3/4 marzo Servizi a Rete Tour: il convegno delle Utility

Al via il convegno delle utility Servizi a Rete Tour organizzato a Milano nella sede di Gruppo CAP in via Rimini 34, con la collaborazione di A2A e Metropolitana Milanese.
Durante questa edizione, che vedrà la partecipazione dei migliori specialisti nel mondo del sottosuolo, saranno presentati una serie di casi di eccellenza che hanno caratterizzato le attività dei distributori, degli ATO e degli Enti preposti a governare e normare tutte le attività connesse alla distribuzione.

Leggi tutto…

Il Premio Export di ANIMA va a Saint Gobain PAM Italia

Il “Premio Export” di ANIMA, operatore indipendente leader in Italia dell’industria del risparmio gestito, va alla Saint Gobain PAM Italia, azienda che produce e distribuisce materiali si nuova generazione per l’edilizia ecosostenibile. Il “Premio Export” è riservato alle aziende che hanno saputo svolgere un’attività di esportazione superiore al 50% della loro produzione, ed è stato ritirato dall’Ing. Paolo Gugole, direttore generale di Saint Gobain Pam Italia.

Leggi tutto…

Hobas raggiunge la taglia XXL per posa senza scavo

Quando si ha la necessità di posare una condotta in aree densamente popolate, habitat naturali protetti o sotto a strade molto trafficate, il metodo no-dig è sovente quello che arreca meno disagio. Grazie al lavoro dei tecnici Hobas, è stato sviluppato un impianto di centrifugazione in grado di produrre tubi con diametro esterno 3000. Ancora una volta Hobas non smentisce il motto: Make things happen.

Leggi tutto…

PUGSS un problema risolvibile

Il problema della realizzazione dei PUGSS è particolarmente sentito tra i Comuni che devono obbligatoriamente dotarsi delle mappa dei loro sottoservizi. Se ne parlerà a Giussano, una cittadina nei pressi di Milano, durante il seminario organizzato da Leica con la partecipazione, tra gli altri, di Andrea Zaccone – Regione Lombardia e Franco Guzzetti – Politecnico di Milano.

Leggi tutto…

Massimo Cacaveri – Hobas Tubi

Hobas Tubi punta su due prodotti: il tubo centrifugato per microtunnelling in PRFV e il pacchetto, destinato al drenaggio di ponti e viadotti, composto da tubi e staffaggi necesssari per il montaggio del sistema. In particolare le caratteristiche sembra siano, secondo l’opinione dell’azienda, quelle che meglio si prestano all’utilizzo nel sistema microtunnelling; il tubo infatti può essere realizzato con forti valori di rigidità e valori di spinta massima applicabile

Leggi tutto…

Lavori di ricostruzione del collettore Montà a Padova

In questo breve montaggio video sono illustrate le principali fasi operative per la ricostruzione di un manufatto storico in muratura in fase di crollo a causa di errori costruttivi in presenza di acqua di falda, situato al di sotto di edifici ad uso abitativo, recuperato con tecniche di consolidamento strutturale no-dig eseguite dall’interno del manufatto stesso.

Leggi tutto…

Gara di perforazione teleguidata: partecipano entusiaste imprese italiane ed europee

Simpatico, inusuale e di grande successo l’incontro “Rodeo” svoltosi lo scorso 18 maggio in provincia di Verona, nella sede di una delle più attive aziende nel settore del no-dig: la Vermeer. Di cosa si è trattato è presto detto, invitate tutte le imprese di scavo già clienti dell’azienda veronese, stabilite le regole di una gara, sono state messe a disposizione le macchine adatte per effettuare una perforazione con un tracciato da percorrere con un obiettivo stabilito.

Leggi tutto…

Come scegliere la strategia di risanamento

Per adempiere agli obblighi di legge, pianificare i risanamenti delle reti e ottimizzare gli investimenti è indispensabile ricorrere a studi di natura tecnicoeconomica. La responsabilità penale legata ai danni ambientali causati dal malfunzionamento del sistema ha convinto i gestori di rete ad avviare un programma d’indagine sullo stato delle condotte e un piano strategico per il loro risanamento.

Leggi tutto…

Prepararsi ai cambiamenti climatici

Dopo quattro anni di attività è terminato il progetto PREPARED, che ha coinvolto 12 gestori europei e 20 centri di ricerca.
Gran parte del lavoro svolto è stato inventare, sviluppare e utilizzare strumenti e metodi di analisi e tecnologie nuove per rendere i sistemi idrici più robusti o flessibili agli effetti dei cambiamenti climatici.

Leggi tutto…