Azienda Servizi Toano: grandi investimenti da una piccola utility

Non ha le dimensioni di una multiutility, anzi è piuttosto piccola, ma ha comunque come missione di raggiungere la massima efficienza. Si tratta di Azienda Servizi Toano (AST), una delle due uniche società, l’altra è SorgeAqua, a totale capitale pubblico che gestiscono il ciclo idrico in Emilia-Romagna.

Una utility in scala “mini”, il territorio nel quale opera è quello di Toano, in provincia di Reggio Emilia, e della frazione di Lusignana di Villa Minozzo, servendo circa 4300 utenti nel primo, il cui numero quasi raddoppia durante alcune settimane dell’estate, e circa 50 nella seconda.

Nonostante i bassi numeri, l’azienda, controllata al 100% dal Comune di Toano, ha i conti in ordine, pur non potendo avvantaggiarsi di economie di scala, e, soprattutto, continua a investire.
 

Bilancio in attivo

Per quanto riguarda i primi, lo stato di salute dell’azienda si evince dal bilancio 2020, appena presentato. Bilancio chiuso con un utile di 3.989 euro, con i ricavi pari a 769.000 euro, mentre le spese sono state pari a 737.000 euro. Su queste per quasi un terzo indice il costo del personale, per una cifra che supera i 240,000 euro.
 

Investimenti sulla rete idrica

Ma ancora più significativo sono i numeri che riguardano gli investimenti che l’azienda, prossima al traguardo dei 60 anni di attività, metterà in campo per il 2022. La cifra è prossima ai 600.000 euro, dei quali una parte proveniente dal Fondo per lo sviluppo e la coesione (FSC).

Le risorse saranno utilizzate per realizzare diversi interventi, tra i quali il rinnovo delle reti e la manutenzione straordinaria sul Picchetto69, ovvero un ripartitore dell’acquedotto Destra Secchia, e su diverse sorgenti. Sul ripartitore e le sorgenti saranno anche installati dei misuratori di portata per monitorare la rete idrica e ridurre le perdite. Inoltre, sarà completata la distrettualizzazione della rete principale, che consentirà di monitorare e misurare l’acqua all’ingrosso ceduta a Ireti in comune di Villa Minozzo. 
 

Interventi anche nella depurazione

Tra gli altri progetti compresi nel piano di opere per il 2022 c’è poi la manutenzione straordinaria dei serbatoi di L’Oca, nell’omonima frazione, e La Borella, nella frazione di Cerredolo. Inoltre, sempre nella frazione di L’Oca sarà realizzato un depuratore e un altro in quella di Vogno, mentre sarà eseguita la manutenzione straordinaria sull’impianto di Lignano.

 


Leggi anche

Gruppo CAP ha lanciato una open innovation challenge per individuare le proposte più innovative ed efficaci contro le infiltrazioni nella rete fognaria. L’iniziativa si rivolge a startup, università, istituti di ricerca e ricercatori di tutto il mondo e si avvale della piattaforma di crowdsourcing Open Innovability® di Enel. I migliori verranno sviluppati nei laboratori e impianti di Gruppo CAP…

Leggi tutto…

rifiuti

Il ciclo di webinar progettato da Utiliteam approfondirà i temi più caldi nelle agende dei settori idrico e rifiuti. Con la convinzione che la compliance alla regolazione sia un’occasione da cogliere dalle aziende soggette alla potestà ARERA, gli interventi che si susseguiranno offriranno punti di attenzione sulla visione di business e sulla strategia delle società operanti nel comparto ambiente….

Leggi tutto…

Le installazioni di sensori e dispositivi intelligenti si stanno sviluppando all’interno di moltissimi impianti: sono gli elementi costitutivi di base di qualsiasi iniziativa di Industrial Internet of Things (IIoT). L’applicazione IoT in ambito industriale può essere un modo utile per monitorare le apparecchiature di processo e i macchinari preservando salute e sicurezza non solo dei sistemi, ma anche delle persone e dell’ambiente circostante…

Leggi tutto…

La Banca Europea per gli Investimenti (BEI) sosterrà il piano industriale 2022-2025 del Gruppo CAP, che prevede interventi per circa €450 milioni in 5 anni. Il finanziamento, che si inserisce nelle politiche ambientali e nel Green New Deal della Regione Lombardia, contribuirà al miglioramento della copertura, della qualità e della resilienza dei servizi idrici del territorio servito da Gruppo CAP. …

Leggi tutto…

Il gestore idrico di 55 comuni toscano ha concluso l’importante intervento che ha permesso di rinnovare una porzione di rete idrica e mettere in sicurezza l’acquedotto mediceo. Un’opera, che ha visto la posa di 7 chilometri di condotte per una spesa di 2 milioni di euro, progettata a tempo di record con Ingegnerie Toscane per risolvere le criticità legate alle frequenti rotture provocate dalle vecchie condotte ormai giunte a fine vita…

Leggi tutto…