Casamicciola Terme approva il progetto di metanizzazione


Casamicciola Terme, comune sull’isola di Ischia, avrà la sua rete di distribuzione del metano. La giunta comunale ha infatti approvato il progetto di metanizzazione di Cpl Concordia, che prevede la costruzione della rete di trasporto e di distribuzione del gas.
Un’opera che viene da lontano. Era 2004 quando la cooperativa emiliana propose il project financing ai comuni dell’Isola, per poi aggiudicarsi la concessione nel 2010. Cinque anni dopo, nel 2015, la società consegnò il progetto definitivo adeguato alla delibera del Cipe (Comitato interministeriale per la programmazione economica), che autorizzava la concessione ai Comuni di contributi pubblici pari al 42,66% del costo delle opere.
Di fatto, al ministero dell’Economia e delle finanze è stata disposta l’assegnazione dell’importo di 20 milioni di euro per ciascuno degli anni 2014-2020, dunque complessivi 140 milioni per un settennato, finalizzate al progetto di implementazione del metano. Nel 2016 toccò al ministero dello Sviluppo economico approvare il progetto, determinando la spesa ammissibile e il contributo concedibile. Nel luglio di un anno fa arrivò il decreto del ministero delle Finanze, che ha stabilito l’ammissione del Comune di Casamicciola Terme al programma generale di metanizzazione presentato da Cpl Concordia per la realizzazione della rete urbana di distribuzione del gas metano per un importo complessivo di 6.890.000 euro.
Negli ultimi mesi dello scorso anno la società cooperativa, oltre a trasmettere al Comune il progetto esecutivo redatto sulla base del decreto, ha anche comunicato la costituzione della società di progetto Ischia Reti Gas che sarebbe subentrata nella realizzazione del sistema di trasporto e di distribuzione del gas, specificando che il 98% di tale società sarebbe stata trasferita a Italgas Reti.


Leggi anche

All’incontro con gli stakeholder, la società ha presentato tre iniziative sui temi dell’innovazione e transizione energetica e dell’impresa sociale: il progetto Snamtec, nel quale investirà 850 milioni di euro entro il 2022 per costruire l’azienda energetica del futuro, rinnovabile, tecnologica e digitale; la Social Supply Chain, per coinvolgere le imprese sociali nella catena di fornitura; la piattaforma Snam Up, che consentirà a ognuno di proporre nuovi progetti e sviluppare imprenditorialità…

Leggi tutto…

I risultati consolidati al 30 settembre vedono l’utile netto crescere del 6,1% a 226,4 milioni, e di quasi il 9% l’utile operativo. Sui ricavi, che ammontano a 880,7 milioni, generati soprattutto dalle attività di distribuzione gas. Nello stesso periodo sono stati investiti 349 milioni di euro, dei quali la quota maggiore per l’installazione degli smart meter: 1.386 milioni quelli posati nei 9 mesi, portando il totale a 4.283 milioni, pari al 53,2% dell’intero parco contatori …

Leggi tutto…

La multiutility, attiva nella distribuzione gas in 90 comuni veneti, sta valutando l’ipotesi di uscire dalla vendita di energia e gas per concentrarsi sul servizio di distribuzione gas. In tale strategia entrerebbe l’alleanza con Italgas, una delle possibili soluzioni allo studio, che porterebbe alla nascita di una nuova realtà locale del valore di un miliardo di euro …

Leggi tutto…

È arrivato il via libera di Bruxelles alla creazione della joint-venture tra Snam e Società gasdotti Italia, che si occuperà della costruzione e gestione della Dorsale sarda, il grande gasdotto che garantirà l’approvvigionamento di metano a tutta l’isola. L’operazione, è il giudizio dei tecnici europei, non pone problemi sotto il profilo della concorrenza…

Leggi tutto…

La società ha siglato un memorandum of understanding con Beijing Gas, il maggior distributore e fornitore di gas naturale in Cina. L’accordo prevede lo studio di possibili progetti da sviluppare in comune, ma rappresenta per Snam un importante porta per entrare nel mercato della seconda economia mondiale, dove la domanda di gas è prevista in crescita del 60% al 2040…

Leggi tutto…