Citelum è il nuovo gestore dell’illuminazione pubblica a Empoli

Mancano solo le ultime verifiche normative per ufficializzare la nomina di Citelum a nuovo gestore del servizio di illuminazione pubblica della città di Empoli.

La società francese, con sede a Parigi, si è infatti aggiudicata la gara, pubblicata lo scorso ottobre dall’amministrazione comunale, che comprende il rinnovo ben 6300 punti luce sul territorio. L’importo netto a base di gara, per l’intera durata del servizio che è di 10 anni, dal 2019 al 2029, era di 7.334.400 euro, con importo annuale pari a 733.440 euro. Quella della società parigina è stata l’offerta economicamente più vantaggiosa, con la proposta di canone annuo pari a 626.959 euro, con un ribasso del 14,5%.

Il contratto prevede la concessione di servizi energetici per la gestione degli impianti di pubblica illuminazione e degli impianti speciali. Comprende, inoltre, la fornitura elettrica, la manutenzione e l’esecuzione di interventi di miglioramento dell’efficienza energetica sul territorio.

Arrivare alla pubblicazione della gara è stata una sfida per gli uffici comunali. Il lavoro preparatorio è durato circa 4 anni, coinvolgendo tutte le aree, dai tecnici delle manutenzioni agli elettricisti, per avviare un percorso di monitoraggio e di costruzione del database di tutte le informazioni. Non esisteva infatti un documento che racchiudesse il quadro completo dei punti luce presenti nell’intero territorio cittadino. Poi c’è voluto il supporto di Cet per costruire il progetto di investimento e di gestione da mettere a gara e, infine, tutto l’impegno dell’ufficio tecnico del Comune e dell’ufficio Gare e Contratti per trasformare tutto il materiale in un bando di gara di caratura europea.

Obiettivi dell’operazione l’innovazione tecnologica degli impianti a beneficio dell’ambiente e della sicurezza e di una maggiore efficienza nella gestione del servizio con pronto intervento su guasti e necessità di manutenzione.

Citelum in Italia gestisce attualmente più di 200 contratti, illuminando alcuni dei centri urbani più conosciuti e visitati, tra i quali Napoli, Venezia, Siena, Piacenza, Cremona, Siracusa, Perugia, L’Aquila e Prato.


Leggi anche

Il consiglio di amministrazione della società che gestisce il servizio idrico nei comuni delle province di Ancona e Macerata ha nominato il manager anconetano, da 21 anni in azienda, nel ruolo di direttore generale. La lotta alle perdite idriche e la ricerca di nuove fonti di approvvigionamento tra le priorità sulle quali verranno concentrati gli sforzi nei prossimi anni …

Leggi tutto…

La società ha presentato il progetto del nuovo impianto per il comune del frusinate, attualmente servito da un depuratore che però non copre il fabbisogno dell’intero territorio. Le opere, per un valore di 6 milioni di euro, comprendono anche un nuovo collettore, per collegare al depuratore gli scarichi attualmente non trattati, e una nuova linea di scarico delle acque depurate …

Leggi tutto…

Ancora un po’ di pazienza, dopo un’attesa di 40 anni, per gli abitanti del comune della provincia di Caserta, che entro 35 mesi potranno finalmente usufruire del servizio di distribuzione gas. Powergas Distribuzione si è aggiudicato il bando per la realizzazione dell’infrastruttura, con un investimento di circa 3 milioni di euro, e la gestirà per 11 anni e 11 mesi …

Leggi tutto…

L’operazione prosegue il percorso di crescita del Gruppo nei servizi ambientali e segue quelle realizzate negli scorsi anni che hanno riguardato le toscane Waste Recycling e Teseco, le trevigiane Geo Nova e Aliplast. Con l’acquisizione di Pistoia Ambiente, che porta in dote anche un impianto per il trattamento dei rifiuti liquidi, la società potenzia anche il suo parco impiantistico…

Leggi tutto…

La giunta regionale ha disposto un nuovo finanziamento per 1,5 milioni a sostegno dell’adeguamento del sistema fognario dell’area gardesana. Indispensabile per salvaguardare le acque del lago, l’opera interessa i comuni sia della riva veneta sia lombarda. La realizzazione richiederà un maxi investimento complessivo di 220 milioni di euro…

Leggi tutto…