto di depurazione di Falzè di Piave, frazione di Sernaglia. Il collegamento si estende per 800 m e sarà realizzato con un investimento di quasi 2 milioni di euro.

Una tecnologia non invasiva

Per la sua realizzazione, i progettisti del gestore idrico del Veneto Orientale hanno scelto di ricorrere a una tecnica di posa senza scavo: il microtunnelling. Una tecnologia non invasiva che consiste nel fare avanzare le tubazioni a spinta all’interno di una galleria realizzata nel terreno da una particolare testa d’avanzamento, una testa fresante a piena sezione, guidata dall’esterno. A indirizzare i tecnici su questa scelta, innanzitutto la volontà di contenere al minimo l’impatto delle opere, ma anche alcune considerazioni che riguardano la gestione dell’infrastruttura fognaria.

Il commento del presidente di ATS, Fabio Vettori

«Tale metodo di posa permette di non effettuare scavi in superficie, evitando così le manomissioni di strade ed eliminando pesanti impatti sull’ambiente, sul paesaggio, sulle strutture superficiali e sulle infrastrutture di trasporto. Una soluzione progettuale dettata anche dalla volontà di non realizzare stazioni di sollevamento, dai costi di gestione elevati e che ha il rischio potenziale di uno sversamento di reflui».

La scelta progettuale 

I lavori prenderanno il via nelle prime settimane di aprile e si protrarranno per 380 giorni. Una volta conclusa, l’opera consentirà di rendere utilizzabili le condotte che l’azienda ha già posato. Ovvero, il collegamento della rete fognaria Mosnigo-Moriago, realizzato nel 2012, quello Fontigo-Villamatta, completato nello stesso anno, e il collegamento Moriago-Fontigo, concluso nel 2013).

 

Iscriviti ora alla newsletter bimestrale
di Servizi a Rete per essere il primo a conoscere le attività

 


Leggi anche

no-dig

Stando ai dati, la percentuale di condotte deteriorate su piano nazionale è talmente alta da generare percentuali di perdite di rete così ampie che i gestori non possono più soprassedere a tale questione. A causa dell’invecchiamento, di scarsi interventi manutentivi e di vecchie tecniche costruttive, le condotte perdono la loro efficienza funzionale. A tal proposito si rende dunque inderogabile l’intervento per riabilitare vecchie condotte che altrimenti degenererebbero in rotture, collassamenti e ostruzioni delle stesse. Come intervenire dunque per contenere tali criticità? Le tecnologie no-dig sono una soluzione….

Leggi tutto…

La tecnologia no-dig sarà utilizzata dalla multiutility per completare la bonifica del tratto di rete tra le frazioni di Trasanni e Schieti di Urbino. L’intervento costituisce il terzo lotto dei lavori di potenziamento del collegamento dell’acquedotto con i comuni della Valle del Foglia. I lavori saranno completati entro metà agosto e renderanno la rete più efficiente….

Leggi tutto…

Approvato il progetto della nuova linea che unirà l’isola alla terraferma. La nuova linea collegherà le cabine primarie di Colmata, a Piombino, e di Portoferraio, nell’Elba. Avrà un’estensione di 37 chilometri, dei quali 34 posati sotto il livello del mare e 3 interrati. Gli approdi verranno realizzati con la tecnica no-dig della perforazione teleguidata (TOC). Il costo dell’infrastruttura è di 90 milioni di euro….

Leggi tutto…

hose lining

La divisione trenchless dell’impresa Benassi Srl termina con successo in Sardegna la riabilitazione con tecnologia hose lining di un’adduttrice idrica DN500 in cemento amianto, per una lunghezza complessiva oltre 6 km, all’interno della valle del Temo: impervia zona protetta da vincoli ambientali e priva di viabilità pubblica di accesso. Determinante nella scelta di intervento con tecnologie no-dig, l’orografia della valle lungo la quale si snoda il tracciato della condotta, capace di rendere difficoltose le operazioni di riparazione e praticamente impossibile la pianificazione di un intervento di manutenzione con tecniche tradizionali….

Leggi tutto…

L’intervento di relining eseguito a Campegine (Reggio Emilia) su una condotta irrigua del Consorzio di Bonifica dell’Emilia Centrale è un primato tutto italiano che apre nuove scenari sul recupero di tubazioni di diametro così grande con questa tecnologia….

Leggi tutto…