CIG: pubblicato il rapporto tecnico sul risanamento delle condotte gas

È pronto ed è stato pubblicato il rapporto tecnico UNI/TR 11860:2022. Il documento, redatto dal Comitato Italiano Gas (CIG) costituisce la nuova prassi di riferimento sul rinnovo e risanamento delle condotte di distribuzione del gas.

Più nello specifico il rapporto ha come obiettivo di rendere più accessibile il ricorso alle tecnologie con limitata necessità di scavo o di lavori edili negli interventi di risanamento o rinnovo delle reti e derivazioni d’utenza gas. Soluzioni che, più in generale, permettono di limitare l’impatto delle opere sull’ambiente, ma soprattutto si rivelano di grande utilità e rilevanza negli interventi in aree soggette a vincoli ostativi, ambientali, antropici e sociali che possano limitare o condizionare i lavori sulle infrastrutture esistenti con metodologie di tipo tradizionale.

La UNI/TR 11860 pertanto fornisce informazioni ed indicazioni utili per la gestione delle metodologie di risanamento delle condotte e per la conduzione delle reti esistenti in seguito al rinnovamento.
 

Di cosa tratta

Il rapporto tecnico tratta la valutazione di:

  • materiali
  • metodologie di esecuzione degli interventi di manutenzione, modifica e riparazione delle infrastrutture rinnovate
  • metodologie e lavorazioni idonee per il risanamento.

Il rapporto tecnico si applica a condotte con pressione massima di esercizio minore o uguale a 0,5 MPa (5 bar), che convogliano gas della I e II famiglia così come definiti nella UNI EN 437. Può essere applicato a gas della III famiglia così come definiti ancora nella UNI EN 437.

Relativamente alla protezione delle tubazioni di gas presenti nel sottosuolo, si applicano la UNI 10576 e l’UNI/TR 11228.
 

Riferimenti normativi

All’interno del rapporto tecnico sono riportati i seguenti riferimenti normativi UNI

  • 9034 Tubazioni per la distribuzione del gas con pressione massima di esercizio (MOP) minore o uguale 0,5 MPa (5 bar) – Materiali e sistemi di giunzione;
  • 9860 Infrastrutture del gas – Condotte con pressione massima operativa non maggiore di 0,5 MPa (5 bar) – Impianti di derivazione di utenza del gas – Progettazione, costruzione, collaudo, conduzione, manutenzione e risanamento
  • 9165 Infrastrutture del gas – Condotte con pressione massima di esercizio minore o uguale a 5 bar – Progettazione, costruzione, collaudo, conduzione, manutenzione e risanamento
  • 10576 Protezione delle tubazioni gas durante i lavori nel sottosuolo
  • TR 11228 Opere di protezione per tubazioni gas interrate per interferenze con ferrovie, tranvie, strade, altri servizi interrati e fabbricati
  • EN 437 Gas di prova, pressioni di prova, categorie di apparecchi
  • EN 12327 Infrastrutture del gas – Collaudi a pressione, procedure di messa in esercizio e di messa fuori esercizio – Requisiti funzionali.

 


Leggi anche

A tanto ammonta il volume distribuito dalla società del Gruppo Italgas nell’isola nei primi quattro mesi di quest’anno. Un grande traguardo per una regione che, fino a due anni fa, era l’unica della Penisola ancora non raggiunta dal metano. Un risultato frutto del grande lavoro dell’azienda che in questi quattro anni ha realizzato oltre 1400 chilometri di rete, native digitali, e 59 depositi criogenici di gas …

Leggi tutto…

Siglata l’intesa tra il secondo operatore e l’amministrazione del comune potentino, che permetterà di estendere la rete di distribuzione del metano di ulteriori 750 metri, per garantire il servizio ad una nuova porzione di territorio. L’accordo prevede anche il rinnovamento di quasi di due chilometri di vecchie condotte nel centro storico del Comune…

Leggi tutto…

Frutto della collaborazione tra Assolombarda, H2IT e LE2C, la nuova piattaforma si pone come obiettivo di favorire l’incontro e la collaborazione tra le imprese lombarde e il mondo della ricerca per supportare lo sviluppo della filiera italiana dell’idrogeno. Un punto di incontro per continuare a crescere in un settore che giocherà un ruolo decisivo nel futuro energetico europeo…

Leggi tutto…

Gli investimenti tecnici realizzati dal gestore della distribuzione gas di 101 comuni toscani hanno sfiorato i 70 milioni di euro lo scorso anno, in aumento di ben il 16% rispetto al 2020. Risorse impegnate, in particolare, per metanizzare nuove porzioni di territorio e accelerare il processo di digitalizzazione delle infrastrutture, aspetto strategico per aprire la rete alla distribuzione dei gas rinnovabili…

Leggi tutto…

L’associazione che riunisce i sette maggiori distributori gas ha presentato il suo Sustainability Charter, il documento che definisce l’approccio e l’impegno dei membri al tema della sostenibilità. Articolato su 9 obiettivi, il documento rappresenta la prima tappa di un percorso green con i quali gli operatori della distribuzione si pongono come attori chiave nel processo di transizione energetico dell’Unione Europea …

Leggi tutto…