Avviati i lavori per il teleriscaldamento a Piancastagnaio

Il teleriscaldamento a servizio di Piancastagnaio si appresta a diventare realtà. Hanno infatti preso il via i lavori per la realizzazione della rete di distribuzione che porterà il calore pulito e 100% rinnovabile nelle abitazioni del comune dell’Amiata.

Si tratta del primo dei tre lotti che costituiscono l’opera nel suo complesso, che sarà realizzata con un investimento totale di 8 milioni di euro e che gradualmente renderanno il servizio disponibile all’intero territorio comune in provincia di Siena.

Proprietario dell’infrastruttura è il Comune, mentre a gestirla sarà GES (Geo Energy Service), società con sede a Pomarance specializzata negli impianti di teleriscaldamento, nella cui capitale sono presenti, oltre Piancastagnaio, anche altri comuni geotermici toscani.

A beneficiare del progetto saranno circa 1.100 utenze, per una volumetria di un milione di metri cubi e una popolazione di oltre 4.000 abitanti. Altri notevoli vantaggi si avranno anche sul piano ambientale, dal momento che ai benefici garantiti dalla tecnologia si aggiungono quelli dovuti all’impiego della fonte di energia termica. La rete sarà infatti alimentata con il calore sarà il calore della Terra, fornito dal campo geotermico di Enel Green Power.

La costruzione del nuovo sistema segue quella già realizzata ed entrata in servizio nell’area artigianale “La Rota”, che fornisce calore a 19 aziende e a due insediamenti agricoli, e in località Casa del Corto, che sta entrando in funzione e che fornirà energia termica a 15 unità immobiliari, entrambe nel territorio del comune di Piancastagnaio.

Così anche quest’ultimo avrà il suo impianto dopo che simili sistemi sono già attivi sui territori degli altri comuni geotermmici dell’Amiata, ovvero Castelnuovo Val di Cecina, Monteverdi Marittimo, in provincia di Pisa, Monterotondo Marittimo, Montieri e Santa Fiora, in provincia di Grosseto e da poco anche a Radicondoli, in provincia di Siena.


Leggi anche

Il primo sistema è entrato in funzione nel giugno del 1939, fornendo calore, acqua calda e vapore al campus medico Vytautas Magnus University di Kaunas. Da allora il settore è stato in costante crescita, ed è diventato sempre più green grazie allo sfruttamento delle biomasse locali, tanto che oggi il teleriscaldamento arriva in 700.000 abitazioni, coprendo circa il 50% della domanda di calore…

Leggi tutto…

La riproduzione di una torre di raffreddamento in scala realizzata in acciaio dall’artista Ennio Zucchelli è la nuova opera che arricchisce il Museo geotermico di Larderello, a Pomarance, in provincia di Pisa. Con il suo lavoro l’artista ha voluto rendere omaggio a una tecnologia amica della natura dalla quale i sei comuni geotermici toscani ottengono il calore per le loro abitazioni …

Leggi tutto…

Sarà terminato a novembre l’impianto solare a supporto della rete di teleriscaldamento che la danese Arcon-Sunmark sta realizzando a Bernburg, in Sassonia, per conto di Stadtwerke Bernburg. Con i suoi 632 collettori e una produzione annua di 2,3 MW sarà il secondo più grande del Paese, dietro quello che la società danese sta realizzando a Ludwigsburg, nel Baden-Württemberg …

Leggi tutto…

Il manuale Upgrading the performance of district heating networks fornisce indicazioni tecniche e non sulle strategie per migliorare le prestazioni dei sistemi. Indicazioni elaborate a partire dalle esperienze sviluppate nell’ambito del progetto europeo Upgrade DH, che coinvolge gestori, realtà industriali e del mondo della ricerca attivi nel campo del teleriscaldamento di otto diversi Paesi europei, tra i quali l’Italia, presente con Hera e Optit…

Leggi tutto…