CIIP: c’è il bando per il potenziamento dell’acquedotto Montelparo-Belmonte Piceno

CIIP (Cicli Integrati Impianti Primari) il gestore idrico dell’ATO 5 Marche, ha indetto un bando di gara per un appalto integrato per il potenziamento della rete idrica Montelparo-Belmonte Piceno. Il bando prevede l’affidamento delle attività di ingegneria e architettura per la progettazione esecutiva dell’opera e l’esecuzione dei lavori.

 

Le opere

I lavori riguardano il raddoppio del tratto dell’acquedotto già presente tra Montelparo e Belmonte Piceno. Più nello specifico, consistono nella realizzazione ex novo di una condotta adduttrice dell’estensione di 9 km da affiancare a quella già esistente.

 

Un bando da 9,5 milioni di euro

Il valore dell’appalto supera nel totale i 9,5 milioni di euro che servono a ricoprire le spese per:

  • progettazione esecutiva: 121.888,07 euro
  • lavori a corpo (soggetti a ribasso): 9.072.415,75 euro, dei quali 1.490.404,79 euro per i costi della manodopera
  • oneri per i piani della sicurezza (non soggetti a ribasso): 372.614,08 euro.

Le opere sono co-finanziate dal PNRR a valere sulla Missione 2 Rivoluzione verde e transizione ecologica, Componente 4 Tutela del territorio e della risorsa idrica, Investimento 4.1 Semplificazione normativa e rafforzamento della governance per la realizzazione degli investimenti nelle infrastrutture di approvvigionamento idrico.

 

Le tempistiche

Le attività di progettazione e quelle per l’esecuzione dei lavori devono essere concluse entro 760 giorni (considerati anche dei giorni di andamento stagionale sfavorevole). All’interno di tale arco temporale sono previste le seguenti specifiche tempistiche per:

  • la progettazione esecutiva: deve essere redatta e consegnata alla Stazione appaltante entro 90 giorni
  • lavori: devono essere conclusi in 670 giorni.

 

Offerte entro il 6 marzo

La procedura di gara si svolge digitalmente attraverso la piattaforma telematica messa a disposizione da CIIP. E le offerte vanno trasmesse entro le ore 12 del prossimo 6 marzo. Le proposte saranno valutate a partire dal giorno successivo.

 


Leggi anche

La sostituzione di cinque chilometri di vecchie condotte con tubazioni nuove, l’installazione di 1300 contatori di ultima generazione e una rete idrica comunale che passa da 30 a 38 distretti, in modo da ridurre la durata e il numero dei guasti, limitando i disagi agli utenti. Questi sono alcuni dei risultati raggiunti da GORI a Torre del Greco grazie al progetto Azioni Per l’Acqua….

Leggi tutto…

Il gestore idrico della provincia di Udine ha definito i principali focus progettuali per l’anno in corso, che detteranno le politiche di investimento anche nei prossimi. Tra le priorità il rifacimento delle grandi dorsali idriche, l’abbattimento delle perdite e la digitalizzazione delle infrastrutture. Sempre quest’anno sarà completata la progettazione di una nuova dorsale idrica di 42 chilometri a beneficio della Bassa Friulana, in particolare delle località turistiche….

Leggi tutto…

Innovazione e attenzione all’ambiente hanno caratterizzato l’intervento condotto dal gestore per riqualificare una dorsale di 363 metri in località Colombara. Le vecchie condotte sono state sostituite con nuove tubazioni in polietilene corazzato e per la loro posa è stata scelta tecnologia no-dig, che ha permesso di condurre i lavori in modo rapido e senza creare disagi alla viabilità della strada Regionale 11….

Leggi tutto…

Si è conclusa la scorsa settimana, con la consegna dei diplomi, la prima edizione del Master in Tutela e gestione della risorsa idrica (I livello). Si tratta di un progetto interdisciplinare nato dalla collaborazione tra l’Università Ca’ Foscari di Venezia e le aziende aggregate in Viveracqua….

Leggi tutto…

Ridurre la dispersione idrica In Sardegna. Questo è l’obiettivo di Abbanoa che, con un finanziamento PNRR superiore ai 42 milioni di euro, ha dato il via alle opere di efficientamento in quindici comuni dell’isola: Nuoro, Olbia, Sassari, La Maddalena, San Teodoro, Porto Torres, Bosa, Siniscola, Cabras, Budoni, Selargius, Tempio Pausania, Terralba, Sestu e Sorso. Tutti caratterizzati da alti tassi di perdite negli acquedotti….

Leggi tutto…