BrianzAcque ha concluso il risanamento no-dig del collettore di Monza

Si è concluso con successo e nel pieno rispetto delle tempistiche preventivate il risanamento del collettore fognario di Monza. Operazione che BrianzAcque ha realizzato con la tecnica no-dig del relining.

I lavori hanno interessato quasi 2 chilometri di condotte. Nello specifico, quelle comprese tra viale Stucchi e viale delle Industrie, due delle principali arterie della città. Grazie all’impiego della tecnica senza scavo, l’intervento è stato portato avanti con un impatto minimo sul forte traffico che caratterizza quest’asse viabilistico.

La riqualificazione delle condutture si era resa necessaria a causa del loro stato di deterioramento, dovuto a diverse cause riconducibili principalmente alla vetustà dei sottoservizi. I lavori, per una spesa complessiva di 3,6 milioni di euro, si sono concentrati prevalentemente al centro del viale lungo l’aiuola verde spartitraffico che separa le due carreggiate stradali, e hanno garantito il ripristino ottimale del servizio fognario, con apporti positivi sull’ambiente e anche con minori costi sociali.

Un progetto di risanamento più complesso

La maxi operazione sul collettore monzese rientra in un più generale e articolato programma di risanamento delle infrastrutture fognarie, in corso di realizzazione da parte del gestore idrico della provincia di Monza e Brianza per migliorarne condizioni e funzionalità.

Insieme alle tradizionali metodologie di lavoro, per la realizzazione di tali opere l’azienda sta facendo ricorso alle tecnologie no-dig, che il settore Progettazione e Pianificazione di BranzAcque ha utilizzato con successo anche con cantieri assai impegnativi, come quello che due anni fa ha interessato il collettore Seregno Sud con la realizzazione di un by pass aereo senza precedenti in Italia. A Monza, il relining era già stato applicato per intervenire in modo rapido e non invasivo per la riparazione di una condotta fognaria collocata sotto passerella dei Mercanti, lungo il Lambro, in pieno centro storico.

Enrico Boerci, Presidente e Amministratore Delegato di BrianzAcque

«Siamo soddisfatti di aver centrato quest’obiettivo interferendo il minimo possibile sulla circolazione e sulle numerose attività imprenditoriali e sportive esistenti nelle immediate vicinanze. La tecnica di risanamento no dig si conferma sempre più quale soluzione vincente ed efficace. Basti pensare che la stessa operazione eseguita con i metodi tradizionali sarebbe durata tre volte tanto».

 

Iscriviti ora alla newsletter bimestrale 
di Servizi a Rete per essere il primo 
a conoscere le attività

 


Leggi anche

Il CdA del gestore idrico del Nord della Toscana ha approvato il progetto, da 900.000 euro, che prevede la sostituzione di 1,5 chilometri di una delle principali condotte in pressione del sistema fognario della cittadina. Le vecchie tubazioni saranno sostituite da condotte in ghisa di diametro maggiore. Il nuovo tracciato incrocerà la SS Aurelia e l’autostrada A12: l’attraversamento sarà realizzato con la tecnica no-dig della Trivellazione Orizzontale Controllata…

Leggi tutto…

Rinnovare le infrastrutture di raccolta dei reflui che presentano maggiori criticità è l’obiettivo del vasto programma di interventi messo a punto dal gestire idrico della Provincia di Monza e della Brianza. La prima fase, per un investimento di 4 milioni di euro, coinvolgerà 3,5 chilometri di condotte di 16 comuni. Gran parte dei lavori verranno eseguiti con la tecnica del relining. …

Leggi tutto…

È la tecnica del relining quella scelta dal gestore idrico della Sardegna per ripristinare la funzionalità idraulica e statica di alcune porzioni di rete gravemente ammalorate del capoluogo dell’isola. Gli interventi rientrano nel più vasto piano di lavori che Abbanoa ha in programma per la città e che prevedono un investimento complessivo di 10 milioni di euro….

Leggi tutto…

protezione

Quanto è importante la protezione meccanica delle tubazioni? Soprattutto in condizioni estreme, come quelle che si verificano durante gli attraversamenti trenchless, diventa una priorità inderogabile garantire alla tubazione una protezione che ne preservi la sua integrità nel tempo. In questo tipo di posa, infatti, le condotte sono suscettibili a graffi e abrasioni che possono comprometterne la protezione anticorrosiva. È anche necessario che la protezione meccanica aderisca perfettamente così da evitare che gli sforzi subiti possano staccarla dal tubo….

Leggi tutto…

Dopo una fase pilota, limitata lo scorso anno ad alcune strade, il progetto Aquarius per la ricerca delle dispersioni si estende a tutta la città. Già installati 170 sensori che monitorano le reti rilevando il rumore di eventuali fuoriuscite di acqua, così da individuare le tubazioni ammalorate. Un’attività che nel prossimo quinquennio toccherà 1700 km di tubazioni di Brescia e di alcuni comuni della sua provincia….

Leggi tutto…