Avanza il Progetto Caserta di e-distribuzione


Avanza a ritmo serrato il Progetto Caserta di e-distribuzione. Concepito alla fine del 2015, ha già visto la realizzazione di 160 chilometri di nuove linee interrate, due nuove cabine primarie e un nuovo centro satellite per un investimento di 21 milioni di euro. A lavorarci sono oltre 270 persone con quasi 50 cantieri aperti, un impegno che ha portato alla messa in servizio delle due nuove cabine primarie di St. Gobain e Teano, mentre è in corso il potenziamento di altre 10, con l’installazione di trasformatori alta/media tensione, nuovi quadri di distribuzione in media tensione, nuovi sistemi di messa a terra del neutro tramite impedenza (bobine di Petersen). Di particolare rilevanza, per i suoi contenuti innovativi, è l’installazione nella cabina primaria di Marzanello di uno dei primi esemplari di trasformatore alta/media tensione a doppio secondario MT, di nuova generazione, che permetterà di migliorare il servizio alle utenze industriali. Fa parte del progetto anche la realizzazione di 3 nuovi centri satellite, dei quali uno è già in servizio e altri 2 attualmente in costruzione. In questi centri sono state introdotte tecnologie digitali evolute che aumentano l’efficacia dei sistemi di comunicazione per la gestione da remoto degli impianti e migliorare così la qualità del servizio. Sono previsti anche lavori di realizzazione di circa 300 km di elettrodotti in media tensione, tutti in cavo sotterraneo, nella ormai consolidata logica di sostenibilità ambientale degli interventi.


Leggi anche

Le due società hanno rinnovato il Memorandum of Understanding finalizzato a valorizzare le potenziali sinergie tra il sistema gas e il sistema elettrico. Tre le aree al centro dell’intesa: le centrali dual fuel, il sector coupling, in particolare con l’integrazione delle fonti rinnovabili, e la ricerca e sviluppo di soluzioni innovative per rendere le reti energetiche sempre più sostenibili…

Leggi tutto…

È quanto prevede il Piano di sviluppo appena pubblicato dalla società per lo sviluppo e potenziamento della rete di trasmissione elettrica nazionale. Le risorse, ben il 7% in più rispetto all’ultimo piano e quasi doppie rispetto al 2017, serviranno ad abilitare la transizione energetica sostenibile e favorire la piena integrazione delle fonti rinnovabili. 27 in totale i progetti previsti, tra nuovi interventi da Nord a Sud della Penisola, interconnessioni con l’estero e collegamenti tra le isole…

Leggi tutto…

In ragione dell’emergena Covid-19, l’Autorità di regolazione energia reti e ambiente (Arera) proroga i termini delle scadenza per richiedere il rinnovo dei bonus sociali nazionali (elettricità, acqua, gas) concessi ai cittadini economicamente svantaggiati. La scadenza è rimandata al 30 giugno 2020, salvo eventuali ulteriori misure regolamentari legate all’emergenza in corso….

Leggi tutto…

La multiutility ha rivisto al rialzo i suoi target di decarbonizzazione, puntando a ridurre del 46% le emissioni di CO2 per kWh prodotto entro il 2030. A questo si aggiungono i nuovi obiettivi di emissioni indirette: azzerate entro il 2024 quelle legate all’utilizzo di energia e combustibili acquistati e ridotte del 20% entro il 2030 quelle per spostamenti, viaggi e altre attività. I nuovi obiettivi sono stati validati dalla Science Based Targets initiative…

Leggi tutto…

Storico risultato per la multiutility che ha chiuso il bilancio 2019 con il fatturato che ha raggiunto il suo livello record di 1,15 miliardi di euro, segnando una crescita del 32% rispetto all’anno precedente. In crescita anche il margine operativo lordo, arrivato a 98 milioni e l’utile netto, salito a 29 milioni. Aumentati anche il personale di 89 unità che portano il totale dei dipendenti a 1.447 …

Leggi tutto…