Cogeneratore di Monza: la sinergia tra BrianzAcque e Acsm-Agam dà grandi risultati

Sono molto positivi i primi 18 mesi di attività del cogeneratore di BrianzAcque a Monza che lavora in azione combinata con la rete di riscaldamento gestita di Acsm-Agam. L’impianto ad alto rendimento, durante questo acro temporale, ha infatti prodotto 17.119.283 kilowattora di energia elettrica e 17.935.977 di kilowattora di calore.

Il sistema fornisce in maniera combinata e secondo un circolo virtuoso energia elettrica e termica. La prima viene utilizzata per alimentare le linee produttive del depuratore di San Rocco di BrianzAcque, gestore idrico della provincia di Monza Brianza.

L’energia termica, invece, viene immessa nella rete di teleriscaldamento di Monza, gestita dalla multiutility del Nord Lombardia Acsm-Agam, fornendo calore a oltre 500 famiglie nei quartieri di San Rocco e di Triante della stessa città. Dotato di una potenza elettrica di 1.550 kWe, il cogeneratore è situato nel cuore della struttura depurativa di San Rocco. La sua realizzazione ha richiesto un investimento di 4,6 milioni di euro, compresa la manutenzione per un arco temporale di dieci anni.
 

Risparmi su tutti i fronti

Un esempio virtuoso di sinergia industriale all’insegna dell’efficienza e del risparmio energetico che porta vantaggi sotto tutti i punti di vista. Il cogeneratore ha prodotto una quantità di energia elettrica in grado di coprire oltre il 75% dei fabbisogni del depuratore San Rocco. In questo modo ha evitato a BrianzAcque di acquistare elettricità per un importo di 2,5 milioni di euro, con un risparmio economico netto pari a 1,4 milioni di euro. Inoltre, la quantità di calore recuperato e ceduto ad Acsm-Agam per l’alimentazione del teleriscaldamento ha generato valore per 150.000 euro, corrispondente a 2 milioni di metri cubi di gas bruciati con una caldaia di tipo tradizionale.

Non minori i benefici ambientali. La produzione efficiente di elettricità ed energia termica fa registrare la mancata emissione di 1.100 tonnellate di CO2 in atmosfera, con un risparmio di energia primaria del 23%.
 

Un esempio virtuoso di sinergia industriale

 «Questi risultati sono significativi e confermano il valore di un impianto, che ci permette di ottimizzare le performance energetiche aziendali e che rappresenta un modello per aprire ulteriori scenari di sviluppo e di politiche sostenibili anche in correlazione al nuovo percorso di transizione ecologica – ha commentato Enrico Boerci, Presidente e AD di BrianzAcque -. La sinergia con Acsm-Agam e il Comune di Monza saranno fondamentali per centrare nuovi traguardi per il rilancio di una Brianza sempre più verde con ricadute positive per il territorio, l’ambiente, il clima».
 

Ulteriori sinergie allo studio

Per collegare l’impianto alla sua rete già presente nel quartiere San Rocco, Acsm-Agam ha esteso la sua infrastruttura di altri circa 800 metri. La rete è stata concepita per trasportare più del doppio dell’energia prodotta dal cogeneratore, in modo da permettere la realizzazione di ulteriori recuperi energetici da parte delle due società. Come l’utilizzo del biogas per la produzione di energia termica. Inoltre, la stessa rete potrà essere utilizzata per allacciare nuovi edifici nel quartiere.
 

Giovanni Chighine di Energia e Tecnologie Smart

«Siamo molto soddisfatti dei risultati ottenuti. Come Gruppo Acsm-Agam siamo stati lungimiranti nel cogliere le opportunità del territorio di convogliare nella nostra rete di teleriscaldamento l’energia termica proveniente da processi industriali e cascami termici. Oggi possiamo dire che grazie questa iniziativa la città di Monza è dotata di infrastrutture all’avanguardia e sta dando un importante contributo nella riduzione delle emissioni in atmosfera, il tutto a favore dei cittadini».

 

Iscriviti ora alla newsletter bimestrale
di Servizi a Rete per essere il primo a conoscere le attività

 


Leggi anche

La Regione ha approvato un bando finalizzato ad efficientare e ammodernare gli impianti di pubblica illuminazione. Il bando si rivolge esclusivamente ai comuni con una popolazione fino a 5.000 abitanti e mette a disposizione in totale 15 milioni di euro. Gli interventi ammessi devono essere realizzati, collaudati e rendicontati entro il 30 novembre 2023…

Leggi tutto…

La società sta concludendo la prima parte delle opere finalizzate a dotare la cittadina bergamasca di un nuovo sistema di teleriscaldamento. Il progetto, da 5 milioni di euro, prevede la costruzione di una nuova centrale di cogenerazione ad alta efficienza, il rifacimento della rete di distribuzione del calore esistente e la sua estensione per almeno altri 6 chilometri per servire nuove zone….

Leggi tutto…

Sono 31 i Comuni che hanno aderito al grande progetto di rinnovamento dell’illuminazione pubblica promosso dalla Comunità Montana di Valle Sabbia. Un piano, da 46 milioni di investimento in 16 anni, che, partendo dalla riqualificazione degli impianti, porterà all’implementazione di innovativi servizi di smart city. A realizzarlo sarà Citelum, tra le maggiori realtà internazionali del settore…

Leggi tutto…

Iniziato l’iter autorizzativo per la linea Santa Teresa-Tempio-Buddusò, un nuovo elettrodotto da realizzare nel Nord della Sardegna e funzionale al fabbisogno estivo e alla decabonizzazione dell’isola. Insieme alla rete, che si svilupperà per 90 km, attraversando otto comuni della Gallura, saranno realizzate due stazioni elettriche, con un investimento di 65 milioni di euro….

Leggi tutto…

La multiutility ha approvato il piano industriale 2021-2024, che ha nella sostenibilità e nel miglioramento e nell’evoluzione dei servizi i suoi focus. Tra i principali target l’incremento della generazione di energia rinnovabile, l’ulteriore sviluppo del teleriscaldamento a Verona e Vicenza, la digitalizzazione delle reti gas ed elettriche. Senza dimenticare lo sviluppo dei servizi ambientali in un’ottica di energia circolare….

Leggi tutto…