Avviati i lavori per il teleriscaldamento a Piancastagnaio

Il teleriscaldamento a servizio di Piancastagnaio si appresta a diventare realtà. Hanno infatti preso il via i lavori per la realizzazione della rete di distribuzione che porterà il calore pulito e 100% rinnovabile nelle abitazioni del comune dell’Amiata.

Si tratta del primo dei tre lotti che costituiscono l’opera nel suo complesso, che sarà realizzata con un investimento totale di 8 milioni di euro e che gradualmente renderanno il servizio disponibile all’intero territorio comune in provincia di Siena.

Proprietario dell’infrastruttura è il Comune, mentre a gestirla sarà GES (Geo Energy Service), società con sede a Pomarance specializzata negli impianti di teleriscaldamento, nella cui capitale sono presenti, oltre Piancastagnaio, anche altri comuni geotermici toscani.

A beneficiare del progetto saranno circa 1.100 utenze, per una volumetria di un milione di metri cubi e una popolazione di oltre 4.000 abitanti. Altri notevoli vantaggi si avranno anche sul piano ambientale, dal momento che ai benefici garantiti dalla tecnologia si aggiungono quelli dovuti all’impiego della fonte di energia termica. La rete sarà infatti alimentata con il calore sarà il calore della Terra, fornito dal campo geotermico di Enel Green Power.

La costruzione del nuovo sistema segue quella già realizzata ed entrata in servizio nell’area artigianale “La Rota”, che fornisce calore a 19 aziende e a due insediamenti agricoli, e in località Casa del Corto, che sta entrando in funzione e che fornirà energia termica a 15 unità immobiliari, entrambe nel territorio del comune di Piancastagnaio.

Così anche quest’ultimo avrà il suo impianto dopo che simili sistemi sono già attivi sui territori degli altri comuni geotermmici dell’Amiata, ovvero Castelnuovo Val di Cecina, Monteverdi Marittimo, in provincia di Pisa, Monterotondo Marittimo, Montieri e Santa Fiora, in provincia di Grosseto e da poco anche a Radicondoli, in provincia di Siena.


Leggi anche

Centrale Lamarmora

La prossima stagione termica a Brescia sarà ancora più green. La multiutility ha deciso di eliminare l’utilizzo di carbone nella centrale Lamarmora, che rappresenta la seconda fonte di generazione di calore per la rete di teleriscaldamento cittadino, contribuendo al 30% del fabbisogno. Una scelta che segna una decisa accelerata sul programma di decarbonizzazione annunciato da A2A…

Leggi tutto…

Il sistema sviluppato e gestito da Hera ha appena ottenuto la certificazione Carbon Footprint rilasciata da Sgs per il suo basso impatto ambientale. Alimentato per il 90% con energia termica da fonte geotermica e con il recupero di calore del termovalorizzatore cittadino, il sistema, come rilevato da uno studio condotto da Ergo, emette solo 122 g di CO2 per ogni kWh termico immesso in rete…

Leggi tutto…

CogenInfra, attivo nel teleriscaldamento e nei servizi di efficienza energetica, entra nel capitale azionario della società che gestisce il teleriscaldamento a Tirano, Sondalo e Santa Caterina Valfurva, in provincia di Sondrio. Un’operazione che permette a Tcvvv di ampliare le sue prospettive industriali, rafforzandosi sul territorio e puntando sull’offerta di nuovi servizi…

Leggi tutto…

Alperia, l’utility energetica dell’Alto Adige, ha presentato il progetto per il nuovo impianto a servizio della rete di distribuzione del calore della cittadina della provincia di Bolzano. La centrale sarà alimentata a biomasse e sarà dotata di un generatore della potenza di 8 MW, in grado di produrre 27 GWh di energia termica ogni anno, sufficienti a scaldare circa 2500 appartamenti, evitando l’emissione in atmosfera di 5500 tonnellate di CO2 annue…

Leggi tutto…

Progettato da E.S.Co. BIM e Comuni del Chiese, la società energetica dei comuni del bacino del Chiese, il sistema è stato realizzato con un investimento di 4,9 milioni di euro. È costituito da una centrale alimentata con biomassa proveniente dai boschi che circondano il comune della provincia di Trento e da una doppia rete che si estende in totale per 5,3 chilometri…

Leggi tutto…