BrianzAcque sceglie il no-dig per risanare il collettore fognario di Monza

Ancora una volta BrianzAcque sceglie il no-dig per risanare la rete fognaria.

L’intervento in questo caso interessa un tratto del collettore fognario che passa sotto viale Stucchi e viale delle Industrie. Due delle principali arterie della città di Monza. Il gestore idrico della provincia di Monza e Brianza, ha optato per il ricorso alla tecnologia trenchless, ovvero senza scavo. Così eliminando l’impatto di un tradizionale intervento con scavo a cielo aperto. Impatto che si avrebbe sulla viabilità dell’area, sulle attività industriali e sportive e, più in generale, sulla cittadinanza. Come già compiuta in passato e come farà sempre in futuro per casi simili.

Il nuovo intervento sul collettore di Monza è parte di un articolato programma di risanamento delle infrastrutture fognarie, che la società sta portando avanti. Utilizza sia le tecnologie di lavoro tradizionali sia con quelle no-dig, già utilizzate per il risanamento del collettore di Seregno Sud. La società ha adottato questa soluzione nella città di Monza per riparare in modo rapido e non invasivo una condotta fognaria collocata sotto passerella dei Mercanti, lungo il Lambro, nel cuore della città.

L’intervento interesserà una porzione di collettore abbastanza estesa, pari a circa 2 chilometri. Il collettore verrà risanato con la tecnica del relining, ovvero inserendo all’interno una guaina in fibroresina. Una volta fatta reticolare, aderirà alla parete della vecchia condotta ripristinandone la funzionalità statica e idraulica. Le attività in cantiere procederanno per tratte di circa 100 metri per volta e si concluderanno nel giro di tre mesi e mezzo, per un investimento di 3,6 milioni di euro.

Le parole di Enrico Boerci, presidente e amministratore delegato della società

«BrianzAcque trova nell’innovazione un asset strategico per lo sviluppo e la promozione del territorio. Siamo certi che la tecnologia no-dig rappresenti la soluzione vincente per queste arterie nevralgiche in quanto i disagi sono ridotti al minimo per gli automobilisti in transito e, più in generale, per le numerose attività imprenditoriali e sportive posizionate lungo l’asse di viale Stucchi, viale della Industrie, come pure per quelle nelle immediate vicinanze. La complessa opera di rifacimento del collettore, che finanzieremo con gli introiti provenienti dalle bollette dell’acqua, potrà così concretizzarsi con minori costi sociali e concludersi con il ripristino ottimale del servizio e con apporti positivi sull’ambiente».


Leggi anche

BrianzAcque sceglie il no-dig. L’intervento, che riguarda la porzione di rete che scorre sotto una traversa della trafficata SP 174, prenderà il via il prossimo ottobre e sarà concluso in meno di un mese. Sarà effettuato con la tecnica del relining, in modo da evitare di chiudere una carreggiata al traffico e altri disagi ai cittadini, con un investimento di circa 200.000 euro.

Leggi tutto…

Il problema delle perdite nelle reti idriche è una delle sfide principali per i gestori idrici integrati ed è oggetto di forte attenzione per tutti i cittadini ed i policy maker. Per rispondere a tali esigenze sono state sviluppate tecnologie innovative che permettono sia di individuare le perdite idriche che di valutare lo stato delle tubazioni, e nuove tecnologie no-dig per riparare le perdite in modo massivo….

Leggi tutto…

Posa prima pietra dei lavori di potenziamento da parte di Hera del sistema fognario della Darsena di Ravenna

L’opera del valore complessivo di 8 milioni di euro ha come obiettivo di garantire la sicurezza dell’area della Darsena e il miglioramento ambientale del Candiano, il canale navigabile che collega la città al mare. Suddiviso i tre stralci, prevede la realizzazione di un nuovo collettore, di diverse tratte di fognatura, di impianti di sollevamento e di due vasche di prima pioggia. Parte dei lavori saranno realizzati con la tecnologia senza scavo della trivellazione orizzontale controllata …

Leggi tutto…

Tra le tecnologie Trenchless, ovvero quelle tecnologie che permettono di ripristinare il funzionamento delle condotte interrate soggette a deterioramento, si distingue il metodo “Cured In Place Pipe” (CIPP). Esso coniuga buone prestazioni, basso impatto ambientale e rapidità esecutiva. Tuttavia, anche questo tipo di intervento, come tanti altri, non è esente da alcune problematiche….

Leggi tutto…

Interventi Pistoia Publiacqua

Partiti i lavori per eliminare 8 scarichi diretti in ambiente nelle zone di Chiazzano, Nespolo e Le Querci e collettarne i reflui al Depuratore centrale. L’intervento prevede la posa di 8 chilometri di condotte, dei quali 5 a gravità e 3 in pressione, di 8 manufatti di sfioro e di 4 impianti di sollevamento. In contemporanea, verrà realizzata una nuova condotta di distribuzione idrica, che scorrerà in parallelo alla fognatura, per un valore totale di 6,5 milioni di euro…

Leggi tutto…