Caltaqua avvia il progetto per il telecontrollo delle sue infrastrutture

È entrato nel vivo il progetto per la realizzazione del telecontrollo delle infrastrutture di Caltaqua – Acque di Caltanissetta, società che gestisce totalmente il ciclo idrico nel territorio della provincia di Caltanissetta.

Il progetto prevede la costruzione di un sistema per il controllo e la gestione da remoto dei principali: 

  • nodi idraulici 
  • delle reti idriche 
  • degli impianti di servizio

I primi interventi interessano il serbatoio San Giuliano, situato nel capoluogo. Nella prima fase del progetto il sistema sarà installato anche nei serbatoi di Gela e di Mussomeli. Così previsto nel Piano degli investimenti approvato dall’ATO idrico a giugno del 2018.

Obiettivi ai quali punta la realizzazione del sistema di telecontrollo

In primis un efficientamento della rete, sia a livello idraulico (apparecchiature elettroidrauliche, strumentazione di misura in primo luogo) sia a livello informatico, garantendo la possibilità di conoscere in tempo reale lo stato dell’infrastruttura. Così sarà possibile agire in modo puntuale per migliorare il servizio e individuare ed eliminare le situazioni critiche. Tutto ciò comporterà altri importanti risultati, quali una migliore gestione del personale e della progettazione e realizzazione di interventi mirati ed efficaci per eliminare i guasti sulle reti idriche e rimuovere le cause che li hanno generati.

Il sistema di telecontrollo sarà realizzato con un investimento di 1,2 milioni di euro. Una volta a regime, comporterà una complessiva rivisitazione e controllo delle reti di servizio e delle camere di manovra interessate dall’intervento.

Per quanto riguarda i lavori avviati al serbatoio di San Giuliano, l’intervento interessa nello specifico il collegamento delle elettrovalvole, dei misuratori di portata e delle apparecchiature di controllo della qualità dell’acqua. Permetterà a breve di controllare da remoto sia la portata sia la qualità della risorsa in ingresso al serbatoio. Nel prossimo mese prenderanno il via anche gli interventi che interessano le infrastrutture presenti nel comune di Gela.


Leggi anche

calcestruzzo

La protezione delle strutture in calcestruzzo, nuove ed esistenti, è diventata negli ultimi anni una tematica di assoluta rilevanza. Le cause di degrado più frequenti, come è noto, sono chimiche, fisiche, batteriologiche o meccaniche. Come fare dunque per rendere una struttura in calcestruzzo durevole e/o estenderne la vita utile? È possibile farlo attraverso l’utilizzo della tecnologia cristallizzante e di sistemi di impermeabilizzazione innovativi, sia per gli impianti di nuova costruzione che per il risanamento e ripristino di quelli esistenti….

Leggi tutto…

Imponente il volume di risorse previsto dal nuovo piano di investimenti 2020-2023 del gestore idrico pugliese per rendere più efficiente e sostenibile il servizio e proseguire il percorso di crescita della società. Quasi la metà della spesa è destinata al potenziamento e adeguamento degli impianti di depurazione, saranno oltre 100 quelli sui quali si interverrà, ma un’altra fetta rilevante andrà alla sostituzione delle reti per ridurre le perdite….

Leggi tutto…

Le opere, del valore di 2,3 milioni, interessano la frazione di Monticello del comune vicentino, dove si provvederà alla separazione della rete fognaria, con la costruzione di una nuova infrastruttura per le acque nere, eliminando lo scarico diretto dei reflui nel fiume Tribollo. Saranno anche sostitute diverse tratte di rete idrica, per porre fine alle perdite di acqua. Approfittando dei lavori, SAR effettuerà la manutenzione della rete gas, per una spesa di un altro milione …

Leggi tutto…

La ricerca delle perdite idriche, la loro conoscenza e la riduzione delle stesse è uno dei principali obiettivi di un gestore del servizio idrico. Un elemento fondamentale è il monitoraggio delle reti nelle sue varie componenti. Oggi sono molto diffusi i contatori elettronici che tengono sotto controllo i consumi dell’utente, ci sono sistemi per il monitoraggio dei distretti, delle adduzioni e per fare il bilancio idrico di una determinata area. …

Leggi tutto…

Veneto Acque ha trasferito parte della grande infrastruttura idrica, che si estende per 150 km, ad acquevenete, ovvero il campo pozzi di Camazzole, in comproprietà con Etra, e il 100% della condotta adduttrice Vigonza – Cavarzere – Cavanella. In questo modo il gestore potrà fornire acqua pedemontana di qualità alle utenze del Polesine orientale, riducendo l’approvvigionamento da Po e Adige …

Leggi tutto…