Citelum è il nuovo gestore dell’illuminazione pubblica a Empoli

Mancano solo le ultime verifiche normative per ufficializzare la nomina di Citelum a nuovo gestore del servizio di illuminazione pubblica della città di Empoli.

La società francese, con sede a Parigi, si è infatti aggiudicata la gara, pubblicata lo scorso ottobre dall’amministrazione comunale, che comprende il rinnovo ben 6300 punti luce sul territorio. L’importo netto a base di gara, per l’intera durata del servizio che è di 10 anni, dal 2019 al 2029, era di 7.334.400 euro, con importo annuale pari a 733.440 euro. Quella della società parigina è stata l’offerta economicamente più vantaggiosa, con la proposta di canone annuo pari a 626.959 euro, con un ribasso del 14,5%.

Il contratto prevede la concessione di servizi energetici per la gestione degli impianti di pubblica illuminazione e degli impianti speciali. Comprende, inoltre, la fornitura elettrica, la manutenzione e l’esecuzione di interventi di miglioramento dell’efficienza energetica sul territorio.

Arrivare alla pubblicazione della gara è stata una sfida per gli uffici comunali. Il lavoro preparatorio è durato circa 4 anni, coinvolgendo tutte le aree, dai tecnici delle manutenzioni agli elettricisti, per avviare un percorso di monitoraggio e di costruzione del database di tutte le informazioni. Non esisteva infatti un documento che racchiudesse il quadro completo dei punti luce presenti nell’intero territorio cittadino. Poi c’è voluto il supporto di Cet per costruire il progetto di investimento e di gestione da mettere a gara e, infine, tutto l’impegno dell’ufficio tecnico del Comune e dell’ufficio Gare e Contratti per trasformare tutto il materiale in un bando di gara di caratura europea.

Obiettivi dell’operazione l’innovazione tecnologica degli impianti a beneficio dell’ambiente e della sicurezza e di una maggiore efficienza nella gestione del servizio con pronto intervento su guasti e necessità di manutenzione.

Citelum in Italia gestisce attualmente più di 200 contratti, illuminando alcuni dei centri urbani più conosciuti e visitati, tra i quali Napoli, Venezia, Siena, Piacenza, Cremona, Siracusa, Perugia, L’Aquila e Prato.


Leggi anche

Con la firma del contratto di servizio giunge a conclusione definitiva l’iter per la prima gara per la concessione del servizio fatta con il metodo degli Atem. Servizio che interessa 49 comuni della prima e seconda cintura del capoluogo piemontese per 12 anni, che Italgas si era aggiudicato lo scorso aprile con un’offerta di 200 milioni e un programma di investimenti che prevede, tra l’altro, il rinnovo di 180 km di rete e la posa di altri 150 km di nuove condotte…

Leggi tutto…

Il Tar della Lombardia ha annullato la gara aggiudicata a Unareti, società del gruppo A2A, per la concessione per 12 anni del servizio di distribuzione del gas a Milano e in sei comuni della sua provincia. Il Tribunale amministrativo regionale ha dunque accolto il ricorso di 2i Rete Gas, come aveva già accolto quello di A2A proprio contro 2i Rete gas: da rifare dunque la mega gara del valore di 1,3 miliardi di euro e la prima, tra le poche, che erano state assegnate …

Leggi tutto…

Dopo tanti rinvii, l’assemblea dei sindaci ha finalmente approvato la convenzione che dà il via all’iter per la gara per aggiudicare il servizio di distribuzione gas nell’Atem 146, che comprende 117 comuni irpini. Il nuovo concessionario sarà scelto con bando europeo, gestirà per 12 anni un’infrastruttura che si sviluppa in totale per 1541 km, del valore di circa 10 milioni di euro di fatturazione all’anno …

Leggi tutto…

La gara riguarda il completamento per il secondo lotto dell’importante infrastruttura che permetterà di raccogliere e convogliare le acque bianche e nere tra la zona di via Leonardo Da Vinci fino al depuratore di Acqua dei Corsari, raccogliendo i reflui di diversi quartieri. L’importo a base gara è di quasi 27 milioni di euro e il termine per la presentazione delle offerte è fissato al 15 gennaio 2020…

Leggi tutto…

Il Consiglio di amministrazione del gestore idrico pugliese ha dato l’ok a tre nuovi grandi bandi. Due, per un totale di 21 milioni, interessano la distrettualizzazione della rete idrica di Bari e di alcuni comuni della sua provincia. Il terzo, dal valore di circa 6,2 milioni, il potenziamento dell’impianto di depurazione a servizio del comune di Taviano, in provincia di Lecce…

Leggi tutto…