C’è anche Italgas tra i pretendenti di Ascopiave

C’è anche Italgas nella partita per Ascopiave. Il principale operatore italiano della distribuzione gas si aggiunge ai soggetti interessati al riassetto dell’utility veneta, controllata da un patto di comuni per lo più della marca trevigiana. Ascopiave ha infatti avviato un piano per la riorganizzazione dei suoi principali business: la vendita di energia (gas ed elettricità) e la distribuzione gas. Il progetto della società è di cedere la maggioranza dei clienti finali della prima attività per investire i proventi nella seconda, dove già conta oltre 500.000 utenze e dove intende rafforzare ulteriormente la sua posizione, anche attraverso partnership. Un progetto che non poteva lasciare indifferente Italgas. «Stiamo guardando il dossier. Faremo un’offerta non vincolante per il pacchetto di distribuzione gas: offriremo un progetto industriale, stiamo studiando delle strutture affinché entrambe le società possano creare valore da una partnership – ha dichiarato Paolo Gallo, amministratore di Italgas, rispondendo alle domande dei giornalisti a margine dell’ultima assemblea dei soci che lo ha riconfermato alla guida della società -. Non possiamo non guardare a un operatore di queste dimensioni, abbiamo ricevuto l’information memorandum e offriremo un progetto industriale».

Per Italgas si tratta di un’operazione in linea con la strategia messa nero su bianco nel piano industriale che, in attesa delle gare sulla distribuzione del metano a livello locale, prevede che la società continui a crescere anche attraverso nuove acquisizioni. Piano industriale che, inoltre, sarà aggiornato e presentato agli investitori e soci il prossimo 12 giugno e che conterrà un importante incremento degli investimenti, attualmente fissati a 4 miliardi di euro per la crescita organica, la trasformazione digitale e, appunto, le acquisizioni fuori dalle gare d’ambito.

Tornando al dossier Ascopiave, all’operazione sono interessate anche Aim Vicenza, Agsm Verona e A2A, che hanno appena sottoscritto una lettera d’intenti non vincolante per l’avvio dello studio di un percorso congiunto per valutare la possibile acquisizione degli asset del gruppo Ascopiave nella vendita di energia e la costituzione di un’alleanza nel settore della distribuzione gas.


Leggi anche

Completata e collaudata la rete di distribuzione del calore a servizio del borgo che sorge sulle colline metallifere senesi. Ad alimentarla un pozzo geotermico di Enel Green Power che garantisce una potenza di 5 MW termici sufficiente a fornire calore alle 400 utenze del centro storico. Realizzata con un investimento di 5,6 milioni di euro, l’infrastruttura è gestita da Geo Energy Service

Leggi tutto…

La società veneta, specializzata nella produzione di energia da biomasse, ha acquistato da Engie il sistema di teleriscaldamento a servizio di Sellero, Novelle e Cedegolo, in provincia di Brescia. Il sistema è costituito da una centrale di cogenerazione alimentata con legno vergine da filiera corta e da una rete che si estende per 21 chilometri…

Leggi tutto…

L’impianto, che sorge in località Pantano e serve buona parte della città dei Sassi, è oggetto di una serie di interventi per incrementarne la capacità di trattamento a 34.000 abitanti equivalenti, dagli attuali 28.000, e migliorarne l’efficienza nel processo dei reflui. L’ammodernamento del depuratore sarà concluso entro luglio con un investimento complessivo di 4,8 milioni di euro …

Leggi tutto…

La società ha acquisito la partecipazione residua del precedente gestore Giemme Gestione Multiservice, e ora è il gestore unico del servizio nel comune lombardo. La rete di teleriscaldamento di Cinisello serve 18.000 abitanti, fornendo circa 50 GWh termici all’anno, garantendo una riduzione di oltre il 25% di emissioni di CO2 e NOx rispetto alle tradizionali caldaie…

Leggi tutto…

La società, che gestisce la distribuzione gas in una ventina di comuni tra Campania e Basilicata, ha completato lo sviluppo di una rete che consentirà di portare il servizio nelle due località montane in provincia di Salerno. La rete, cofinanziata dal Ministero dello Sviluppo Economico, si sviluppa per oltre 22 chilometri e a breve sarà completata delle ultime diramazioni…

Leggi tutto…