Moreno Clementi è il nuovo direttore generale di Viva Servizi

Il consiglio di amministrazione della società che gestisce il servizio idrico nei comuni delle province di Ancona e Macerata ha nominato il manager anconetano, da 21 anni in azienda, nel ruolo di direttore generale. La lotta alle perdite idriche e la ricerca di nuove fonti di approvvigionamento tra le priorità sulle quali verranno concentrati gli sforzi nei prossimi anni

Leggi tutto…

Quasi 8mila litri di acqua potabile risparmiati impiegando acqua depurata per pulire le strade

La sperimentazione di Gruppo CAP per ridurre i consumi di acqua potabile parte dalla pulizia delle strade. Primo Comune interessato è Assago: 7.720 litri di acqua potabile risparmiati in poco più di sei mesi utilizzando acqua depurata presso lo stabilimento di Assago dove le acque reflue vengono appositamente trattate e depurate. E con la nuova tariffa si promuove l’incentivazione a tutto l’hinterland milanese

Leggi tutto…

Tecnologia SAR: come prelocalizzare le perdite di una rete idrica in 3 settimane

Servizi a Rete TOUR 2019, 26-27 Giugno 2019 | Bologna, Spazio HERA

Durante la quinta edizione, dedicata al tema della “Digital transformation e le utility alla guida del cambiamento urbano”, esperti provenienti da tutta Italia si daranno appuntamento a Bologna in “casa HERA” per confrontarsi sul tema della gestione delle reti del sottosuolo e per mettere a fattor comune le proprie esperienze e progetti. Questo uno degli interventi in programma.
Scopri di più…

Leggi tutto…

ATS dichiara guerra alle perdite idriche

Il gestore del servizio idrico di 52 comuni veneti lancia un ambizioso piano per ridurre le perdite idriche sulle sue infrastrutture del 3% all’anno. Piano che prevede l’impiego delle più avanzate tecnologie, quali il sistema di ricerca satellitare di Utilis, che ha sperimentato lo scorso anno su 5000 chilometri di condotte, e investimenti per 10 milioni all’anno per la riparazione delle tubazioni

Leggi tutto…

Lotta alle perdite idriche: investimenti per 10 milioni in Umbria

A tanto ammonta il piano di interventi deliberato Autorità Umbra per Rifiuti e Idrico (AURI) per individuare e riparare le perdite occulte di acqua e sostituire le condutture più vecchie e ammalorate. Un piano strategico che coinvolgerà tutti e 4 i sub ambiti della regione dal quale ci si attende un recupero idrico pari a 115 litri di acqua al secondo e un risparmio finanziario annuo di circa 500.000 euro

Leggi tutto…

IWS: Una rete per fare impresa

“Una rete per fare impresa”. Questo il titolo dei Seminari IWS realizzati il 17 e 18 ottobre 2018 in occasione dell’ultima edizione di H2O a Bologna. L’iniziativa ha coinvolto utilities, ricercatori, ingegneri, tecnici e progettisti, registrando una grande affluenza di pubblico specializzato.

Leggi tutto…

Gaia in arrivo 105 milioni di euro per i lavori sulle reti

Il gestore idrico delle province di Massa-Carrara, Lucca e Pistoia ha chiuso il contratto di finanziamento che porterà nelle sue casse le risorse necessarie per realizzare il Piano di interventi al 2022, che comprende lavori per 112 milioni sulle reti acquedottistiche e fognarie e sui depuratori. All’operazione, oltre alle 7 banche che si sono aggiudicate il bando, partecipano anche la Bei e Cassa depositi e prestiti

Leggi tutto…

Accadueo 2018: i seminari IWS tratteranno case histories di successo per il mercato delle water utilities

Presentarsi insieme sotto un’unica insegna, quella della rete d’impresa IWS – Integrated Watercare Solutions, è stata la scelta di B. M. Tecnologie Industriali srl, 2f Water Venture, ETC srl, ID&A srl, Idrostudi srl e TAE srl, che compongono la rete, in riferimento alla partecipazione ad Accadueo 2018 (Bologna, 17-19 Ottobre), uno degli appuntamenti più importanti dell’anno per il mercato italiano delle water utilities.

Leggi tutto…

Case history: i risultati della ricerca perdite nella rete ACDA utilizzando la tecnologia satellitare Utilis

Secondo i più recenti dati ISTAT, lo stato di salute dei 500 mila km di rete in cui scorre l’acqua potabile in Italia è molto precario. Con riferimento al 2015, infatti, ben il 41,4% dell’acqua potabile immessa nei tubi non è arrivata ai rubinetti. Uno spreco stimato nell’ordine di 3,45 miliardi di metri cubi di acqua all’anno per un danno economico di circa 4 miliardi di euro.

Leggi tutto…