Caltaqua risana il collettore di Caltanissetta con il no dig

Si è concluso con pieno successo l’intervento sul collettore fognario di Caltanissetta realizzato da Caltaqua – Acque di Caltanissetta. Intervento che ha permesso di superare le criticità legate alla presenza di alcune perdite causate dalla vetustà del collettore, collocato a oltre 3 metri di profondità.

Perché Caltaqua ha scelto il relining

E proprio la profondità, insieme alla posizione del tratto di condotta da riparare, situato in via Vespri Siciliani, una delle arterie che attraversa il centro storico della città, hanno reso preferibile il ricorso alla tecnologia no dig. Nello specifico si tratta della tecnica del relining che permette di ripristinare la piena funzionalità idraulica e meccanica della condotta attraverso l’introduzione di una guaina all’interno della tubazione esistente. La guaina viene poi fatta aderire alla tubazione deteriorata e quindi fatta indurire. Il tutto senza scavo a cielo aperto.

Vantaggi del no dig

Rispetto a un intervento tradizionale, il ricorso alla soluzione no dig ha assicurato una decisa riduzione dei tempi di esecuzione dell’opera, minori costi, non richiedendo utilizzo di materiali, opere di scavo e ripristino stradale. Inoltre, ha comportato un minore impatto ambientale, grazie al ristretto numero di mezzi impiegati, con conseguente riduzione di emissioni di anidride carbonica e polveri in atmosfera. Inoltre, Caltaqua ha eseguito tutto il lavoro senza necessità di chiudere la strada alla circolazione veicolare e pedonale, quindi senza alcun disagio per la popolazione e le attività commerciali.


Leggi anche

La gara riguarda il completamento per il secondo lotto dell’importante infrastruttura che permetterà di raccogliere e convogliare le acque bianche e nere tra la zona di via Leonardo Da Vinci fino al depuratore di Acqua dei Corsari, raccogliendo i reflui di diversi quartieri. L’importo a base gara è di quasi 27 milioni di euro e il termine per la presentazione delle offerte è fissato al 15 gennaio 2020…

Leggi tutto…

Il gestore idrico della provincia di Lodi ha utilizzato la tecnica della perforazione teleguidata per la posa della condotta in PEAD, del diametro di 160 mm, che garantisce l’interconnessione tra i sistemi idrici dei comuni di Montanaso Lombardo e Galgagnano. Un intervento fondamentale per prevenire le crisi idriche che in passato si sono già verificate nell’area…

Leggi tutto…

La tecnica, di origine israeliana, consente di sigillare le perdite nelle reti idriche evitando scavi, attraverso l’inserimento nelle tubazioni di un Pig Train, un sistema brevettato e composto da due elementi semi-fluidi: un gel (il Pig) e una sostanza sigillante di origine alimentare che può chiudere perdite fino a 3000 litri/ora. L’intervento è stato eseguito a Introbio, su un tratto di oltre 300 m …

Leggi tutto…

Aperto il cantiere di via Ponte Pignolo dove verrà realizzato un nuovo collettore in vetroresina del diametro di 1,4 m. La condotta sarà installata con la tecnica trenchless all’interno di un controtubo in acciaio, attualmente in fase di posa, del diametro di 1,5 m. I lavori fanno parte del piano strategico per la messa in sicurezza idraulica della Veronetta, storico quartiere da sempre soggetto ad allagamenti …

Leggi tutto…

Partirà a metà settembre il secondo lotto dei lavori di rispristino dell’infrastruttura idrica a servizio del comune della provincia di Oristano. L’intervento costa 4 milioni di euro e interessa 6 chilometri di condotte dal partitore di Barrasumene alla diga di Monte Crispu. Il tratto è parecchio problematico per via del terreno molto impervio; inoltre, ricade in un territorio soggetto a vincoli ambientali: da qui la scelta del ricorso alla tecnica no-dig…

Leggi tutto…