City Green Light rinnoverà l’illuminazione pubblica di Reggio Emilia

Una migliore qualità della luce, maggior risparmio energetico, più sicurezza e costi minori per le casse comunali. Sono i benefici attesi dal grande progetto di riqualificazione del sistema di illuminazione pubblica di Reggio Emilia. Progetto incluso nella convenzione per la gestione del servizio siglata tra l’amministrazione comunale e City Green Light, società specializzata nel settore, il cui azionariato è composto da Fondo italiano per l’efficienza energetica (Fiee), Fondo europeo Marguerite, Banca europea degli investimenti e Gemmo.

Con un investimento complessivo di 39.674.888 euro nell’arco di nove anni, tale è la durata della convenzione, verranno messe in pensione le vecchie lampade e la città potrà beneficiare di un sistema di illuminazione pubblica più efficiente, di miglior qualità, e di nuovi servizi smart.

L’accordo prevede infatti il rinnovo di oltre 36.000 punti luci, sui 44.000 presenti, con l’installazione di lampade a Led, interventi di aggiornamento e manutenzione straordinaria dei 764 punti di prelievo dell’energia elettrica, delle 753 lanterne semaforiche e dei 55 impianti di funzionamento semaforico. Interventi che saranno realizzati entro due anni dall’attivazione della convenzione e che garantiranno un risparmio energetico previsto superiore a 5.867.215 kWh/annui, a tutto vantaggio di una maggiore sostenibilità ambientale e delle tasche dei cittadini.

Ma non solo. Verranno installati anche 2000 nuovi impianti abilitati alle funzioni smart city, come video-sorveglianza, controllo energetico, mobilità, inquinamento, sicurezza, che consentiranno l’installazione di nuove tecnologie.


Leggi anche

Il prestito avrà scadenza fra 22 anni e servirà a sostenere gli investimenti del gestore della rete di trasmissione elettrica finalizzati a migliorare l’affidabilità e la qualità dell’infrastruttura nazionale, puntando in particolare all’impiego di tecnologie avanzate ed ecocompatibili. Con questa erogazione salgono a 2,15 miliardi di euro i finanziamenti in essere della Bei a Terna…

Leggi tutto…

Lungo 445 chilometri, dei quali 423 sottomarini, l’elettrodotto collega le stazioni elettriche di Cepagatti, in provincia di Pescara, e Lastva, nel comune di Kotor. La sua entrata in esercizio, entro fine anno, permetterà di diversificare gli approvvigionamenti, rafforzare l’affidabilità, l’efficienza, la sicurezza, la sostenibilità ambientale e la resilienza delle reti elettriche delle due sponde adriatiche…

Leggi tutto…

Dopo quello di Torino, Terna inaugura il suo secondo laboratorio dedicato allo sviluppo di idee innovative a servizio della rete elettrica. Il centro di Napoli sarà focalizzato in particolare sul Digital to People, ovvero sulla trasformazione digitale dei processi aziendali e l’innovazione degli strumenti nell’area delle risorse umane e dell’organizzazione…

Leggi tutto…

Con 4 miliardi di ricavi, un contributo al Pil di 2,5 miliardi, 28.000 posti di lavoro attivati in Italia la multiutility costituisce una delle principali realtà industriali nazionali. Una realtà che vuole essere attore chiave per lo sviluppo dei territori serviti, con 3,3 miliardi di investimenti nei prossimi 5 anni, puntando su sostenibilità, economia circolare e innovazione dei servizi …

Leggi tutto…

Vertice tra i tecnici delle due società per fare il punto sull’avanzamento delle opere di interconnessione delle reti idriche del Sud pontino con l’Acquedotto della Campania Occidentale. Un’opera da 7 milioni di euro che attraverso la realizzazione di una condotta di collegamento dell’estensione di 11 chilometri garantirà oltre 5 milioni di metri cubi di acqua annui in più alle popolazioni del basso Lazio…

Leggi tutto…