Avviati i lavori per il teleriscaldamento a Piancastagnaio

Il teleriscaldamento a servizio di Piancastagnaio si appresta a diventare realtà. Hanno infatti preso il via i lavori per la realizzazione della rete di distribuzione che porterà il calore pulito e 100% rinnovabile nelle abitazioni del comune dell’Amiata.

Si tratta del primo dei tre lotti che costituiscono l’opera nel suo complesso, che sarà realizzata con un investimento totale di 8 milioni di euro e che gradualmente renderanno il servizio disponibile all’intero territorio comune in provincia di Siena.

Proprietario dell’infrastruttura è il Comune, mentre a gestirla sarà GES (Geo Energy Service), società con sede a Pomarance specializzata negli impianti di teleriscaldamento, nella cui capitale sono presenti, oltre Piancastagnaio, anche altri comuni geotermici toscani.

A beneficiare del progetto saranno circa 1.100 utenze, per una volumetria di un milione di metri cubi e una popolazione di oltre 4.000 abitanti. Altri notevoli vantaggi si avranno anche sul piano ambientale, dal momento che ai benefici garantiti dalla tecnologia si aggiungono quelli dovuti all’impiego della fonte di energia termica. La rete sarà infatti alimentata con il calore sarà il calore della Terra, fornito dal campo geotermico di Enel Green Power.

La costruzione del nuovo sistema segue quella già realizzata ed entrata in servizio nell’area artigianale “La Rota”, che fornisce calore a 19 aziende e a due insediamenti agricoli, e in località Casa del Corto, che sta entrando in funzione e che fornirà energia termica a 15 unità immobiliari, entrambe nel territorio del comune di Piancastagnaio.

Così anche quest’ultimo avrà il suo impianto dopo che simili sistemi sono già attivi sui territori degli altri comuni geotermmici dell’Amiata, ovvero Castelnuovo Val di Cecina, Monteverdi Marittimo, in provincia di Pisa, Monterotondo Marittimo, Montieri e Santa Fiora, in provincia di Grosseto e da poco anche a Radicondoli, in provincia di Siena.


Leggi anche

La società ha acquisito la partecipazione residua del precedente gestore Giemme Gestione Multiservice, e ora è il gestore unico del servizio nel comune lombardo. La rete di teleriscaldamento di Cinisello serve 18.000 abitanti, fornendo circa 50 GWh termici all’anno, garantendo una riduzione di oltre il 25% di emissioni di CO2 e NOx rispetto alle tradizionali caldaie…

Leggi tutto…

Pubblicata la gara per la costruzione di una rete di teleriscaldamento a servizio della città lombarda e dei comuni limitrofi di Valmadrera e Malgrate. Il bando, del valore complessivo di 80 milioni di euro, oltre alla posa delle condotte, include anche la realizzazione di una centrale alimentata a fonti rinnovabili, a fronte della concessione del servizio per 35 anni. Il 15 aprile ultimo giorno per presentare la candidatura…

Leggi tutto…

Il progetto avviato una decina di anni fa, con un investimento complessivo di 30 milioni di euro, ha portato finora alla costruzione di una rete di distribuzione del calore di 22 chilometri. Rete in costante espansione e che quest’anno permetterà di portare il servizio a circa il 50% dei residenti, con grandi vantaggi ambientali ed economici. A questo scopo si studia anche un potenziamento della centrale che alimenta l’infrastruttura…

Leggi tutto…

Al via il primo lotto dei lavori per portare il servizio al quartiere Barco, nella zona Nord della città. Lotto che prevede la posa di 1,5 chilometri di condotte entro la prossima estate, cui faranno seguito altre due fasi per un’estensione totale della rete di 3 chilometri. Il costo dell’intervento, che si somma a quello già in fase di avanzata realizzazione che interessa il complesso Corte di Medoro, è di 2,5 milioni…

Leggi tutto…

Martedì 5 marzo 2019 presso la Fondazione AEM Milano, dalle 18:30 alle 20:00, AIM Associazione Interessi Metropolitani promuove un incontro aperto alla città di Milano per presentare il secondo numero della collana, dedicato al teleriscaldamento….

Leggi tutto…