Brescia Living Smart per la città di domani


Mille famiglie bresciane, residenti in due zone significative per caratteristiche sociali e urbanistiche, il quartiere periferico di Sanpolino e la zona di via XX Settembre/Solferino a ridosso del centro storico, stanno facendo da “apripista” a un progetto di ricerca e innovazione promosso da A2A con il Comune e l’Università degli Studi di Brescia. L’obiettivo è sperimentare un modello innovativo di gestione dell’energia e di servizi rivolto a tutti i cittadini con una particolare attenzione alle fasce più deboli.
Il progetto si chiama Brescia Smart Living e ha obiettivi ambiziosi come il benessere, la sicurezza, l’inclusione e la sostenibilità. Un progetto ad alto tasso di innovazione e tecnologia che, al contempo, mette al centro le esigenze della persona e della comunità.
Se il progetto confermerà le attese, nei prossimi anni diventerà un modello attraverso il quale migliorare Brescia in settori fondamentali, come i consumi energetici, l’illuminazione pubblica intelligente, l’analisi della qualità dell’aria e del rumore, la raccolta dei rifiuti.
Il cambiamento riguarderà anche temi di interesse sociale come la tutela dei più deboli, la sicurezza, l’informazione, la trasparenza e la partecipazione.
Per poter sviluppare al meglio queste attività, per delineare le aspettative reali dei cittadini, in modo da formulare un modello utile alla città di domani, è stato promosso un questionario che aiuterà il gruppo di progetto a tracciare il “ritratto” delle abitudini di vita dei cittadini coinvolti.
L’analisi delle risposte ottenute, permetterà di finalizzare il lavoro tecnico di progettazione dei servizi, svolto fino a oggi, e di poterlo validare sulla base di reali bisogni.
Questo è solo il primo step di un progetto di coinvolgimento attivo della cittadinanza, ne seguiranno altri che porteranno, da giugno del prossimo anno, numerose famiglie a diventare gli attori principali delle soluzioni che verranno sperimentate in campo.
Brescia Smart Living, cofinanziato dal Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca, si avvale di diversi partner: Unibs, Enea, Brain (Beretta Research And Innovation), Cauto, Cavagna Group, St Microelectronics, Fge Elettronica, Iperelle e Teamware.


Leggi anche

Il comune ha approvato la proposta di project financing per la concessione del servizio e il miglioramento ed efficientamento degli impianti. Tra i quattro progetti presentati è stato scelto quello di Hera Luce, che garantirà un drastico abbattimento dei consumi, pari al 62% rispetto a quelli attuali, e prevede l’introduzione di innovazioni per implementare servizi di smart city. La durata della concessione è di 25 anni…

Leggi tutto…

La società ha concluso un importante intervento su un cavo sottomarino in media tensione indispensabile per garantire la distribuzione dell’elettricità nell’isola Flegrea. Per riparare il cavo posato sul fondale marino, sul quale era stato rilevato un guasto, a circa 3.100 metri dalla terraferma, è intervenuto un team di 20 persone composto anche dai sommozzatori specializzati della società Site …

Leggi tutto…

Realizzato nella centrale di Torino Nord, il sistema permette di dare impulso allo sviluppo delle rinnovabili e offrire servizi di sostegno alla stabilità della rete elettrica nazionale. Si tratta del primo sistema realizzato dal Gruppo dopo l’assegnazione da parte di Terna del 30% della capacità del Nord Italia di Fast Reserve…

Leggi tutto…

La gamma Ermatic® é una soluzione completa e modulare di dispositivi in ghisa sferoidale per la copertura di un’ampia gamma di reti sotterranee: Reti fognarie: pozzetti d’ispezione, camerette di dissabbiatura e pozzetti a cisterna, ecc.; Telecomunicazioni: pozzetti di infilaggio e derivazione, ecc. ; Energia elettrica: posa di segnali, segnalazione, cameretta per trasformatore, scatola di derivazione, ecc. I suoi vantaggi principali sono: modularità, durabilità, impermeabilità alle infiltrazioni (acque di scorrimento), stabilità, grande apertura per il passaggio di macchinari di grandi dimensioni….

Leggi tutto…

AqA – nata il primo aprile del 2021 dalla fusione di Tea Acque e AqA Mantova, è il nuovo gestore del servizio idrico integrato di oltre 300mila abitanti in 40 comuni della provincia di Mantova. Una società giovane, con radici solide, che vede nel 2022 la realizzazione di numerosi progetti nati negli scorsi anni, con la vocazione, fortissima, all’efficienza ambientale e all’efficienza operativa….

Leggi tutto…