BrianzAcque interverrà con il no-dig sulla rete fognaria di Monza

Legambiente chiama, BrianzAcque risponde. Si può riassumere così la virtuosa collaborazione tra l’associazione a tutela dell’ambiente e il gestore del ciclo idrico della provincia di Monza Brianza. Collaborazione che porterà al risanamento con la tecnica no-dig di un tratto della rete fognaria di Monza.

Il tutto ha avuto inizio con la segnalazione al gestore da parte del circolo cittadino di Legambiente della presenza di rivoli maleodoranti nel tratto del fiume Lambro che scorre nel cuore di Monza. Immediata la risposta di BrianzAcque che si è subito attivata inviando sul luogo una sua squadra di tecnici per eseguire una serie di verifiche delle condotte collocate in prossimità della passerella dei mercati, lungo le sponde del corso d’acqua.

I primi rilievi hanno riscontrato la presenza del problema e pertanto l’azienda ha predisposto interventi di pulizia e di videoispezione delle tubature che interessano la zona, che saranno avviate a breve. Sulla base dell’esito della videoispezione e sul riscontro di eventuali rotture o lesioni delle tubazioni, verrà quindi programmato un intervento di risanamento interno della fognatura con modalità “no-dig”, ossia senza scavi, in modo da impattare il meno possibile su un’area ad alta frequentazione e caratterizzata dalla vicinanza degli argini del fiume. Nello specifico la tecnica che sarà utilizzata è quella del relining, che consiste nell’inserimento l’inserimento di una calza impregnata con resina all’interno della condotta, che funge da rinforzo strutturale, ne ripristina la piena funzionalità idraulica e ne garantisce la competa impermeabilizzazione.


Leggi anche

Partirà a metà settembre il secondo lotto dei lavori di rispristino dell’infrastruttura idrica a servizio del comune della provincia di Oristano. L’intervento costa 4 milioni di euro e interessa 6 chilometri di condotte dal partitore di Barrasumene alla diga di Monte Crispu. Il tratto è parecchio problematico per via del terreno molto impervio; inoltre, ricade in un territorio soggetto a vincoli ambientali: da qui la scelta del ricorso alla tecnica no-dig…

Leggi tutto…

L’intervento ha visto l’inserimento all’interno delle condotte esistenti di un tubolare in kevlar e ha interessato un tratto di rete idrica che si estende per oltre 3 chilometri, tra le località Monticella, nel territorio di Conegliano, e Saccon, nel comune di San Vendemiano. I lavori si sono resi necessari per via dell’avanzato stato di ammaloramento delle tubazioni, soggette a frequenti rotture…

Leggi tutto…

L’intervento interessa la zona Sud della cittadina brianzola e mira a completare l’allaccio all’infrastruttura delle utenze non ancora raggiunte dal servizio. È previsto anche il risanamento della rete già esistente in via Milano, un’importante arteria stradale, che sarà eseguito con la tecnica no dig del relining. I lavori dureranno circa 6 mesi per un costo di 400.000 euro…

Leggi tutto…

La multiutility con sede a Mirandola si appresta ad aprire il cantiere per sostituire un tratto di 650 m di collettore fognario sotto la tangenziale Lusi, posato a oltre 4 metri di profondità. L’intervento verrà eseguito con la tecnica del pipe bursting, in modo da non bloccare la circolazione stradale, con una spesa di circa 1,3 milioni di euro …

Leggi tutto…

Servizi a Rete TOUR 2019, 26-27 Giugno 2019 | Bologna, Spazio HERA

Durante la quinta edizione, dedicata al tema della “Digital transformation e le utility alla guida del cambiamento urbano”, esperti provenienti da tutta Italia si daranno appuntamento a Bologna in “casa HERA” per confrontarsi sul tema della gestione delle reti del sottosuolo e per mettere a fattor comune le proprie esperienze e progetti. Questo uno degli interventi in programma.
Scopri di più……

Leggi tutto…