Avanza veloce la fibra ottica di TIM

Avanza veloce la fibra ottica di TIM. La società ha reso noto che sono ben 2.700 i comuni italiani che in soli sette mesi hanno beneficiato degli interventi di copertura ultrabroadband. Sempre più famiglie e imprese hanno ottenuto l’accesso ad internet veloce.

Anche nello scorso mese di settembre, infatti, l’azienda ha dato forte impulso ai propri programmi di cablaggio con tecnologia FTTC (Fiber To The Cabinet) concentrati soprattutto nelle cosiddette “aree bianche” del Paese, grazie ai quali la rete in fibra ottica è stata estesa ad altri 200 comuni distribuiti sull’intero territorio nazionale. Un impegno che ha come obiettivo di superare il digital divide in Italia entro il 2021. Si otterrà estendendo a tutti la possibilità di fruire di una connessione veloce, sicura, affidabile e di qualità.

Al momento sono oltre 4.700 i comuni della Penisola dove sono disponibili i servizi a banda ultralarga di TIM. Beneficio di cittadini, imprese e pubbliche amministrazioni.

La società conferma inoltre il proprio impegno a proseguire con il piano ultrabroadband e continuerà anche nei prossimi mesi a intensificare i propri programmi di cablaggio, portando entro dicembre la fibra al 90% delle famiglie che utilizzano la rete fissa a livello nazionale. Una risposta concreta alle crescenti richieste di connettività che provengono prevalentemente dalle zone rurali o a bassa densità abitativa del Paese. TIM raggiungerà entro l’anno oltre 5.000 comuni, molti dei quali nelle “aree bianche” per abilitare alla vita digitale circa il 75% delle famiglie residenti in quelle zone e che utilizzano la rete fissa.


Leggi anche

La piattaforma interna della società, realizzata con Reply, si è aggiudicata l’Intranet Design Annual Award 2021, prestigioso riconoscimento internazionale assegnato da Nielsen Norman alle 10 migliori intranet aziendali su scala mondiale. Easy, questo il nome, è stata lanciata lo scorso anno e sviluppata partendo dalle esigenze del personale Snam. …

Leggi tutto…

Torna la V edizione dell’appuntamento diventato di riferimento per il settore idrico, organizzato da Terranova in collaborazione con istituzioni, Utility e imprese, per tracciare i trend di un settore quanto mai vivo e pronto per un deciso salto nel futuro. L’acqua protagonista del webinar, il bene primario da gestire con sempre maggior cura, visione, regole adeguate, innovazione nell’approccio come nei processi e nelle tecnologie….

Leggi tutto…

Il sistema di telecontrollo consente di monitorare 24 ore su 24 un totale di 765 impianti fra acquedotti, fognature, depurazione per acquisire informazioni sul corretto funzionamento dei sistemi. Unità remote e data logger trasmettono dati allo Scada Center, dove l’esperienza e la conoscenza del territorio dei tecnici consentono di azzerare falsi allarmi e attivare le squadre reperibili dove e quando serve….

Leggi tutto…

calcestruzzo

La protezione delle strutture in calcestruzzo, nuove ed esistenti, è diventata negli ultimi anni una tematica di assoluta rilevanza. Le cause di degrado più frequenti, come è noto, sono chimiche, fisiche, batteriologiche o meccaniche. Come fare dunque per rendere una struttura in calcestruzzo durevole e/o estenderne la vita utile? È possibile farlo attraverso l’utilizzo della tecnologia cristallizzante e di sistemi di impermeabilizzazione innovativi, sia per gli impianti di nuova costruzione che per il risanamento e ripristino di quelli esistenti.

Guarda il replay del webinar svolto lo scorso 18 febbraio >

Leggi tutto…

prelocalizzazione

L’Italia perde mediamente il 42% del volume d’acqua immesso in rete. L’Authority ARERA il 27 dicembre 2017 è intervenuta con la delibera 917 introducendo tra gli altri il MIQT M1 che impone ai gestori del SII di ridurre le proprie perdite idriche. La tecnologia SAR, di prelocalizzazione delle perdite idriche sviluppata da Utilis, è uno strumento che sta rivoluzionando il mercato, consentendo alle water utility di verificare l’intera rete idrica in tempi brevissimi e permettendo di trovare molte più perdite al giorno rispetto alle tradizionali tecnologie….

Leggi tutto…