Campioni del mondo

L’intervento di relining eseguito a Campegine (Reggio Emilia) su una condotta irrigua del Consorzio di Bonifica dell’Emilia Centrale è un primato tutto italiano che apre nuove scenari sul recupero di tubazioni di diametro così grande con questa tecnologia.

 

Il relining

 

Per la fase del relining la sceltà è ricaduta su Danphix S.p.A. di Reggio Emilia, che vanta una grande esperienza nella riabilitazione trenchless di condotte interrate. Danphix, ingegnerizzata la fase di applicazione del liner, ha scelto ProKASRO Mechatronik GmbH, specializzata invece nello sviluppo e produzione di sistemi robotici per il curing dei liner con la tecnologia UV come fornitore del potente rig U.V-Power da 36.000 W.

Il profondo know how e l’elevato grado di specializzazione dei tecnici si sono rivelati decisivi per il successo dell’opera, senza trascurare l’importante dispiegamento di mezzi speciali messo in campo, indispensabile per realizzare un lavoro così complesso.

«Oltre che della posa in opera del liner abbiamo curato, a monte, tutta l’ingegnerizzazione dell’intervento, ovvero lo studio delle soluzioni operative da adottare, della scelta dei mezzi e loro dimensionamento per la corretta installazione del liner – spiega l’Ing. Arnold Cekodhima Amministratore Unico di Danphix -. Si è trattato di una grande sfida, proprio perché non potevamo contare su nessun riferimento precedente. La nostra azienda vanta già il record mondiale per la condotta più lunga riabilitata in un singolo intervento, ben 3,6 km, al quale ora abbiamo aggiunto anche quello per la condotta con diametro di 2 metri polimerizzata con raggi U.V.».  
 

L’articolo completo verrà pubblicato sul prossimo numero di Servizi a Rete
Edizione marzo/aprile 2021

Se desideri abbonarti al magazine, scrivici a: marketing@tecneditedizioni.it

 

Guarda il video

 

 

Danphix S.p.A.

Via Bernardino Zacchetti, 6 – 42124 Reggio Emilia (RE) – Italia

Phone +39 0522 68 24 04 – Fax +39 0522 68 84 24 – E-mail info@danphix.com

LinkedIn   Danphix S.p.A.      –      www.danphix.com

 


Leggi anche

no-dig

Stando ai dati, la percentuale di condotte deteriorate su piano nazionale è talmente alta da generare percentuali di perdite di rete così ampie che i gestori non possono più soprassedere a tale questione. A causa dell’invecchiamento, di scarsi interventi manutentivi e di vecchie tecniche costruttive, le condotte perdono la loro efficienza funzionale. A tal proposito si rende dunque inderogabile l’intervento per riabilitare vecchie condotte che altrimenti degenererebbero in rotture, collassamenti e ostruzioni delle stesse. Come intervenire dunque per contenere tali criticità? Le tecnologie no-dig sono una soluzione….

Leggi tutto…

La tecnologia no-dig sarà utilizzata dalla multiutility per completare la bonifica del tratto di rete tra le frazioni di Trasanni e Schieti di Urbino. L’intervento costituisce il terzo lotto dei lavori di potenziamento del collegamento dell’acquedotto con i comuni della Valle del Foglia. I lavori saranno completati entro metà agosto e renderanno la rete più efficiente….

Leggi tutto…

Approvato il progetto della nuova linea che unirà l’isola alla terraferma. La nuova linea collegherà le cabine primarie di Colmata, a Piombino, e di Portoferraio, nell’Elba. Avrà un’estensione di 37 chilometri, dei quali 34 posati sotto il livello del mare e 3 interrati. Gli approdi verranno realizzati con la tecnica no-dig della perforazione teleguidata (TOC). Il costo dell’infrastruttura è di 90 milioni di euro….

Leggi tutto…

hose lining

La divisione trenchless dell’impresa Benassi Srl termina con successo in Sardegna la riabilitazione con tecnologia hose lining di un’adduttrice idrica DN500 in cemento amianto, per una lunghezza complessiva oltre 6 km, all’interno della valle del Temo: impervia zona protetta da vincoli ambientali e priva di viabilità pubblica di accesso. Determinante nella scelta di intervento con tecnologie no-dig, l’orografia della valle lungo la quale si snoda il tracciato della condotta, capace di rendere difficoltose le operazioni di riparazione e praticamente impossibile la pianificazione di un intervento di manutenzione con tecniche tradizionali….

Leggi tutto…

La posa del tratto finale del collettore a servizio di Moriago e Sernaglia della Battaglia sarà effettuata con la tecnica del microtunnelling, scelta sia per ridurre al minimo l’impatto delle opere sia perché permetterà di evitare la costruzione di stazioni di sollevamento. L’intervento che partirà il prossimo mese, prevede l’installazione di 800 m di condotte con un investimento di quasi 2 milioni di euro….

Leggi tutto…