Caltaqua: un milione per ammodernare la rete fognaria di Marianopoli

È arrivato il via libera da parte della conferenza dei servizi al progetto esecutivo presentato da Caltacqua Acque di Caltanissetta per gli interventi di ripristino e sostituzione del collettore fognario di Marianopoli, in provincia di Caltanissetta. L’opera, parte degli interventi previsti dal Patto per la Sicilia, interessa il collettore fognario esterno della contrada Noce e prevede un investimento da parte del gestore di circa un milione di euro e un tempo di realizzazione di circa 12 mesi di lavori.

I prossimi step riguarderanno l’approvazione anche in linea amministrativa del documento e la successiva trasmissione dell’intera pratica al dipartimento regionale Acqua e rifiuti per l’emissione del relativo decreto di finanziamento.

L’intervento rientra nell’ambito del piano di ammodernamento e potenziamento di reti e strutture di servizio avviato dall’azienda in tutta la provincia. Oltre ai lavori sul collettore esterno, comprende anche interventi sulla rete fognaria a servizio della contrada. Per quanto riguarda il collettore, il progetto ha come obiettivo la sostituzione del tratto terminale dello stesso, per una lunghezza di circa 371 metri, il riassetto di tratti di canalizzazioni deteriorate con l’utilizzo di tecnologie di ultima generazione, con un ridotto impatto del fronte di scavo, e la realizzazione di nuovi pozzetti di ispezione.

Per quanto riguarda la rete interna, invece, saranno eseguiti diversi interventi su alcune tratte fognarie con il rifacimento di tutti gli allacci. L’insieme di tali opere, a fianco dell’adeguamento del depuratore comunale, altro intervento per il quale Caltacqua ha presentato un apposito progetto ora al vaglio della conferenza dei servizi, consentiranno di far confluire tutti i reflui urbani all’impianto di trattamento, con enormi benefici ambientali.


Leggi anche

Le due società, tra i principali operatori della distribuzione gas in Italia e Francia, hanno siglato una partnership per lo scambio di esperienze nella gestione delle reti. Diversi i temi sui quali collaboreranno, dallo sviluppo e digitalizzazione delle infrastrutture alla sicurezza, dal potenziamento del biometano alla ricerca sulle tecnologie power-to-gas, dall’iniezione di idrogeno nelle reti alla mobilità sostenibile a metano/biometano.

Leggi tutto…

Gli impianti sono stati realizzati nei comuni di San Martino Buon Albergo e di Sorgà, in provincia di Verona. Entrambi dotati di tecnologie all’avanguardia, il primo ha una capacità di trattamento pari a 1500 abitanti equivalenti ed è stato costruito con un investimento di oltre 1,6 milioni di euro, il secondo ha una capacità doppia per un costo di 1,1 milioni …

Leggi tutto…

La collaborazione ha l’obiettivo di promuovere la ricerca nel campo della sicurezza per accompagnare la transizione energetica in atto. Parte della partnership sarà focalizzata sulla sperimentazione di prototipi di Smart military district, distretti energetici intelligenti dove si può massimizzare l’efficienza, l’approvvigionamento da fonti sostenibili, l’autoconsumo e la gestione dei flussi energetici in tempo reale in un ambiente totalmente sicuro…

Leggi tutto…

Presentato dall’AD Piero Ferrari, il nuovo piano punta a migliorare le infrastrutture dei 55 comuni gestiti e l’efficienza operativa attraverso la digitalizzazione dei processi. Una bella fetta di risorse sarà destinata all’ottimizzazione dei distretti idrici e alla riduzione e valorizzazione dei fanghi di depurazione …

Leggi tutto…

Il presidente dell’Autorità di regolazione per energia, reti e ambiente, Stefano Besseghini, intervenendo alla presentazione della Relazione annuale 2019 in Parlamento, ha sottolineato il ruolo ineludibile del gas come vettore di transizione verso le fonti rinnovabili. E come gli investimenti in infrastrutture per trasporto e distribuzione siano strategici nel medio termine…

Leggi tutto…