Catania: avviata la progettazione per la nuova rete fognaria


Al via la progettazione della nuova rete fognaria di Misterbianco, una grande opera che permetterà di superare la procedura d’infrazione europea che riguarda undici comuni della provincia di Catania. Opera che prevede la costruzione di 600 chilometri di condotte per raccogliere e convogliare i reflui della cittadina e di altri dieci comuni (Belpasso, Camporotondo Etneo, Gravina di Catania, Mascalucia, Nicolosi, Pedara, San Pietro Clarenza, Trecastagni, Tremestieri Etneo) e del quartiere di Catania di San Giovanni Galermo, al depuratore consortile situato nel territorio stesso di Misterbianco.
Un’opera, gestita dalla struttura del Commissario straordinario unico per la depurazione Enrico Rolle, imponente anche nelle cifre, considerando che il costo dei lavori, tra rete e depuratore, è superiore ai 200 milioni di euro, ma indispensabile e urgente sia per evitare nuove costose sanzioni economiche da parte dell’Europa sia per dotare finalmente questa area di Sicilia di un adeguato sistema di raccolta e gestione dei reflui.
«Il lavoro sull’agglomerato di Misterbianco rappresenta una tra le sfide più importanti per la qualità ambientale del territorio siciliano – ha spiegato il commissario Enrico Rolle –. Entro la fine del 2019 partiranno i lavori di realizzazione della rete, che valgono oltre 150 milioni, mentre per l’adeguamento del depuratore di Misterbianco sono già in corso le attività propedeutiche alla progettazione, con inizio previsto dei cantieri a metà del 2020».
La gara per la progettazione dell’intervento, data la sua complessità, è stata suddivisa in cinque lotti funzionali, per un importo cumulativo di 4 milioni di euro.


Leggi anche

Conclusi i lavori, per un valore di 2,2 milioni di euro, del secondo lotto del progetto La Vettola-San Piero, avviato dal gestore idrico del Basso Valdarno per dotare le due frazioni di una rete fognaria e garantire il collettamento di tutti i reflui fognari provenienti dalla zona sud-est della città verso il sistema depurativo…

Leggi tutto…

Il progetto presentato dalla società, che gestisce il servizio idrico in 53 comuni del Veneto Orientale, riguarda il quartiere Fiera e prevede la posa di circa 1.000 metri di nuova fognatura nera, oltre 1.400 metri di rete acquedottistica e 180 metri di condotte per le acque meteoriche. I lavori partiranno a breve e si protrarranno per 7 mesi, per un costo complessivo di 1,1 milioni di euro…

Leggi tutto…

“Una rete per fare impresa”. Questo il titolo dei Seminari IWS realizzati il 17 e 18 ottobre 2018 in occasione dell’ultima edizione di H2O a Bologna. L’iniziativa ha coinvolto utilities, ricercatori, ingegneri, tecnici e progettisti, registrando una grande affluenza di pubblico specializzato….

Leggi tutto…

Un maxi progetto, unico in Italia, che prevede l’installazione di 1000 apparecchi di misurazione lungo 2.700 km. di condotte. Prima, la modellazione idraulica. Poi, le videoispezioni. E adesso, il monitoraggio costante delle portate. BrianzAcque sta eseguendo un check up completo dell’intero sistema delle reti fognarie. Obiettivo? Conoscerne lo stato di salute, individuarne potenzialità e punti deboli, così da riuscire a intervenire in via preventiva e in modo sempre più mirato sull’intero sistema di sottoservizi. …

Leggi tutto…

Il gestore del servizio idrico del Lazio meridionale utilizzerà la tecnologia no-dig per realizzare un attraversamento ferroviario e della via Appia nell’ambito dei lavori, che sta concludendo, di ammodernamento ed estensione della rete fognaria nei quartieri C8 e C9 del comune in provincia di Latina. Inoltre, provvederà anche alla sostituzione di 900 metri di condotte idriche, ormai obsolete …

Leggi tutto…