Centria ai vertici per la sicurezza delle reti gas

Settima come dimensione nella distribuzione gas, ma soprattutto ai primi posti tra le realtà del settore per quanto riguarda la sicurezza della sue infrastrutture. È quanto dicono i dati della “Relazione annuale sullo stato dei servizi” relativa all’anno 2020 dell’ARERA (Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente) in merito all’attività di Centria. Dati che mettono in risalto l’attenzione rivolta dalla società del gruppo Estra dedicata alla distribuzione del gas naturale al tema della sicurezza di reti e impianti gestiti.

La società svolge infatti un’attività di ispezione sistematica delle proprie reti in modo continuativo e di ben 3,5 volte superiore rispetto agli obblighi definiti dalla stessa Autorità. 
 

I numeri delle ispezioni

L’infrastruttura di distribuzione del metano gestita da Centria, a fine 2020, ammontava a oltre 6.036 km, servendo 110 comuni nelle province di Arezzo, Ascoli Piceno, Firenze, Grosseto, Isernia, Lucca, Perugia, Pistoia, Prato, Rieti, Siena e Teramo. La rete è stata ispezionata per il 99%, ovvero 5990 km. E a seguito delle ispezioni sono state rilevate 2 dispersioni ogni 100 km di rete.

Numeri che collocano la società ai primi posti in Italia per le attività relative alla sicurezza degli impianti, aspetto che contribuisce a garantire la sicurezza dei cittadini nei territori serviti.
 

Poche anche le dispersioni segnalate dai cittadini

Ma numeri altrettanto eccellenti si registrano anche per quanto riguardo il numero delle dispersioni segnalate dai cittadini. Un numero molto basso, pari a 835 segnalazioni su 419.355 utenti serviti, che mostra la buona qualità delle reti e un’oculata gestione nella distribuzione. Soprattutto, poche dispersioni comportano una netta riduzione di eventi che potrebbero mettere a rischio la sicurezza e l’incolumità dei cittadini e dei beni.
 

Investimenti che portano risultati

Livelli di qualità frutto anche degli importanti investimenti che l’azienda dedica a:

  • infrastrutture,
  • formazione del personale
  • allacciamenti
  • sostituzione dei vecchi contatori con nuovi smart meter
  • introduzione di nuove tecnologie.

Attività nelle quali Centria, lo scorso anno, ha investito oltre 18 milioni di euro.

 

Iscriviti ora alla newsletter bimestrale
di Servizi a Rete per essere il primo a conoscere le attività

 


Leggi anche

La società del gruppo Italgas ha completato e messo in esercizio le reti native digitali di distribuzione del metano in altri sette comuni nel Sud dell’isola: Sestu, Monastir, Guasila, Samatzai, Samassi, Piscinas e Tratalias. Di particolare rilevanza l’infrastruttura di Sestu, che sarà la principale rete di distribuzione collegata all’impianto Power to Gas per la produzione di idrogeno verde e permetterà di testare gli impieghi del gas green in ambito urbano…

Leggi tutto…

A dirlo un nuovo report dell’European Hydrogen Backbone, secondo il quale la domanda di idrogeno nell’Unione Europea e Regno Unito toccherà i 2.300 TWh entro il 2050. Tale domanda potrà essere soddisfatta dalla produzione interna di idrogeno verde e blu, coadiuvata dalle importazioni dai Paesi vicini. E i metanodotti si confermano l’infrastruttura più conveniente per il trasporto….

Leggi tutto…

La società si è aggiudicata la gara per la distribuzione nell’ambito territoriale che comprende il capoluogo campano e i comuni di Ercolano, Portici, San Giorgio a Cremano, Torre Annunziata e Torre del Greco. Una gara del valore di 650 milioni di euro, che rafforza la presenza di 2i Rete Gas in Campania, dove già distribuisce gas a oltre 252.000 utenze e, tramite Cilento Reti Gas, sta metanizzando 31 comuni….

Leggi tutto…

Consegnati i lavori per completare la metanizzazione della cittadina in provincia di Palermo. Si tratta del primo stralcio, che riguarda i quartieri di Sant’Antonio e via Lanza, del piano di estensione dell’infrastruttura, approvato dal Comune lo scorso marzo, del valore di 12,6 milioni. A eseguire l’intervento la ditta IN.CO Edile, per conto del concessionario BA.SE….

Leggi tutto…

Sarà avviato a Modena il primo centro di eccellenza nazionale sulle tecnologie dell’idrogeno di Snam. Il polo nasce in collaborazione con l’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia e si focalizzerà sull’automazione e mobilità. Rappresenta il primo di una serie di hub finalizzati ad aggregare partner industriali e centri di ricerca universitari per accelerare lo sviluppo del settore toccando tutta la filiera….

Leggi tutto…