Case history: i risultati della ricerca perdite nella rete ACDA utilizzando la tecnologia satellitare Utilis

Una problematica, quella della manutenzione e salvaguardia della rete idrica, che non è certamente solo italiana, ma riguarda, in misure diverse, le reti idriche di tutto il mondo. Da Israele, la start up Utilis Corp., ha brevettato una tecnologia innovativa che si sta rivelando uno strumento particolarmente efficace per affrontare questa annosa situazione.

Il sistema Utilis utilizza la tecnologia satellitare, acquisendo le immagini grezze dell’area interessata attraverso un satellite orbitante a 638 km di altezza, lavorandole poi mediante analisi algoritmica e correzioni radiometriche, per rendere possibile la visualizzazione delle potenziali perdite in rapporti GIS user friendly che ne mostrano l’esatta posizione sul territorio.

Si tratta di una tecnologia arrivata anche in Italia grazie a Hera Group che, dopo averla sperimentata con successo sulla rete di Ferrara, ne ha esteso l’utilizzo a tutti i 27.000 km di rete che gestisce complessivamente la multiutility emiliana, attiva oggi in oltre 300 comuni d’Italia.

Nel 2017 c’è stato il passo decisivo per la diffusione in Italia della tecnologia Utilis, con l’individuazione di 2f Water Venture srl quale distributore esclusivo di questo sistema. In poco più di un anno sono stati avviati 18 progetti con partners quali Acea, Acque Bresciane, ATS – Alto Trevigiano Servizi, Ingegnerie Toscane e Multiservizi solo per citare alcune delle water utilities che hanno dato fiducia a 2f Water Venture e Utilis.

 

All’ing. Massimo Ramazzotto, Product Manager 2f Water Venture, chiediamo come si sviluppa l’approccio di 2f con il mercato italiano?

“Cerchiamo clienti fra le water utilities. Presentiamo la tecnologia Utilis, spieghiamo come funziona e qual è il nostro obiettivo. Trovare perdite idriche fornendo uno strumento per ottimizzare nel tempo la gestione della rete. Suggeriamo un progetto pilota iniziale su circa 600 km di rete idrica, che equivalgono a circa 70 buffer da consegnare e quindi un servizio di 2 o 3 scansioni all’anno su più di 1000 km di rete.”



Quali sono i risultati conseguiti con i progetti pilota più recenti?

“Fra i progetti pilota conclusi nei primi mesi 2018, una case history interessante riguarda Acda (Azienda cuneese dell’Acqua), che gestisce il ciclo idrico integrato in 100 comuni nel cuneese. Nei 9 giorni dedicati al progetto abbiamo ottenuto risultati in linea con le nostre aspettative e quelle del cliente –
ci spiega Ramazzotto – sono stati indagati – 879 km della rete, prelocalizzati 69 buffer in cui sono state trovate 34 perdite, per una media di 3,8 perdite trovate al giorno, che, rispetto a poco più di una singola perdita al giorno trovata mediamente con i sistemi acustici tradizionali, rappresenta un miglioramento epocale sul mercato della ricerca delle perdite idriche.


Fonti Utilis ci rivelano che i già sorprendenti risultati di questa tecnologia sono in continuo miglioramento per effetto del progressivo affinamento dell’analisi algoritmica in riferimento all’attività sulle aree su cui la tecnologia Utilis opera con continuità.


Leggi anche

I lavori avevano preso il via nel 2017 e hanno visto la ricostruzione del sito e l’attivazione di una nuova linea di trattamento dei reflui. Un’opera del valore di 6,5 milioni di euro fondamentale per garantire la tutela ambientale della località turistica salentina. Nell’ambito del progetto è stata anche adeguata la rete fognaria e costruito un nuovo collettore…

Leggi tutto…

Uno studio realizzato dal Centre on Regulation in Europe, e presentato a Roma da Utilitalia e fondazione Utilitatis, sottolinea come in tema di gestione del ciclo idrico non conti l’assetto pubblico o privato dell’operatore, ma la capacità di garantire un servizio efficiente, efficace e di alta qualità ai cittadini. E, in entrambi i casi, la presenza di una regolazione indipendente è fondamentale per stimolare gli investimenti….

Leggi tutto…

Mancano gli ultimi dettagli al progetto esecutivo per la realizzazione della rete idrica e fognaria, rispettivamente, per un’estensione di 7 e 8 chilometri, a servizio del quartiere che sorge nell’estrema periferia Ovest della Capitale. Un’opera del valore complessivo di 8,5 milioni di euro, attesa da tempo e della quale beneficeranno circa 120 utenze, che sarà messa a gara il prossimo settembre. …

Leggi tutto…

Presentato dall’AD Piero Ferrari, il nuovo piano punta a migliorare le infrastrutture dei 55 comuni gestiti e l’efficienza operativa attraverso la digitalizzazione dei processi. Una bella fetta di risorse sarà destinata all’ottimizzazione dei distretti idrici e alla riduzione e valorizzazione dei fanghi di depurazione …

Leggi tutto…

Concluso ed entrato in servizio un nuovo tratto di infrastruttura che il gestore idrico sardo ha realizzato in piazza Sacro Cuore. Un chilometro di condotte in ghisa sferoidale posate in sostituzione della rete esistente, costituita da tubi in acciaio e in ferro ormai gravemente ammalorati. L’intervento è parte dell’ampio piano di efficientamento e ingegnerizzazione che interessa l’intera rete cittadina …

Leggi tutto…