Citelum guida la trasformazione smart dei comuni della Valle Sabbia

Non un tradizionale intervento, per quanto imponente, di riqualificazione dell’illuminazione pubblica, ma un grande progetto tutto concepito in ottica smart. È il piano promosso dalla Comunità Montana di Valle Sabbia, in qualità di capofila, al quale hanno aderito 31 comuni dell’area e dell’Est Bresciano. Un progetto che ha come obiettivo la riqualifcazione strutturale e l’effcientamento energetico degli impianti di illuminazione pubblica

Il piano vede anche lo sviluppo di innovativi servizi di smart city in tutte le cittadine che partecipano all’iniziativa. Per la sua realizzazione Comunità Montana di Valle Sabbia ha scelto un partner d’eccellenza: Citelum, società del Gruppo EDF e tra le maggiori realtà internazionali nel campo dell’illuminazione pubblica, artistica e architettonica, della mobilità urbana, dell’effcientamento energetico e dei servizi di smart city.


Comuni più green grazie alla tecnologia LED

Il progetto sarà realizzato con un investimento di 46 milioni di euro spalmati in 16 anni di lavori. Sono previsti importanti interventi che riguarderanno la quasi totalità dei sistemi impiantistici dei comuni. A cominciare dalla posa di circa 30.000 nuovi apparecchi a LED di ultima generazione, dotati di tecnologie digitali per la regolazione e la gestione remota da una centrale di controllo.

La loro installazione permetterà di:

  • migliorare la qualità dell’illuminazione
  • ottenere un risparmio energetico superiore al 72%, riducendo i consumi futuri a meno di un terzo rispetto a quelli attuali

Tale riduzione dei consumi si tradurrà in un importante risparmio per le casse delle amministrazioni pubbliche. Ci saranno enormi vantaggi sotto il piano ambientale, grazie alla riduzione dell’inquinamento luminoso e al drastico abbattimento delle emissioni di gas serra in atmosfera. Questo è stimato in un valore compreso tra 4.400 e 4.600 tonnellate di CO2 all’anno, equivalenti alla piantumazione di 155.000 nuovi alberi.


Servizi evoluti

Per quanto riguarda la parte smart city, il progetto prevede la realizzazione di una smart grid a copertura dell’intero territorio e l’attivazione di tutta una serie di servizi “intelligenti”. Servizi che includono la videosorveglianza e l’installazione di:

  • sistemi di ricarica per veicoli elettrici e di hotspot wi-fi
  • sistemi di sensoristica per il rilevamento del meteo e della qualità dell’aria
  • pannelli a messaggio variabile
  • sistemi di illuminazione adattiva
  • totem informativi multimediali
  • dispositivi di smart health care

Tutti i servizi, inoltre, saranno sviluppati da Citelum in base alle specifiche esigenze di ciascuno dei Comuni che hanno aderito al progetto.

Clicca qui per leggere il comunicato stampa ufficiale

 

L’illuminazione 4.0 secondo Citelum

«L’illuminazione pubblica costituisce un veicolo essenziale per un’adeguata evoluzione dei contesti urbani, in quanto permette di intervenire su aspetti cruciali della vita delle collettività – ha commentato Raffaele Bonardi, CEO di Citelum Italia -. Aspetti che riguardano la sicurezza e l’accessibilità degli spazi, il miglioramento della loro percezione estetica, il conseguimento di determinati standard di sostenibilità ambientale, con risultati impattanti sia in termini di efficienza energetica che in termini di economia circolare».

In questo contesto si rientra il progetto promosso dalla Comunità Montana di Valle Sabbia. «Un progetto al quale contribuiremo con la nostra esperienza internazionale e l’impiego delle più sofisticate tecnologie made in Italy. Vogliamo portare una nuova luce e una nuova energia a territori di grande valore paesaggistico e ambientale e a comunità ricche di storia e di tradizioni, valorizzandole e rendendole protagoniste del loro futuro».

 
 


 
 

Iscriviti ora alla newsletter bimestrale 
di Servizi a Rete per essere il primo 
a conoscere le attività

 


Leggi anche

Ijinus produce logger funzionanti a batteria, dal piccolo ingombro, dotati di trasmissione dati su più piattaforme, resistenti a condizioni estreme, semplici da usarsi. Cavalli di battaglia sono: i misuratori di livello a batteria, nati per lavorare in fognatura e con un software brevettato per leggere con precisione e non avere problemi con eventuali ostacoli nel cono degli Ultra Suoni; i sensori di tracimazione o overflow….

Leggi tutto…

Stefano Donnarumma Terna

L’assemblea dei soci ha rinnovato il consiglio di amministrazione, tra l’altro ampliato nel numero, del gestore della rete elettrica nazionale. Donnarumma, dimessosi da Acea, è il nuovo amministratore delegato e direttore generale della società, mentre Bosetti è stata eletta alla presidenza. Succedono, rispettivamente, a Luigi Ferraris e Catia Bastioli, e resteranno in carica fino al 2022 …

Leggi tutto…

La centralità di questo combustibile nel processo di decarbonizzazione del Continente è sottolineata dall’ultimo elenco dei Progetti di interesse comune per la rete di interconnessione energetica europea. Progetti che possono accedere ai finanziamenti dell’Unione e che comprendono ben 32 opere che riguardano le infrastrutture gas. Di queste ben 6 sono italiane…

Leggi tutto…

In attesa che si completi la riforma del servizio con l’affidamento delle gestioni, Regioni Calabria ha scelto Sorical, la società che gestisce i grandi sistemi di adduzione regionale, per realizzare il programma di interventi di efficientamento e ingegnerizzazione delle reti di distribuzione. Il progetto interessa circa quaranta comuni ed è sostenuto da un investimento di 68 milioni di euro…

Leggi tutto…

L’Azienda RITMO S.P.A. fondata nel 1979 da Renzo Bortoli, ha offerto agli oltre 100 dipendenti una serata di festa con una cena all’aperto, musica e cabaret. Una cornice incantevole per una foto ricordo, ma soprattutto per gioire e ricordare tanti aneddoti. …

Leggi tutto…