BrianzAcque: pozzi di prima falda per irrigare le aree verdi

Fornire acqua per l’irrigazione delle aree verdi sportive, ma senza sprecare preziosa risorsa potabile. È con questa strategia, tutta all’insegna della sostenibilità, che BrianzAcque ha messo a punto un programma per lo sfruttamento dei pozzi di prima falda. Da questi si potrà attingere acqua che non è non idonea al consumo umano, ma che può comunque essere sfruttata per l’irrigazione delle aree sportive, per cui sono necessarie grandi quantità di acqua.

L’esperienza di BrianzAcque

Un’esperienza che il gestore idrico della provincia di Monza e Brianza ha già testato con pieno successo realizzando due pozzi:

  • uno a servizio del centro sportivo di Bernareggio
  • l’altro del campo da golf di Carnate
Nuovi interventi

Così negli ultimi mesi sono stati pianificati nuovi interventi per la realizzazione di 20 pozzi, tutti dedicati ad aree “green”, esclusivamente di proprietà pubblica:

  • 6 dei quali in fase di progettazione
  • 11 per i quali sono in corso gli studi di fattibilità
  • 2 oggetto di indagini di approfondimento idrogeologico

La loro costruzione sarà finanziata da ATO di Monza e Brianza con un milione di euro nel triennio 2020-2022 e con un altro milione di euro per il 2023-2025

Com’è nato il progetto dei pozzi di prima falda

L’idea di dotare il territorio di pozzi di prima falda è nata da una manifestazione di interesse lanciata dall’utility alla quale hanno risposto 22 Comuni sul totale dei 56 soci. I Comuni si sono dichiarati favorevoli all’avvio di attività di valutazione preliminare sulla fattibilità degli interventi.  Il settore progettazione e pianificazione della società ha quindi avviato uno studio idrogeologico, per valutare la compatibilità tra i pozzi a uso inaffiamento, da realizzarsi nei luoghi indicati dagli stessi Comuni, e i pozzi idropotabili di BrianzAcque esistenti e collegati agli acquedotti.

A livello tecnico i pozzi vengono scavati tutti con lo stesso diametro, con una profondità che può andare dai 45 metri ai 100 metri, a seconda di dove si trova la prima falda freatica. In tutti viene installata una pompa che garantisce la portata massima di 8 litri al secondo. Una volta prelevata, l’acqua è convogliata in un serbatoio di accumulo che serve sia come riserva sia per mitigare la temperatura dell’acqua. La risorsa viene quindi incanalata nel sistema di irrigazione esistente e utilizzata per bagnare e manutenere il verde dei campi sportivi.

Enrico Boerci, Presidente e Amministratore Delegato di BrianzAcque, ci spiega meglio

«I pozzi di prima falda sono importantissimi in quanto garantiscono una gestione sostenibile dell’acqua. Permettono di non sciupare quella potabile, utilizzandola in modo sempre più smart con un minor sfruttamento delle risorse acquifere più profonde. Inoltre, consentono un abbattimento dei costi per la collettività, in quanto le amministrazioni municipali proprietarie degli impianti risparmiano sulle bollette e noi gestori riduciamo quelli relativi al processo di potabilizzazione dell’acqua».

 

Iscriviti ora alla newsletter bimestrale
di Servizi a Rete per essere il primo a conoscere le attività

 


Leggi anche

Il piano messo a punto per il rilancio dell’Italia presentato da Utilitalia nel corso di un’audizione alla Camera contribuirebbe ad un incremento dell’1,48% del PIL e alla creazione di 285.000 nuovi posti di lavoro. La quota maggiore degli investimenti andrebbe al ciclo idrico, con progetti per 14 miliardi, seguito da quello energetico, circa 7 miliardi, e da quello ambientale, con circa 4 miliardi….

Leggi tutto…

calcestruzzo

La protezione delle strutture in calcestruzzo, nuove ed esistenti, è diventata negli ultimi anni una tematica di assoluta rilevanza. Le cause di degrado più frequenti, come è noto, sono chimiche, fisiche, batteriologiche o meccaniche. Come fare dunque per rendere una struttura in calcestruzzo durevole e/o estenderne la vita utile? È possibile farlo attraverso l’utilizzo della tecnologia cristallizzante e di sistemi di impermeabilizzazione innovativi, sia per gli impianti di nuova costruzione che per il risanamento e ripristino di quelli esistenti….

Leggi tutto…

Le opere, del valore di 2,3 milioni, interessano la frazione di Monticello del comune vicentino, dove si provvederà alla separazione della rete fognaria, con la costruzione di una nuova infrastruttura per le acque nere, eliminando lo scarico diretto dei reflui nel fiume Tribollo. Saranno anche sostitute diverse tratte di rete idrica, per porre fine alle perdite di acqua. Approfittando dei lavori, SAR effettuerà la manutenzione della rete gas, per una spesa di un altro milione …

Leggi tutto…

Oggi, i fenomeni geologici naturali (subsidenza) o fenomeni indotti dall’attività antropica causano cedimenti strutturali che provocano ingenti danni, interruzione dei servizi di pubblica utilità. Le Utilities, infatti, spendono gran parte del loro budget alla ricerca di soluzioni per prevenire le conseguenze derivanti da tali situazioni. Attraverso i sistemi di monitoraggio satellitare è possibile adottare una manutenzione di tipo predittivo, per supportare le operazioni quotidiane di manutenzione sulle fognature e sulle condotte sotterranee rilevando le condotte a maggiore rischio….

Leggi tutto…

Il progetto del gestore idrico del Medio Valdarno, del valore di 5 milioni di euro, permetterà di porre fine alla scarsità di acqua che affligge le aree della parte alta della cittadina durante i mesi estivi. Il primo lotto dei lavori prevede la posa di 3 km di condotte e la realizzazione di una stazione di pompaggio. A questo si aggiunge anche la sostituzione di un tratto di rete fognaria. Gli interventi saranno aggiudicati entro marzo per prendere il via a fine estate…

Leggi tutto…